UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO
Notizie dal mondo, soprattutto da fonti internazionali, che il mainstream non riporta.

Translate

Cerca nel blog

venerdì 27 marzo 2009

SCIE CHIMICHE E POLIMERI E MORBO DI MORGELLONS...

Secondo la NASA le scie di condensazione (contrails) si formano da 8000 mentri di quota, sotto i -40°C e con un'umidità non inferiore al 70%. Dunque quelle che noi vediamo quasi ogni giorno in tutto l'arco dell'anno e a quote ben al di sotto di 8000 metri, cosa sono?
Fonte: http://scie-buccinasco.blogspot.com/2009/03/analisi-dei-filamenti-caduti-novembre.html


"Il giorno 08 novembre 2008 i cieli di Buccinasco - MI- (ma non solo) furono solcati da innumerevoli aerei che rilasciavano abbondanti scie chimiche. Ciò che destò la mia preoccupazione fu la vista di moltissimi filamenti bianchi che cadevano letteralmente dal cielo. Non mi era mai capitato di assistere ad un avvenimento simile e, mosso da apprensione e curiosità, decisi di raccogliere diversi campioni di quei filamenti da far analizzare.
Spedii quindi alcuni di queste fibre, raccolte in diversi punti, ad un biologo, Giorgio Pattera. Egli gentilmente li analizzò in modo scientifico sulla base degli strumenti e dei saggi disponbili e attuabili.
In precedenza, personalmente, avevo provato ad analizzare con quanto era in mio potere, tali campioni notando delle particolarità per quanto riguarda le loro caratteristiche ottiche (microscopia in campo chiaro ed a fluorescenza). Successivamente restai in attesa dei risultati provenienti da analisi più mirate e massicce.

