UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO
Notizie dal mondo, soprattutto da fonti internazionali, che il mainstream non riporta.

Translate

Cerca nel blog

venerdì 29 maggio 2009

HORROR MONSANTO continua: da semi TERMINATOR a semi ZOMBIE


da: http://farmwars.info/?p=845, By Barbara H. Peterson, Traduzione Cristina Bassi

Monsanto e la sua cricca ci avevano promesso che non avrebbero usato la tecnologia Terminator, definita GURT: genetic use restricted technology (tecnologia ad uso genetico ristretto). Infatti, le Nazioni Unite hanno emesso una moratoria sul progetto. Dunque siamo salvi, giusto? Sbagliato...

Come solito, i ragazzi dai bianchi camici di laboratorio non sono stati oziosi. Nonostante la moratoria, non solo stanno lavorando alacremente alla tecnologia Terminator, ma anche si stanno preparando ad introdurre quella Zombie: due tecnologie che sono giusto una variazione del GURT.

Laddove la tecnologia Terminator produce piante con semi sterili, quella Zombie fa un passo in avantie crea piante che potrebbero richiedere una applicazione chimica per stimolare la fertilità ogni anno. O paghi per le sostenze chimiche o ti prendi il seme sterile. Questa viene chiamata "sterilità transgenica reversibile".

Hanno lavorato costantemente per perfezionare questa tecnologia ed ora sono nell'"equilibrio" per introdurla nel mondo come una soluzione all'attuale problema di contaminazione dell'OGM. Passato il Terminator, ecco che arriva lo Zombie.

Se un campo viene contaminato con sementi che contengono il gene Terminator, le piante che ne risultano avranno semi sterili, dunque il loro ciclo riproduttivo finisce. Se la contaminaizone è attraverso il gene Zombie, le piante che ne risultano molto probabilmente richiederanno un certo pesticida o saranno sterili.

Le piante sono progettate con la sterilità come condizione di default, ma la sterilità può essere riconvertita con l'applicazione di uno stimolo esterno che ristabilisce la vitalità della pianta. Per resuscitare il seme “zombie” dai morti, il contadino o il coltivatore devono usare uno stimolo esterno (come delle sostenze chimiche sotto brevetto) per ristabilire la fertilità dei semi. (Terminator the Sequel, 2007 PDF doc)

In entrambi i casi se siete un piccolo contadino con un campo contaminato, l'impresa di salvare i semi per l'anno successivoa sarà tutt'altro che un successo. Piantare semi sterili richiede la stessa quantità di lavoro e lo stesso esborso economico che piantare buoni semi, ma al contrario non ha un ritorno dell'investimento. E non potete dire la differenza tra il seme buono e quello cattivo, se non quando è troppo tardi. Ovvero, se "la brigata che impone il brevetto" non fa prima incursione nella vostra proprietà e vi costringe a distruggere i vostri raccolti e tutte le vostre sementi con l'accusa di aver violato i diritti di brevetto. Allora non raccogliete niente e dovrete pagare per il privilegio.


link utili: GURT technology from Germany:
german_scientists_on_sst


mercoledì 20 maggio 2009

Il MESTIERE DIFFICILE DEL PRESIDENTE...


Da: http://www.counterpunch.org/roberts05142009.html, di Paul Craig Roberts(Vice Segretario al Tesoro nell’amministrazione Reagan; co-autore de “La Tirannia delle Buone Intenzioni”)


Un presidente che fa un buon lavoro per i gruppi d’interesse dominanti viene ricompensato con cariche aziendali ben remunerate, esagerati compensi per conferenze ed un ricco contratto per un libro. Se, quando assume la carica, è giovane come Bill Clinton e Barack Obama, questo significa una lunga vita in lussuosa agiatezza.(...) Il 30 aprile la supremazia degli interessi privati su quelli pubblici è stata dimostrata una volta di più.
La proposta di legge dei Democratici volta ad impedire 1,7 milioni di pignoramenti immobiliari e, conseguentemente, salvare 300 miliardi di dollari di investimento edilizio permettendo ai proprietari di case di rinegoziare i propri mutui, è stata sconfitta in Senato nonostante la maggioranza Democratica di 60 voti. La malavita organizzata bancaria è riuscita a sconfiggere il progetto per 51 voti a 45.
Sono quegli stessi delinquenti finanziari la cui sfrenata avidità ed estrema irresponsabilità hanno spazzato via oltre metà dei fondi pensione degli americani, facendo cadere l’economia in una profonda voragine e danneggiando enormemente il ruolo del dollaro USA come valuta di riserva. E’ difficile immaginare un gruppo di interesse con una reputazione maggiormente danneggiata; eppure la maggioranza dei “rappresentanti del popolo” ha votato secondo le direttive di questa screditata malavita bancaria.(...)