Conoscendo abbastanza bene la fauna e la flora del mio territorio ed osservando lo stranissimo comportamento di tali polimeri, scartai subito l'idea che potesse trattarsi di un prodotto di origine animale o vegetale per vari motivi, tra cui l'assenza di aracnidi sui suddetti filamenti o nei loro paraggi, la particolare elettrostaticità e "appiccicosita'" nonché la lunghissima permanenza, anche a distanza di mesi, di tali filamenti. Le ragnatele naturali, invece, si degradano nell'arco di un paio di settimane.
Una correlazione importante è il legame tra la caduta di questi polimeri (o meglio, biopolimeri) e le scie chimiche. Quel giorno poi in varie parti di Italia furono avvistati degli O.V.N.I. e sempre a Buccinasco notai due caccia militari volare in formazione, come se fossero impegnati in uno scramble.
Il riassunto dei risultati delle analisi che riporto di seguito vuole essere una tessera che va ad aggiungersi alle prove dell'esistenza quanto meno anomala di fenomeni che accadono sopra le nostre teste e che, a mio avviso, hanno una comprovata origine artificiale e militare. Desidero quindi riportare in questa sede alcuni estratti della relazione pervenutami pochissimi giorni or sono.
I "polimeri di ricaduta" esaminati:
- NON SONO sicuramente la produzione (che risulterebbe a livello industriale, fra l’altro, per coprire l’estensione territoriale Vercelli–Milano/Bologna–Ferrara !) delle ghiandole serigene dei cosiddetti “ragni d’alta quota”, la cui esistenza (dal punto di vista entomologico) lasciamo appannaggio delle “leggende metropolitane”, con buona pace del C.I.C.A.P.
- NON SONO assimilabili, nemmeno lontanamente, ai filamenti di “bambagia silicea” (o “capelli d’angelo”, “cheveux d’ange” in francese: si volatilizzarono in breve tempo, quasi “sublimandosi” a contatto delle mani, a differenza di quelli in oggetto, tuttora resistenti), caduti in concomitanza col passaggio a bassa quota di O.V.N.I., su Oloron nel 1952 e su Firenze nel 1954.
In quest’ultimo caso, grazie all'intraprendente solerzia di uno studente, allora laureando in Ingegneria, si è potuta eseguire l’analisi chimica dei filamenti presso l’Istituto di Chimica analitica dell’Università di Firenze. Il referto analitico conclude lapidariamente: “Sostanza a struttura macromolecolare, contenente boro, silicio, calcio e magnesio. In linea puramente ipotetica, potrebbe trattarsi di vetro borosilicico. Firmato: il Direttore, Prof. G.Canneri”.
Dopo aver eseguito diverse analisi (prove di combustione, misurazione pH, prove di solubilità, saggi coi reattivi di Loewe e Schweitzer etc.), tali filamenti parrebbero presentare alcuni comportamenti simili alla seta (simili, non uguali).Che senso ha parlare di “seta volante” ? Sono state formulate tre ipotesi:
1) - I filamenti analizzati sarebbero da collegarsi, in qualche modo, al sorvolo delle località interessate per opera di oggetti volanti non identificati, così come riferito da numerosi testimoni: situazione simile, pertanto, a quelle già citate (Oloron, 1952; Firenze, 1954), con l’unica differenza consistente nel tipo di sostanza ricaduta al suolo (borosilicato contro polimeri organici). Anche oggi, come allora, restano sconosciute le motivazioni di tale “pioggia”.
2) – I filamenti analizzati sarebbero un “sotto-prodotto”, una conseguenza “accessoria” del progetto (si dice a carico della N.A.T.O.) di modificazioni climatiche, al fine di prevenire la formazione di eventi atmosferici turbolenti (uragani, precipitazioni intense, trombe d’aria), particolarmente disastrosi per il continente europeo. Tale progetto verrebbe messo in atto mediante il rilascio in atmosfera, per mezzo di aeromobili privi di contrassegno identificativo, di particolari elementi (bario, ioduro d’argento etc.) in grado, per l’appunto, di influire sul clima, impedendo o favorendo la formazione di nubi e le relative piogge.
Questa azione diretta sul clima è già stata sperimentata con successo durante lo svolgimento delle Olimpiadi di Mosca, nel 1980, grazie ad un’intesa (al tempo segreta e trapelata solo dopo la caduta del muro di Berlino) fra l’aeronautica sovietica e quella statunitense. Ma anche oggi possiamo notare gli effetti della dispersione delle suddette sostanze nei nostri cieli: entro 48 – max. 72 ore dalla comparsa delle “chemtrails”, rilasciate da velivoli non identificabili nell’atmosfera tersa, si osserva la comparsa di formazioni nuvolose, seguite da precipitazioni più o meno intense.
3) – I filamenti analizzati sarebbero il risultato di un processo di polimerizzazione di sostanze organiche (bio-polimeri di sintesi), realizzato artificialmente ed impiegato come “supporto” di altri componenti (polveri metalliche?), allo scopo di diffondere nell’atmosfera un “aerosol”, atto a potenziare ed estendere, nello spazio e nel tempo, la riflessione delle onde elettromagnetiche (radar, comunicazioni radio, trasmissioni satellitari); il tutto, ovviamente, a scopi militari di controllo e di “intelligence”.
Questa ipotesi è quella più plausibile, dato che una delle proprietà della seta è quella di fissare con facilità sali di alluminio, ferro e stagno, con formazione di sali basici insolubili. In altre parole, questi polimeri bio-sintetici fungerebbero da “adiuvanti” nella nebulizzazione aerea di composti metallici non meglio rilevabili, comportandosi come i sistemi di diffusione dei semi da parte del vento, usati da alcune essenze vegetali (tarassaco, tiglio etc.).
Si tenga conto anche del fatto che (sicuramente su Parma, mentre non abbiamo riscontri per le altre località) la ricaduta così copiosa di “ragnatele” si è avuta dopo un intenso via-vai di aeromobili non identificabili, che hanno disegnato sulla verticale della zona una “scacchiera” di scie (ma diverse da quelle “normali” di condensazione dei gas di scarico dei jet, per forma, dimensione ed insistenza temporale), denominate per l’appunto “chemtrails”, come osservato da numerosi testimoni oculari.
A mio parere, queste analisi sono state molto utili e scientificamente attendibili nel dimostrare l'evidente anomalia del fenomeno in questione. Purtroppo, essendo tali filamenti di origine "non naturale", i saggi scientifici convenzionali possono non essere adeguati, ma questa è un'ulteriore prova dell'eccentricità del fenomeno. I biopolimeri sono un metodo piuttosto efficace nell'interfacciare componenti artificiali con substrati o targets naturali (viventi). Questo potrebbe essere uno dei motivi per cui tali polimeri assomigliano alla seta. Tale materiale, infatti, è biocompatibile e viene impiegato non solo per il vestiario, ma anche in altri ambiti: recentemente, ad esempio, ha trovato applicazione in ambito biotecnologico.Quale modo migliore per i militari per controllare la popolazione? L'impiego di biopolimeri è molto utile per ridurre al minimo le possibili reazioni allergiche, anche se il Morgellons potrebbe essere proprio un effetto collaterale della dispersione (sperimentazione) di tali filamenti sulla popolazione tramite le scie chimiche.
Sono sperimenti ed operazioni su vasta scala che vedono ignari cittadini trasformarsi in vere e proprie cavie da laboratorio.
Leggi qui l'articolo sul blog Sciebuccinasco
Link al documento pdf con le analisi complete.

SIONISMO & ISRAELE, due brevi note a chiarimento...

Fonte: R. A. Rosemberg, “L’Ebraismo, storia, pratica, fede”, Mondadori, Milano, 1995, pagine 170-174.

“Negli ultimi venticinque anni del XIX secolo, un nuovo tipo di movimento prese forma nell’Europa orientale con l’obiettivo di promuovere il ritorno degli ebrei nella terra d’Israele.

Molte autorità ortodosse si opposero a quanto secondo loro era un’arrogante appropriazione del ruolo del Messia. Nel 1890 un giornalista viennese, Theodor Herzl, fu inviato a Parigi per riferire dell’affare Dreyfus. Herzl, un ebreo non religioso, fu indignato dall’antisemitismo di molti oppositori di Dreyfus. Divenne profondamente convinto che non poteva esservi libertà e uguaglianza per gli ebrei se non nella loro terra.

Così Herzl fondò il Movimento sionista, un’organizzazione dedicata a promuovere la causa di uno Stato ebraico in terra d’Israele allora dominato dalla Turchia. Durante la prima guerra mondiale (1917) la Gran Bretagna emanò un documento in cui appoggiava il concetto di Palestina come sede di un focolare nazionale ebraico.

Così dopo aver conquistato quella terra ai turchi, la Gran Bretagna ricevette un mandato sui territori della Società delle Nazioni. Nel 1947 la Gran Bretagna informò le Nazioni Unite di voler abbandonare il suo mandato sulla Palestina. l’ONU votò la spartizione della Palestina in due Stati separati: uno ebraico e l’altro arabo e mise Gerusalemme sotto una giurisdizione internazionale.

I Paesi arabi si rifiutarono di accettare questa soluzione e cinque di essi mandarono i loro eserciti in Palestina appena se ne andarono via gli inglesi. La dirigenza ebraica proclamò la nascita dello Stato d’Israele al termine della sovranità britannica, il 14 maggio 1948. Le forze militari israeliane riuscirono a sconfiggere sul campo gli eserciti arabi, e Israele si appropriò di un territorio più vasto di quello previsto dal piano di spartizione dell’ONU.

Lo Stato ebraico riuscì ad occupare anche una parte di Gerusalemme a eccezione della Città Vecchia. (Essa) ed alcuni territori abitati dalla maggioranza di arabi rimasero occupati dalle forze militari giordane e furono chiamati la Riva occidentale (West bank). Nel 1967 Israele lanciò una azione preventiva contro l’Egitto.Le forze militari israeliane riuscirono ad occupare la penisola del Sinai, la Riva occidentale e la città vecchia di Gerusalemme, il conflitto durò sei giorni.