Se Obama era ingenuo nelle sue buone intenzioni di cambiamento, prima del voto, adesso non lo è più.Il capogruppo della maggioranza Democratica Dick Durbin (...) ha detto : “diciamocelo chiaro, controllano questo posto.” E non è difficile capire perché.Quello stesso Congresso che non riesce a trovare un centesimo per i proprietari di case o per la sanità nazionale, stanzia centinaia di miliardi di dollari per il complesso “militare/sicurezza”.

La settimana dopo che il Senato aveva pignorato gli americani proprietari di case, l’amministrazione Obama, quella del “cambiamento”, ha chiesto al Congresso ulteriori 61 miliardi di dollari per la guerra irachena dei neoconservatori ed ulteriori 65 miliardi per la guerra afghana dei neoconservatori. Il Congresso ha salutato questa richiesta con un entusiastico: “Sì, possiamo!”(...) Come è possibile che “l’unica superpotenza al mondo” sia minacciata da paesi come l’Iraq e l’Afghanistan?

Come è possibile che gli Stati Uniti siano una superpotenza se sono minacciati da paesi che, per resistere agli invasori, non hanno altra capacità militare che la guerriglia?Queste “guerre” sono una TRUFFA progettata per arricchire l’industria americana degli armamenti e per conferire alle “forze di sicurezza” poteri di polizia sui cittadini americani.Neppure un centesimo per impedire che milioni di americani perdano la propria casa, ma centinaia di miliardi di dollari per assassinare donne e bambini mussulmani e per creare milioni di profughi, molti dei quali finiranno per aggiungersi alle file degli insorti oppure come la prossima ondata di migranti verso l’America.(...)

Gli americani hanno eletto Obama perché aveva affermato di voler porre fine alle gratuite guerre criminali delle camicie brune di Bush, quelle guerre che hanno distrutto la reputazione e la solvibilità finanziaria dell’America senza servire ad alcun interesse pubblico Non si sta ponendo fine alla guerra ma la si sta semplicemente trasferendo dall’impopolare guerra in Iraq alla più popolare guerra in Afghanistan. Nel mentre Obama, in aperta violazione della sovranità del Pakistan, continua ad attaccare “obiettivi” in Pakistan.

Al posto di una sola guerra in Iraq, adesso il “complesso militare/sicurezza” ha due guerre che vanno avanti in circostanze molto più difficili.(... “Dobbiamo ammazzarli laggiù - i Talebani- prima che possano arrivare qui.” Però nessun membro del governo USA o dei suoi numerosi e ben pagati agenti ha mai spiegato come i talebani, che sono concentrati in Afghanistan, possano mai raggiungere l’America.

Eppure questa paura volutamente esasperata è sufficiente perché il pubblico continui a sostenere il continuo arricchimento del “complesso militare/sicurezza”, mentre le case dei cittadini americani vengono pignorate dalla delinquenza bancaria che ha distrutto le prospettive pensionistiche della popolazione.(...) Se i dati del Pentagono sono corretti, per la fine del prossimo anno il governo statunitense avrà dilapidato seimila miliardi di dollari in due guerre, il cui unico scopo è quello di arricchire i fabbricanti di armamenti e la burocrazia della “sicurezza”.

(...) Il corrispondente di guerra Dar Jamail scrive in un suo articolo che gli psichiatri dell’esercito statunitense hanno riscontrato come, al terzo dispiegamento, il 30 per cento dei militari sia mentalmente un relitto. Fra i costi che si propagheranno attraverso generazioni di americani ci saranno un’elevata percentuale di suicidi, di disoccupazione, di divorzi, di violenza nei confronti , di mogli e figli, di dipendenza da alcool e da droghe, vagabondaggio e galera.Nel “deserto della morte” afghano l’amministrazione Obama sta costruendo una gigantesca base militare.


Perché? Che cosa ha a che fare con gli USA la politica interna dell’Afghanistan?A che cosa mira uest’enorme spreco di risorse, che l’America non ha, oltre che ad arricchire l’industria americana degli armamenti?(...) Perché gli Stati Uniti si stanno rendendo impotenti col combattere guerre che non hanno niente a che fare con la propria sicurezza, guerre che, in effetti, stanno invece mettendo a repentaglio la nostra sicurezza?


La risposta è che la lobby militar/industriale, la malavita organizzata bancaria e la lobby ebrea AIPAC dettano legge. E che il popolo americano vada pure a ramengo.

lunedì 18 maggio 2009

MOSE' ERA DROGATO!?....


Leggo di un ricercatore israeliano (dr Shanon) che afferma Mosè fosse certamente un drogato... Ora, posto che la tesi - almeno per me da profana sul tema- è curiosa, ci ho pensato un attimo ed ho avuto il bisogno di cercare un po' in rete....anche - confesso- per vedere se il tipo esistesse veramente. Ed esiste, con tutte le etichette accademiche del caso: uno "scienziato" cognitivo, mhh...

Questo il testo in italiano che traduco dall'articolo su segnalato al link:

JERUSALEM - Su sul Monte Sinai, Mosè era sotto l'effetto di droghe psichedeliche quando udì Dio trasmettergli i 10 Comandamenti, cosi afferma un ricercatore israeliano secondo studi pubblicati questa settimana.

Questo genere di sostanze altamente alteranti, erano una parte integrante dei riti religiosi degli Israeliti nei tempi biblici, cosi ha scritto sul "Time and Mind journal of philosophy" (giornale di filosofia del Tempo e della Mente) Benny Shanon, un professore di psicologia cognitiva alla Hebrew University di Gerusalemme.

“Per quanto riguarda Mosè sul Monte Sinai, o si trattò di un evento cosmico sopranaturale, cosa a cui non credo, o di una leggenda, ed anche a questa non credo, o infine, e questo è molto probabile, di un evento che unì Mosè e le genti di Israele sotto l'effetto di narcotici”, cosi ha detto Shanon, martedi, in una radio pubblica israeliana.

Mosè era probabilmente sotto l'effetto di droghe anche quando vide il roveto in fiamme, ha suggerito Shanon, che ha detto anche che lui stesso ha sguazzato un po' in queste sostanze.“La Bibbia dice che le persone vedono suoni, e questo è un classico fenomeno”, ha detto citando l'esempio di cerimonie religiose nell'Amazzonia, in cui le droghe venivano usate per indurre le persone a "vedere" la musica".

Shanon ha anche citato la sua esperienza quando fece uso di ayahuasca, una potente pianta psicotropa, durante una cerimonia religiosa nella foresta amazzonica del Brasile, nel 1991. “Feci l'esperienza di visioni che avevano caratteristiche religioso-spirituali”, ha detto Shanon. Ha detto che gli effetti psichedelici della ayahuasca erano comparabili a quelli prodotti da una mistura basata sulal corteccia dell'abero di acacia, frequentemente citato nella Bibbia.
- Sapa-AFP.

Dunque, matematicamente perfetto: se non è a), non è b) è certamente c) e solo quel suo c), perchè lui :"Shanon ha anche citato la sua esperienza quando fece uso di ayahuasca, una potente pianta psicotropa, durante una cerimonia religiosa nella foresta amazzonica del Brasile, nel 1991. “Feci l'esperienza di visioni che avevano caratteristiche religioso-spirituali”, ha detto Shanon".
Mmh, fragili queste conclusioni... poichè tali appaiono e non invece una tesi.

In rete ppoi scopro questa interessante "risposta" a tali affermazioni:
http://stupidscholar.blogspot.com/2008/03/benny-shanon-moses-used-drugs.html

"Sadly, this is, in fact, a modern headline. Even sadder, it refers to Ancient Israelite drug use. Benny Shannon, a professor at the Hebrew University in Jerusalem, has written an article in Time and Mind claiming that the ancient Israelites used narcotics in the Sinai dessert. I don't normally do this, but let's the take the article from breitbart.com line by line and investigate a little, shall we? (His words are in italics.)

High on Mount Sinai, Moses was on psychedelic drugs when he heard God deliver the Ten Commandments, an Israeli researcher claimed in a study published this week.I'm sure he has some overwhelming evidence for this shocking claim.Such mind-altering substances formed an integral part of the religious rites of Israelites in biblical times, Benny Shanon, a professor of cognitive psychology at the Hebrew University of Jerusalem wrote in the Time and Mind journal of philosophy.Apparently mind-altering substances were an integral part of Israelite worship.

Now, my research is in Old Testament studies. The historicity and worship practices of Ancient Israel form a significant chunk of my studies. Not once have I ever heard this claim. Plus, Leviticus spells out much of Israel's worship practices, and heroine, marijuana, LSD, and opium somehow didn't quite make it in there. This theory may be out there, and Prof. Shanon may have found some evidence. However, to claim that it is integral and yet has evaded both Leviticus and scholarly discussion is a bit of a stretch.

Notice also that Shanon is a professor of "cognitive psychology." Surely, that makes him an expert in Ancient Israel, doesn't it? Now, I found his official page at the Hebrew University. Here are his research interests:The conceptual foundations of cognitive sciencePhilosophy of psychology The semantics and pragmatics of natural language Thought processes and creativityT he phenomenology of human consciousness Altered states of consciousness Ayahuasca Nothing here has anything to do with Israel at all.

He seems to be very proficient in cognitive science, but I don't know how that implies he knows Israel's cultic practices. How is he qualified to write on this topic?"As far Moses on Mount Sinai is concerned, it was either a supernatural cosmic event, which I don't believe, or a legend, which I don't believe either, or finally, and this is very probable, an event that joined Moses and the people of Israel under the effect of narcotics," Shanon told Israeli public radio on Tuesday.

This paragraph is just fascinating. He lists three and only three possibilities about this historicity of the Sinai account in Exodus. Option A - There was a supernatural event. In other words, God showed up, did something amazing, and Moses was given some commandments. You know, what the Bible says happened. He dismisses this. Fair enough, most modern scholars do.

Option B - The story is a legend. This is the majority opinion among scholars, with differing nuances, of course. Benny rejects this too! Thus, Dr. Shanon disagrees with the Church AND with scholars. What conclusion must clearly follow then?