Nel 1973 l’Egitto attaccò le forze militari israeliane nel Sinai: in quell’occasione l’esito non fu conclusivo come per il passato; l’Egitto era riuscito a respingere un’avanzata israeliana sui suoi territori”.

martedì 17 marzo 2009

OCEANI ACIDI PER ANIDRIDE CARBONICA


Dal GUARDIAN (UK) del 10.3.09, sintesi e trad Cristina Bassi
FOTO: una balena grigia (Eschrichtius robustus) alla Ojo de Liebre nella penisola Baja California.
"L'inquinamento umano sta trasformando cosi velocemente i mari in acidi, che le prossime decadi ricreeranno sulla Terra condizioni che non si vedevano dai tempi dei dinosauri, cosi ci mettono in guardia oggi gli scienziati.

La rapida acidificazione è causata dalle grande quantità di anidride carbonica emessa dai camini e dagli scarichi che si dissolvono nell'oceano. Il cambiamento chimico sta creando una pressione "imprevedibile" sulla vita marina (marine life) come molluschi e aragoste e potrebbe causare estinzioni estese, dicono gli esperti.

Il 10 marzo a Copenhagen, in occasione di un summit di 3 giorni a cui presiedono scienziati studiosi del clima, è stato presentato una ricerca di scienziati della Bristol University (special three-day summit of climate scientists in Copenhagen). La sintesi di questi studi, a cui il Guardian ha potuto mettere mano, prevede livelli pericolosi di acidificazione degli oceani e severe conseguenze per gli organismi chiamati "calciferi marini", che formano dei gusci calcarei.

Gli scienziati affermano: "Abbiamo rilevato che il grado futuro di acidificazine della superficie degli oceani e della pressione ambientale sui calciferi marini, molto verosimilmente non ha precedenti negli ultimi 65 millioni di anni." Gli scienziati aggiungono che la situazione nelle grandi profondità marine è di "grande preoccupazione".

Gli scienziati paragonano il presente grado di acidificazione, alla gigantesca emissione preistorica di gas serra, che i geologi sanno essere la causa della vasta estinzione di specie di profondità marina.

Ken Caldeira, un esperto sulla acidificazione degli oceani al Carnegie Institution in California, dice:
"La scelta di continuare ad emettere dell'anidride carbonica significa che saremo un agente di cambiamento biologico con una forza e grandezza che è stata superata solo dalle cause di eventi di grande estinzione di massa. Se non tagliamo l'anidride carbonica subito e molto radicalmente, le conseguenze della acidificazione dell'oceano andranno ben oltre i parametri del tempo geologico. Quelle conseguenze resteranno inserite nell'archivio geologico come testimonianza di una civiltà che aveva la saggezza di sviluppare un'alta tecnologia, ma che non sviluppò tale saggezza per usarla saggiamente."

mercoledì 11 marzo 2009

AGAINST TELEVISION: CONTRO LA TV

Intervista a KARL POPPER, London, 13/04/1993
Da:
http://www.mediamente.rai.it
/mmold/english/bibliote/intervis/p/popper.htm

Domanda: Sir Karl Popper, Lei ha affermato che la televisione ha, specialmente per i ragazzi, il valore di un'autorità morale e che svolge quindi un ruolo educativo. Alcuni sostengono che questa tesi sia in contrasto con l'idea liberale, secondo cui non bisogna educare le persone, ma informarle. Lei pensa dunque che la televisione dovrebbe avere una funzione educativa?

Risposta: Penso proprio di sì. Credo che distinguere in questo caso tra educare e informare non è soltanto falso, ma decisamente disonesto. Mi dispiace doverlo dire. Non ci può essere informazione che non esprima una certa tendenza. E ciò si vede già nella scelta dei contenuti, quando si deve scegliere su che cosa la gente dovrà essere informata.

Per fare questo bisogna aver già stabilito in anticipo che cosa si pensa dei fatti, decidere circa il loro interesse e il loro significato. Questo basta a dimostrare che non esiste informazione che non sia "di tendenza". Bisogna scegliere, e il nostro intendimento determina la nostra scelta. Dire che esiste della pura informazione, come semplice trasmissione di fatti, è falso. Voi tentate continuamente di imporre il vostro punto di vista al telespettatore e non potete impedirvi di farlo. Perciò la distinzione tra educare ed informare non regge.