Option C - the Israelites were on narcotics. Since options A and B are clearly wrong, the only possibility left is that obviously the Israelites were smoking dope or dropping acid. There is no room for another possibility given at all! This just cracks me up. Think about it. He doesn't say it could have been partly accurate history with mythological additions. He doesn't say it could have been an allegory to teach a spiritual truth. He doesn't even say it could have been a story that was just corrupted and exaggerated over time. Nope, for Dr. Shanon, it either happened like it's written, was a myth, or everyone did drugs. This is just bizarre.

Moses was probably also on drugs when he saw the burning bush," suggested Shanon, who said he himself has dabbled with such substances.Aha! Now we start to get it at the issue. Shanon has dabbled with these drugs. So when he reads the Bible, he clearly knows an acid trip when he sees one! I honestly wonder if Dr. Shanon has actually conversed with a burning bush. I think the answer would be telling."The Bible says people see sounds, and that is a clasic phenomenon," he said citing the example of religious ceremonies in the Amazon in which drugs are used that induce people to "see music."So the evidence he provides is a religious ceremony in the Amazon.

I really can't believe that is the best he could offer. Not only would these be from different historical eras, these two cultures are in two different continents on two different hemispheres! By the same logic, we could claim that the Souther Baptists spin around in all their worship services, because that's what the Whirling Dervishes do! Again, just bizarre.

He mentioned his own experience when he used ayahuasca, a powerful psychotropic plant, during a religious ceremony in Brazil's Amazon forest in 1991. "I experienced visions that had spiritual-religious connotations," Shanon said.I really hope that wasn't funded by a research grant.He said the psychedelic effects of ayahuasca were comparable to those produced by concoctions based on bark of the acacia tree, that is frequently mentioned in the Bible.

Ok, so now we have all of Dr. Shanon's evidence, as given in this article. Reuters offered nothing additional. I don't have his actual article so I can't cross reference. However, I will probably try to find this once it's available here. So let's summarize his argument:1. It wasn't supernatural, and it wasn't a myth. Therefore, the Israelites used drugs.2. The Amazons used drugs in their worship. Therefore, the Israelites used drugs.3. The acacia tree is mentioned in the Bible.

Therefore, the Israelites used drugs.Yep, that's it. We have a bad deduction, a false comparison, and a tree. QED case closed!I realize that I'm being rather harsh on Dr. Shanon, and that probably isn't really fair. Looking at his credentials on his university page, the man is incredibly prolific and a clear scholar in his field. I have no doubt the man is brilliant. However, in this instance he stepped out beyond his area of expertise.

If he had said there were similarities between hallucinogenics and the biblical account, then we have an interesting theory, but this is not what he does. The articles report that these are his conclusions, not his theories, which is highly (pardon the pun) significant. If you make silly claims with almost no support, you should receive severe criticism. From what I've seen on the blogosphere, he certainly has. Go here and here and here for more.

sabato 16 maggio 2009

COME OBAMA VEDE IL FUTURO...



In una straordinaria intervista pubblicata nel supplemento domenicale del New York Times del 2 maggio 09, sotto il titolo "Dopo la Grande Depressione," il presidente Obama presenta la sua visione circa l'economia degli Stati Uniti.

Nell'editoriale economico, David Leonhardt, ha intervistato Obama dopo un importante discorso su come l'economia del paese sarà riformata. Obama ha realizzato il suo discorso alla Georgetown University, lo scorso 14 aprile.