Ma questa distinzione non è semplicemente falsa, essa risponde piuttosto ad un preciso obiettivo, perché permette di dire: "Noi siamo obiettivi, vi comunichiamo soltanto i fatti, i fatti come sono e non i fatti come vorremmo che voi li vedeste: i fatti semplicemente come sono". Questo è falso!

L'educatore è gravato da una grande responsabilità, mentre colui che informa, il "puro informatore", pare che non ne abbia alcuna. Ma questa differenza non esiste. Se voi siete informatori responsabili, siete anche educatori. Ma se siete educatori irresponsabili, voi state trasgredendo le regole del gioco. Lei non può sottrarsi all'obbligo di educare. Lei come educatore ha una grande responsabilità e così pure la televisione ha una grande responsabilità. Io credo che la maggioranza dei professionisti della televisione non si rendano conto appieno della loro responsabilità.

Credo che non siano capaci di valutare l'ampiezza del loro potere. La televisione ha un immenso potere educativo e questo potere può far pendere la bilancia dal lato della vita o da quello della morte, dal lato della legge o da quello della violenza. E' evidente che si tratta di cose terribili! Lei mi dice che io difendo, contro l'ideale liberale, il fatto che le persone debbano essere educate e non informate. Questo ideale sedicente liberale è stato inventato "ad hoc" per non dover rivedere e trasformare il mondo dell'informazione.

E' stato inventato proprio e soltanto per questo. Non è stato mai veramente un ideale liberale. Il liberalismo classico sotto tutte le sue forme ha sempre accordato una grande importanza all'educazione e un'importanza ancora più grande alla responsabilità. D'altronde tutte le correnti del liberalismo classico hanno insistito sulla necessità di controllare il potere.

Il miglior mezzo è quello dell'autocontrollo. Un certo autocontrollo ci deve essere in ogni caso. Ogni potere, e soprattutto un potere gigantesco come quello della televisione, deve essere controllato. La televisione può distruggere la civiltà. Che cos'è la civiltà? E' la lotta contro la violenza. C'è progresso civile, se c'è lotta alla violenza in nome della pace tra le nazioni, all'interno delle nazioni e, prima di tutto, all'interno delle nostre case. La televisione costituisce una minaccia per tutto questo. La minaccia, beninteso, sarebbe peggiore sotto una dittatura poiché in questo caso ci sarebbe una vera manipolazione allo scopo di far accettare ai cittadini la dittatura. E come ha mostrato Orwell ciò può avvenire senza che la gente si renda conto di ciò che sta succedendo.

In ogni caso non ha senso discutere sui pericoli potenziali della televisione. Bisogna piuttosto domandarsi, in rapporto al potere attuale della televisione, se non sia mal impiegato. Io credo che questo avvenga spesso La mia esperienza dell'ambiente televisivo mi insegna infatti che i suoi professionisti non sanno quello che fanno. Si pongono scopi del tipo "essere realisti", "essere avvincenti", "interessare", "eccitare". Questi sono gli obiettivi che si pongono esplicitamente. Ciò che misura l'arte, la tecnica di un uomo di televisione è realizzare tali obiettivi. Non ha coscienza della sua funzione educativa, non ha coscienza del potere enorme che esercita.

(...) Ci sono due tipi di società: il primo è quello dove regna la legge, in cui la legge è introdotta e perfezionata gradualmente in funzione dei seguenti scopi: limitare, solo quando è necessario, la libertà individuale ed evitare per quanto possibile la violenza. Ecco il principio razionale che deve ispirare la legge.

La seconda possibilità è il regno del terrore, il regno della violenza e della paura. Ne abbiamo vista troppa, in particolare sotto i regimi nazista e comunista. Milioni e milioni di persone hanno sofferto nei modi più orribili sotto il regno della violenza. Noi dobbiamo lavorare attivamente per contrastarlo. Perciò bisogna formare gli individui alla civiltà, influendo sulle loro aspettative. Questo è il mio progetto educativo.

domenica 8 marzo 2009

MONSANTO TENTA DI DISTRUGGERE TUTTI I SEMI...SE NON SONO I SUOI

Alcuni dicono che se i contadini non vogliono problemi con la Monsanto, semplicemente non dovrebbero comprare i suoi semi OGM (geneticamente modificati n.d.t).
Ma non è proprio cosi facile non farlo. La Monsanto contamina i campi, valica i terreni per prendere campioni e poi cita a giudizio dicendo che si tratta del loro raccolto.
Nel frattempo, Monsanto prende altri provvedimenti per impedire ai contadini e a chiunque altro, di avere accesso all'acquisto, alla raccolta e alla salvaguardia di sementi normali:
1. Monsanto ha acquistato le aziende di sementi in tutto il Midwest.
2. Monsanto ha scritto proprie leggi sulle sementi e ottenuto legislatori per formularle, cosa che rende la pulitura, la raccolta e lo stockaggio di sementi cosi onerosi, in termini di burocrazia, che avere delle sementi normali diventa quasi impossibile.
3. Monsanto sta spingendo leggi che assicurino che contadini e cittadini non possano bloccare le piantagioni di raccolti OGM anche se questi possono contaminare altri campi.
4. Ci sono leggi Monsanto nascoste nelle regole della FDA (Food & Drug Administration: ente statunitense per il controllo sanitario, n.d.t) che rendono illegali le attrezzature agricole per pulire le sementi; questo ora viene definito "fonte di contaminazione delle sementi".
La Monsanto ha citato a giudizio più di 1500 agricoltori i cui campi sono semplicemente stati contaminati da raccolti OGM.

giovedì 5 marzo 2009

José: imprenditore di successo che la crisi ha reso filosofo...



Mese 1, Anno 0: José, 46 anni, sposato e con due figli, impiegato di una grande azienda di telecomunicazioni, compra un appartamento di 500.000 euro. Si finanzia con un mutuo della banca dove ha i propri risparmi. Gli concedono condizioni vantaggiose e fino al 110% del suo valore perché oltre all’appartamento possa acquistare un’automobile. Il direttore dell’agenzia gli offre un prodotto senza rischi (è garantito da una prestigiosa entità internazionale) con rendimento legato all’evoluzione delle borse mondiali.

In cinque anni otterrà il 90% della rivalutazione degli indici di riferimento e in caso di caduta non perderà nulla. José mostra di avere un profilo conservatore e la banca di conseguenza sostiene che questo prodotto fa al caso suo. José si sente un privilegiato e investe la metà dei suoi risparmi. La banca riceve un 5% della commissione sull’investimento. In seguito, José si associa con un collega di lavoro in un’azienda di servizi informatici dal brillante futuro. Investe il resto dei suoi risparmi. Festeggia con sua moglie.

Mese 1, Anno 1: Spettacolare crescita della borsa dopo l’OPA lanciata da un gruppo privato spagnolo e da un altro pubblico straniero su una grande impresa elettrica spagnola. L’impresa spagnola ha l’appoggio del governo per creare un “campione energetico nazionale” e ottiene fondi pubblici per finanziare l’operazione. A sua volta, si assicura sostanziose plusvalenze con un contratto di vendita delle sue azioni al socio straniero.

Mese 6, Anno 1: L’azienda informatica su cui José ha investito va alla grande, con sostanziosi contratti aggiudicati da grandi imprese e diverse amministrazioni. Conta già 25 dipendenti.

Mese 12, Anno 1: José riceve informazioni più che favorevoli dalla sua banca sul prodotto che gli hanno venduto. Si è rivalutato del 40%. Con i risparmi di questo anno decide di fare un viaggio in Europa con la sua famiglia.

Mese 12, Anno 2: Le notizie della banca sono ottime. Il suo prodotto si è rivalutato di un ulteriore 20%. Il direttore gli propone di sottoscrivere di più con un credito concesso dalla nuova tassazione della sua casa che è cresciuta del 30%. José, euforico, accetta.Magnifiche notizie della sua società. Le vendite si sono triplicate e gli hanno concesso delle linee di credito per coprire i buchi della tesoreria originati dagli acquisti a 6 mesi. Forse distribuiscono i dividendi prima del previsto.