Nell'intervista, Obama ha chiarito che non ci sarà nessuna riforma strutturale del sistema bancario. Eventuali modifiche per mettere un freno alle "enormi compere sostenute con una finanziazione altrui e agli enormi rischi" che hanno provocato il crollo dell' economia sarà per ripristinare "fiducia" nel settore della finanza, tra cui il "mercato azionario".
Obama ha respinto in particolare il ripristino delle barriere stabilite nel 1933 dalla Legge Glass-Steagall per separare le banche commerciali da quelle d' investimento. Questa legge, che è stata la più importante riforma per la regolamentazione dell'economia durante la Grande Depressione, é stata vittima della liberalizzazione dei regolamenti che disciplinano l'economia nel 1990. Questa azione è stata effettuata sotto la supervisione di Lawrence Summers, allora ministro del Tesoro del paese ed ora il più importante consigliere di Obama sull'economia.
Nell'intervista, Obama ammette che tutti i suoi consiglieri per l'economia sono protetti da Robert Rubin, un consulente per l'economia sotto Clinton ed ex co-presidente della banca d'investimento Goldman Sachs. Questi includono, oltre a Summers, il Ministro del Tesoro oggi, Timothy Geithner, e Peter Ország, direttore del bilancio.
Ogni misura regolamentare che il gruppo istituirà servirà solo a conservare il sistema di speculazione e parassitismo, che ha provocato l'accumulo di enormi ricchezze a Wall Street e che ha fatto esplodere la peggiore crisi economica dal 1930.Nel suo discorso alla Georgetown University, Obama ha delineato un programma di ristrutturazione del capitalismo statunitense dopo il crollo dell'economia. Ciò consisterà nella riduzione permanente del tenore di vita e l'aumento dello sfruttamento della classe operaia. Esso comprende anche una riduzione senza precedenti di programmi sociali di base, come il Medicare [programma federale di assicurazione sanitaria per gli anziani di 65 anni di età ed oltre che ricevono un aiuto finanziario da parte del governo per 24 mesi, per disabilità], Medicaid [Programma statale che copre le spese mediche per le persone a basso reddito o limitate], e della sicurezza sociale.
"Dobbiamo gettare le basi per un nuovo sviluppo e una nuova prosperità attraverso i quali meno si consumerà all'interno del paese e più esportazioni invieremo all'estero" ha detto Obama al pubblico presente.I l presidente dopo ritorna su questo tema durante l'intervista e lascia in chiaro che i giorni di stipendio a livello della "classe media" per i lavoratori non specializzati nelle industrie manifatturiere sono finiti per sempre. Cerca di insinuare che tutti i cittadini degli Stati Uniti avranno bisogno di un'educazione scolastica oltre le scuole superiori [scuola normale] per essere addestrati in campi che richiedono nuove competenze. Senza questo, il presidente ha detto, "sarebbe difficile immaginare un lavoro che paga un salario sufficiente per vivere."Secondo le "riforme" dell'istruzione che propone, dal livello pre-scolastico fino agli studi universitari post laurea concentreranno i loro sforzi sull'insegnamento di quelle competenze che le imprese degli Stati Uniti richiedono per competere in un'economia globalizzata.
Ma lo stesso Obama ammette che nemmeno una laurea è in grado di garantire la sicurezza economica, e sottolinea il crescente numero di posti di lavoro della classe media che ora sono esportati in altri paesi. Obama esprime le sue speranze per un'economia "post-bolla", per raggiungere meglio l'equilibrio tra "la fabbrica delle merci" e dei "servizi finanziari". Ma immediatamente aggiunge che "non ritorneremo ad un'economia nella quale la manufatturiera rappresenta una così grande porzione dell'economia come lo è stata durante il 1940".
Ma il fatto è che, come mostra dalla nuova struttura di General Motors e Chrysler, il suo governo ha avviato nel paese una riduzione della base produttiva manufatturiera di posti di lavoro industriali con un buon salario, per sostituirla con la creazione di fabbriche più piccole con più sfruttamento, offrendo alle banche e ai grandi investitori maggiori fonti di profitto o di lucro.Le più significative rivelazioni nelle dichiarazioni di Obama sono quelle legate alla riduzione dei costi legati alla salute, che costituiscono la pietra angolare della sua politica di austerità per il popolo degli Stati Uniti.
Lungi dall'offrire una bozza di un qualche piano per tutelare la salute, il presidente anzi parla di come razionare l'attenzione medica per il popolo dei lavoratori.Obama fa notare che lui e il suo direttore di bilancio hanno parlanto di come utilizzare gli "studi per confrontare i costi e l'efficacia, come metodu per contenere i costi".
Spiega che, nell'ambito di questo piano il governo solleciterà i pazienti ad utilizzare medicinali e cure mediche più convenienti, anche quando il medico ordina loro una cura più costosa.Questo è particolarmente necessario, puntualizza, "in quanto si riferisce al Medicare e Medicaid, il cui finanziamento lo pagano i contribuenti alle quote interne e noi abbiamo l'obbligo di mantere queste spese sotto controllo".
Questo da un presidente che presiede un paese dove l' 1% più ricco controlla oltre il 40% della ricchezza sociale, in cui i dirigenti aziendali che di routine si premiano con decine di milioni di dollari all' anno, che il suo governo darà miliardi e miliardi di dollari a Wall Street, pagato dai cittadini sotto forma di contributi alle entrate.L'intervista continua con un bizzarro scambio circa l' efficacia, dal punto di vista dei costi, offrire un trattamento agli anziani nell'ultimo periodo della loro vita.
Lo stesso intervistatore ha suggerito che la nazione sta spendendo ora $ 20.000 per ogni settimana supplementare di vita."Esattamente", ha detto Obama, che poi racconta l'esperienza della nonna, che è stata sfrattata a causa del cancro, durante la campagna elettorale e subito dopo si è fratturata l' anca.Obama ha detto che avrebbe pagato di tasca propria per sostituire l'anca, ma suggerisce che il governo non avrebbe dovuto pagare il conto per tale trattamento. Ritiene che non sa se "la società vuole una decisione in tal senso - per dare a mia nonna o un nonno o il padre che sta invecchiando, una protesi di sostituzione quando sta morendo - è un modello da seguire. Si tratta di un problema molto difficile. "Tali "questioni morali così difficili ", lamenta il presidente, "contribuiscono notevolmente per i costi". Egli sostiene che coloro che" soffrono di malattie croniche e coloro che stanno morendo, sono potenzialmente l'80% del totale dei costi delle cure mediche nel paese".Sarebbe molto difficile per rendere tali decisioni attraverso "le vie politiche ufficiali", ha detto Obama. Egli ha aggiunto che il Congresso Democratico attualmente discute sulla creazione di un'istituzione indipendente con "l' indirizzo" a questi temi.
Come per altre questioni, l'approccio del governo di Obama è di subordinare l'attenzione medica dei bisogni sociali ai potenti interessi economici, che includono campagne di assicurazioni, i conglomerati farmaceutici ed ospedalieri le cui opinioni reggono la politica del governo non importa se è Democratica o Repubblicana.Nel mondo che Obama immagina, dopo la recessione, un' aristocrazia finanziaria continuerà il suo monopolio della ricchezza della società, mentre il tenore di vita dei lavoratori sarà ridotto in modo permanente. Durante l'intervista su "Stati Uniti dopo la Grande recessione ", non una sola allusione alla diseguaglianza sociale, un tema che domina ogni aspetto della vita negli Stati Uniti.
L'intervista è apparsa nel mezzo di un recupero inebriante di Wall Street, anche quando la disoccupazione, la povertà dei senzatetto stanno aumentando a livelli quasi uguali a quelli della Grande Depressione. Smaschera in modo austero il carattere del governo di destra di Obama, e gli interessi di classe che rappresenta. Mostra il motivo per cui i banchieri e gli speculatori ora sono in possesso di un governo che servilmente segue i loro interessi.