Mese 3, Anno 3: Il mercato immobiliare nazionale inizia a mostrare dei segnali preoccupanti. I prezzi scendono un poco e le vendite in modo consistente.

Mese 6, Anno 3: Seri rovesci finanziari delle borse. Il direttore bancario tranquillizza José sostenendo che il suo prodotto in nessun caso risentirà dei crolli.

Mese 12, Anno 3: Davanti al fallimento della prestigiosa entità internazionale che emetteva il prodotto sottoscritto da José, le borse crollano. Perdite del 40%. Le vendite sono cresciute nella compagnia su cui ha investito. Tuttavia, le banche hanno tagliato fortemente le linee di credito. Il suo socio gli chiede un piccolo prestito per fronteggiare gli impegni con i fornitori e gli impiegati. José gli presta i risparmi di quell’anno.

Mese 2, Anno 4: Vari assessori propongono incrementi della tariffa elettrica di più del 30% poiché questa non copre i costi fissi. Il governo si mostra indignato e la aumenta soltanto del 12%. Le compagnie del settore energetico hanno guadagnato l’anno precedente circa 10.000 milioni di euro. Le imprese del settore adottano delle misure. Una di loro abbassa del 10% la retribuzione del consiglio che salga a 50 milioni di euro. Il suo presidente si offre di dare l’esempio e fissa la sua retribuzione totale in circa 20 milioni di euro. È disposto a non incassare niente di più. Un’altra, la campionessa nazionale, si vende all’impresa straniera con sostanziose plusvalenze di migliaia di milioni di euro per il socio nazionale. Le plusvalenze non pagheranno le imposte grazie a un ingegnoso schema fiscale.

Mese 4, Anno 4: Davanti alla crisi mondiale, l’impresa di telecomunicazioni in cui lavora José impone una politica di austerità totale. Si pensa a licenziamenti e pensionamenti anticipati (45 anni). Inoltre il consiglio, con il suo presidente (60 anni) alla testa, si “congela” la retribuzione che era aumentata del 40% l’anno precedente fino ai 60 milioni di euro. José viene licenziato.

Mese 6, Anno 4: Per fronteggiare la sua ipoteca, José chiede il rimborso del suo prodotto finanziario. Il direttore gli comunica che ci sono dei problemi. Probabilmente ha perso tutto a causa del fallimento dell’entità che lo ha emesso. La situazione di cassa nell’impresa informatica è insostenibile. I contratti non vengono rinnovati, le linee di credito sono state cancellate e la morosità è cresciuta fino al 20% delle vendite. Ricorrono al finanziamento ufficiale ma non hanno i requisiti richiesti. José presta l’importo della sua liquidazione del licenziamento.

Mese 12, Anno 4: La banca di José decide di tagliare 2.000 posti di lavoro e del 10% la retribuzione del consiglio che l’anno precedente era arrivata a 80 milioni di euro.La sua società sospende i pagamenti. I soci si espongono a querele legali.

Mese 2, Anno 5: Il nuovo direttore dell’agenzia di José (il direttore precedente è stato promosso a direttore corporativo per avere raggiunto brillantemente i suoi obiettivi) notifica a José che nel giro di un mese procederanno a pignorargli l’appartamento in seguito agli ultimi pagamenti non versati.
La stradale gli sequestra l’automobile per non avere pagato varie multe. Contemporaneamente perde la patente,
dal momento che le sanzioni (per avere guidato sulle righe continue e per utilizzi presunti del telefono cellulare) causavano la perdita di punti.

Mese 5, Anno 5: José torna al suo villaggio di origine dove i suoi genitori gli lasciano una casa vuota. Disoccupato, José impiega il proprio tempo coltivando un orto, educando i propri figli, passeggiando con sua moglie e studiando filosofia.

domenica 1 marzo 2009

Caro Mr PRESIDENT, CON TUTTO IL RISPETTO...




"Ho letto il suo New Era $3.6 Trillion Budget Proposal (progetto di budget Nuova Era, per 3.6 trilioni di dollari) ed ho anche sentito il suo discorso martedi sera. Lei ha fatto un grande discorso da campagna elettorale, ma la campagna è finita e Lei ha vinto. E la ragione per cui ha vinto è che ha offerto speranza e promessa di cambiamento.
Con tutto il rispetto, Mr President, Tim Geithner e Ben Bernanke stanno offrendo le stesse politiche del Presidente Bush e del Segretario Paulson. Quelle politiche sono per tirar fuori dai guai le banche, indipendentemente dal costo a carico dei contribuenti.
Mr. President, è più che difficile lasciarsi scappare le indiscrezioni di Geithner sulle tasse. Mr. President, ancor più difficile se non impossibile, è ignorare il fatto che nè Geithner nè Bernanke se ne siano accorti. Strabiliante tuttavia che entrambi siano strasicuri della soluzione. Ancor più strabiliante il fatto che la soluzione cambi ogni giorno.
Con tutto il rispetto Mr. President, Geithner e Bernanke sono una grande parte del problema non parte della soluzione e tanto prima Lei se ne renderà conto, tanto meglio sarà per la nazione.
Con tutto il rispetto Mr. President, Lei e il Congresso volete obbligare le banche a prestare quando le banche (proprio perchè non prestano) si stanno comportando in modo responsabile per la prima volta da un decennio a questa parte.
Mr. President, ci può dire per favore a chi le banche dovrebbero prestare?
Abbiamo bisogno di altre pizzerie, centri commerciali, negozi per la manutenzione delle case, saloni per unghie finte, concessionari auto? Cosa Mr. President, cosa?
E perchè le banche dovrebbero prestare quando la disoccupazione sta salendo e con lei il rischio sui prestiti?

Con tutto il rispetto Mr. President, speravamo che la sua amministrazione non avrebe continuato le politiche mercantili del suo predecessore. Invece vediamo sorprendentemente che lei cerca $75.5 miliardi in più per le guerre nel 2009. Abbiamo veramente bisogno di tutti questo soldi per le guerre? Non c'era nulla nel budget militare che potesse essere tagliato?

Con tutto il rispetto Mr. President, gli Stati Uniti spendono più sul loro budget militare (military budget) che tutti gli altri 45 paesi che più spendono nel mondo sul tema.
Gli USA rappresentano il 48 percento delel spese mondiali in campo militare; gli USA spendono in campo militare 5.8 volte in più della Cina, 10.2 volte in più della Russia e 98.6 volte in più dell'Iran. Non è abbastanza Mr. President?
Con tutto il rispetto Mr. President, la caduta di ogni grande nazione nella storia è stata una espansione militare insostenibile. Mr. President, gli USA non possono più sostenere il ruolo di polizia del mondo. Lei si comporta come se potessimo esserlo.
Mr. President, per favore ci può dire come faremo a sostenere queste spese?
Con tutto il rispetto Mr. President, come può parlare di ridurre il deficit del budget, proponendo il più alto budget della storia?
Con tutto il rispetto Mr. President, come è possibile parlare di ridurre i costi dell'assistenza sanitaria, proponendo di aumentare il budget sull'assitenza sanitaria?
Con tutto il rispetto Mr. President, Lei ha parlato di "scelte difficili". Ci può dire quali scelte difficili ha fatto se non gettare denaro ad ogni problema?
Certamente alcuni programmi sono cambiati, ma Bush orchestrò il pacchetto Medicaid/Medicare più grande della storia e lei lo ha aumentato, come ha aumentato i costi militari. Lei criticò McCain per aver tagliato dei programmi che sono noccioline e tutto quello che può trovare per tagliare il budget, sono noccioline.

Con tutto il rispetto Mr. President, la sua "Era di nuova Responsabilità" non è altro che la continuazione della amministrazione Bush, l' Era della Irresponsabilità. Mr. President, speravamo di più e meritavamo di più.
Oltre la farsa di speranza e cambiamento dei messaggi da campagna elettorale, vediamo tuttavia ed essenzialmente la stessa irresponsabilità fiscale e le stesse politiche fuorvianti di prima.
Oh certo Mr. President, le priorità del suo budget si sono spostate di un poco, ma purtroppo e tristemente le spese irresponsabili non lo hanno fatto.