giovedì 14 maggio 2009

GOVERNO OMBRA ....DEL MONDO


Da Comedonchisciotte: DI PAUL JOSPEH WATSON prisonplanet.com/
Traduzione per
http://www.comedonchisciotte.org/ a cura di MICAELA MARRI

Gli elitisti sono divisi [sul da farsi] - se far affondare l’economia velocemente rimpiazzandola con un nuovo ordine mondiale, o innescare una lunga e agonizzante depressione. Alla vigilia della conferenza annuale del Gruppo Bilderberg, che si terrà dal 14 al 17 maggio 2009 presso l’hotel a cinque stelle Nafsika Astir Palace di Vouliagmeni, in Grecia, il cronista investigativo Daniel Estulin ha svelato gli scioccanti particolari su quanto gli elitisti avrebbero in programma di fare in ambito economico nel corso del prossimo anno.

La riunione del gruppo Bilderberg è un confab che coinvolge ogni anno circa 150 dei “power broker” [mediatori di potere] più influenti al mondo nell’ambito del governo, dell’industria, del settore bancario, accademico e del complesso militare-industriale.
Il gruppo segreto opera secondo le “regole della Chatham House”[1] , ossia nessun particolare di ciò che viene discusso può trapelare attraverso i media, nonostante il fatto che siano presenti alla riunione gli editori dei più grandi quotidiani al mondo come il Washington Post, il New York Times e il Financial Times.
Secondo le fonti di Estulin che si sono dimostrate estremamente accurate in passato, il gruppo Bilderberg è diviso sul da farsi, ossia se innescare “una prolungata, agonizzante depressione che condannerà il mondo a decadi di stagnazione, declino e povertà … oppure una depressione intensa ma più breve che aprirebbe la strada ad un nuovo ordine economico mondiale sostenibile, con minore sovranità ma maggiore efficienza”.

Tali informazioni acquistano maggiore rilevanza se si tiene conto del fatto che le precedenti previsioni economiche di Estulin basate su rivelazioni da parte delle stesse fonti, si sono dimostrate estremamente accurate. Estulin ha correttamente previsto il crollo del mercato immobiliare nonché il tracollo finanziario del 2008, dopo aver appreso dalle sue fonti all’interno di Bilderberg quello che l’elite stava programmando sulla base di quanto era stato detto durante la loro riunione in Canada del 2006 e della loro conferenza del 2007 in Turchia.
I particolari dell’ordine del giorno per l’economia erano contenuti in un libretto distribuito prima della riunione ai membri del gruppo.In modo specifico Estulin avverte che il gruppo Bilderberg starebbe incoraggiando una falsa immagine di ripresa economica, attirando gli investitori a reinvestire il capitale nel mercato azionario per scatenare poi successivamente un’altra massiccia fase di contrazione che creerà “grosse perdite e una grave sofferenza finanziaria nei mesi a venire”, secondo una relazione del Canada Free Press.
Secondo Estulin il gruppo Bilderberg stima che le cifre relative alla disoccupazione negli USA raggiungeranno il 14% entro la fine dell’anno, quindi il doppio dell’attuale cifra ufficiale dell’8,1 per cento.Le fonti di Estulin gli avrebbero inoltre detto che Bilderberg proverà ancora a fare pressioni per la promulgazione del Trattato di Lisbona, un tassello chiave del piano per consolidare appieno un superstato federale europeo, costringendo l’Irlanda a votare nuovamente su tale documento a settembre/ottobre, nonostante lo abbia già rifiutato insieme ad altre nazioni europee nei referendum nazionali.
Secondo quanto riferisce il CFP “una delle loro preoccupazioni è di affrontare e neutralizzare il movimento contrario al trattato di Lisbona chiamato “Libertas”, sotto la guida di Declan Ganley. Una delle mosse programmate da Bilderberg è l’uso di una campagna diffamatoria nei media americani, che suggerisca che Ganley è finanziato dai trafficanti di armi negli USA legati alle sfere militari statunitensi”.
Daniel Estulin, Jim Tucker ed altre fonti, che hanno infiltrato Bilderberg in passato hanno regolarmente fornito informazioni sull’ordine del giorno del gruppo che viene poi attuato sul palcoscenico mondiale, dando prova che l’organizzazione non è solo una “fabbrica di chiacchiere”, ma un importante foro per la pianificazione del nuovo ordine mondiale. In effetti proprio il mese scorso il visconte belga nonché attuale presidente del gruppo Bilderberg Étienne Davignon, si è vantato che Bilderberg ha contribuito alla creazione dell’euro mettendo per la prima volta all’ordine del giorno una politica favorevole alla valuta unica all’inizio degli anni ‘90.
Il programma del gruppo Bilderberg di un superstato federale europeo e di una valuta unica risale probabilmente persino a prima.Un’inchiesta della BBC ha portato alla luce documenti risalenti ai primi incontri del gruppo che hanno confermato che l’Unione Europea è stata un’invenzione del gruppo Bilderberg. Nella primavera del 2002 quando i guerrafondai dell’amministrazione Bush facevano pressione affinché l’Iraq fosse invaso entro l’estate, i membri di Bilderberg hanno espresso il desiderio di ritardare l’attacco, che non fu lanciato fino al marzo dell’anno seguente.
Nel 2006 Estulin ha previsto che il mercato immobiliare negli USA sarebbe cresciuto senza limite prima che la bolla venisse fatta crudelmente scoppiare, come è precisamente successo.Nel 2008 Estulin ha previsto che Bilderberg stesse creando le condizioni per una calamità finanziaria - proprio quello che è successo alcuni mesi dopo con il crollo della Lehman Brothers.
Il Gruppo Bilderberg ha regolarmente gonfiato i muscoli per consolidare il suo ruolo di “kingmaker” [artefice di nomine ed elezioni].

L’organizzazione seleziona di routine i candidati alla presidenza e alla vice presidenza, nonché i primi ministri. Bill Clinton e Tony Blair sono stati entrambi preparati dall’organizzazione segreta all’inizio degli anni ’90 prima che raggiungessero la prominenza.
Il candidato alla vice presidenza di Barack Obama, Joe Biden è stato scelto dal luminario di Bilderberg James A. Johnson, e anche il candidato alla vice presidenza di John Kerry nel 2004, John Edwards è stato consacrato dal gruppo dopo aver fatto un brillante discorso durante la conferenza del 2004. I presenti hanno persino infranto le regole applaudendo Edwards al termine di un discorso che ha fatto agli elitisti sulla politica americana.
La scelta di Edwards fu scioccante per gli opinionisti dei mass media che si aspettavano con certezza che Dick Gephardt avrebbe ottenuto la carica. Il New York Post ha riportato persino che era stato scelto Gephardt e che venivano già attaccati degli adesivi con scritto “Kerry- Gephardt” sui veicoli della campagna presidenziale, prima che fossero tolti quando Edwards fu annunciato come vice di Kerry.La relazione di un quotidiano portoghese del 2008 ha messo in luce il fatto che Pedro Santana Lopes e Jose Socrates hanno partecipato all’incontro del 2004 a Stresa, in Italia, prima che entrambi diventassero primo ministro del Portogallo.
Svariate decisioni geopolitiche chiave sono state prese durante la riunione del gruppo Bilderberg dello scorso anno a Washington DC, ancora una volta a sottolineare che il confab è molto più di un incontro informale.Come abbiamo riferito in quel momento, l’organizzazione era preoccupata che il prezzo del petrolio stesse aumentando troppo rapidamente dopo aver toccato i $150 dollari al barile e voleva assicurarsi che “i prezzi del petrolio iniziassero probabilmente a scendere”. Ed è proprio ciò che è avvenuto nella seconda metà del 2008 quando il petrolio è sceso sotto i $50 dollari al barile.
Siamo stati in grado di prevedere precocemente il rapido aumento dei prezzi del petrolio nel 2005, quando il petrolio era sceso a $40 dollari al barile, perché il gruppo Bilderberg aveva auspicato un aumento dei prezzi nel corso della riunione di quell’anno a Monaco di Baviera. Durante la conferenza in Germania, Henry Kissinger ha detto agli altri presenti che l’elite aveva deciso di assicurarsi che i prezzi del petrolio raddoppiassero nel corso dei 12-24 mesi successivi, che è esattamente ciò che è successo. Inoltre durante l’incontro dello scorso anno, l’ex segretario di stato degli Stati Uniti Condoleezza Rice ha formalizzato con il ministro degli esteri ceco Karel Schwarzenberg i programmi per la firma di un trattato sull’istallazione di una base radar statunitense nella Repubblica Ceca.

Insieme alla Rice era presente all’incontro il segretario alla difesa Robert Gates, che secondo quanto riportato avrebbe incoraggiato i globalisti dell’EU a sostenere un attacco contro l’Iran.E guarda caso, proprio giorni dopo l’Unione europea ha minacciato l’Iran con sanzioni qualora non avesse sospeso il suo programma di arricchimento nucleare.
C’è stata inoltre molta speculazione che anche “l’incontro segreto” tra Hillary Clinton e Barack Obama, che è stato messo in atto con tattiche di spionaggio come rinchiudere i giornalisti in un aereo per impedire che raggiungessero i due politici, avrebbe avuto luogo durante la conferenza Bilderberg nel Distretto di Columbia.
Non resta che vedere quale copertura mediatica sarà riservata sui media principali alla conferenza Bilderberg del 2009, perché nonostante le prove che questa abbia un ruolo centrale nell’influenzare i successivi eventi geopolitici e finanziari nel mondo, e nonostante il fatto che la conferenza dell’anno scorso sia stata tenuta a Washington DC, i media corporativi hanno mantenuto un divieto quasi assoluto di fare reportage sulla conferenza, sui presenti e su quanto è stato discusso.
Ancora una volta sarà compito dei media alternativi riempire il vuoto ed educare la gente su ciò che i globalisti hanno esattamente in programma per noi per l’anno a venire.Paul Joseph Watson
Bilderberg nasce nel 1952, ma si riunisce ufficialmente per la prima volta nel 1954, nell’albergo di Oosterbeek, in Olanda, da cui prende il nome. Tra i promotori della creazione del gruppo si annovera il duca Bernhard van-Lippe Bierstelfeld, un passato nelle fila del partito nazista ed un ruolo di primo piano nell’industria petrolifera del dopoguerra. Il duca fu presidente del gruppo sino al 1976, quando venne costretto alle dimissioni dallo scandalo per una tangente di oltre un milione di dollari pagata dalla Lockheed Corporation. Fu allora che la presidenza passò nelle mani di David Rockefeller.
Accanto al duca tedesco, spiccava la figura di Joseph Retinger, economista polacco di origine ebraica, meglio conosciuto come «Sua Eminenza Grigia». Retinger è noto per aver fondato lo United European Movement, presieduto da Winston Churchill e finanziato dall’ACUE, l’American Committe for United Europe. La sua visione era quella di costruire un mondo unificato e retto da Organizzazioni Sopranazionali in grado di garantire ordine e stabilità.
[1] Ndt. la Chatham House, sede del Royal Institute of International Affairs di Londra

giovedì 7 maggio 2009

L'ONU chiede risarcimento danni a Israele









Da:
http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3184

La notizia trova spazio su tutti i maggiori quotidiani europei, ma i giornali italiani, troppo impegnati a seguire le vicende coniugali del premier ormai divenute argomento fisso delle prime pagine, hanno evitato di farne menzione o si sono limitati a relegarla in qualche trafiletto.

L’ONU, come dichiarato in conferenza stampa da Ban Ki – moon, ha fatto pervenire ad Israele una richiesta di risarcimento di 7,8 milioni di euro, in seguito alla relazione della commissione che ha indagato in merito agli attacchi contro il personale e le strutture delle Nazioni Unite, compiuti dall’esercito israeliano durante l'operazione Piombo Fuso dello scorso inverno che ha causato la morte di oltre 1500 palestinesi.

Il risarcimento riguarda i bombardamenti (in alcuni casi con l’utilizzo del fosforo bianco) a Gaza da parte dell’esercito israeliano di 3 scuole, un ospedale e la sede delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi. Bombardamenti che hanno causato circa 50 morti ...... e in merito ai quali la commissione d’indagine ha individuato gravi colpe dei militari israeliani che non avrebbero preso le necessarie precauzioni, né fatto gli sforzi necessari, volti a garantire il rispetto dell’inviolabilità delle Nazioni Unite e la protezione delle migliaia di civili che avevano cercato rifugio negli edifici dell’ONU.

La commissione ha inoltre domandato l’apertura di un’indagine riguardante eventuali violazioni del diritto internazionale, concernenti l’utilizzo del fosforo bianco in zone densamente popolate, da parte dell’esercito israeliano, sempre nel corso dell’offensiva su Gaza. L’iniziativa dell’ONU è estremamente importante, in quanto suona come una condanna senza appello nei confronti dei massacri di civili palestinesi, compiuti dall’esercito israeliano nel corso dell’operazione Piombo Fuso. Dispiace constatare una volta di più come i grandi giornali italiani, soggiogati dalla lobby che li gestisce, non abbiano saputo cogliere l’importanza della notizia, ma si siano limitati a constatarne la “scomodità”, relegandola nel novero dell’informazione da sottacere per non incorrere nell’ira del padrone".