UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO
Notizie dal mondo, soprattutto da fonti internazionali, che il mainstream non riporta.

Translate

Cerca nel blog

giovedì 29 luglio 2010

CINA: USA INSOLVENTI E I LORO RATINGS UNA BARZELLETTA...

Il maggior creditore dell’America - la Cina – fa un richiamo al nostro bluff.
Fonte:
http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=20252
Dal WASHINGTON’s BLOG

"Come fa notare il Financial Times il capo della agenzia di rating più grande della Cina ha detto che l’America è insolvente e che i ratings USA sul credito sono una barzelletta. Il capo della agenzia di rating più grande della Cina ha fatto pesanti critiche alle sue controparti occidentali per aver causato la crisi finanziaria globale e ha detto che la Cina, in qualità di maggior creditore mondiale dovrebbe avere più voce in capitolo sul come vengono valutati i governi e il loro debito.

Le agenzie occidentali di rating, sono politicizzate ed altamente ideologiche e non aderiscono a standards oggettivi,” ha detto Guan Jianzhong, presidente della Dagong Global Credit Rating, in una intervista al Financial Times. In particolare egli ha criticato la pratica di fare « shopping con il rating » da parte delle compagnie che offrono il loro business alle agenzie che forniscono il rating più favorevole.

“Causa della crisi finanziaria è il fatto che le agenzie di rating non hanno svelato adeguatamente il rischio e questo ha portato tutto il sistema finanziario USA sull’orlo del collasso, causando enorme danno agli USA e ai suoi interessi strategici” ha detto Mr Guan.

La scorsa settimana, la Dagong, di proprietà privata, ha pubblicato il suo punteggio di credito sovrano ed afferma che fosse il primo di una agenzia di credito per il rating che non fosse occidentale.

I risultati sono stati molto diversi da quelli pubblicati da Moody’s, Standard & Poor’s e Fitch, poichè riportano un rating della Cina maggiore di quello degli USA, Gran Bretagna, Giappone, Francia ed altre maggiori economie, reflettendo cosi il credo della Dagong che la Cina sia più stabile politicamente ed economicamente rispetto a quei Paesi.

Gli USA sono insolventi e sono dinnanzi alla bancarotta come pura nazione debitrice, ma le agenzie rating le danno sempre un’alta valutazione” ha detto Mr Guan.

Un editoriale estremamente entusiastico, pubblicato da Xinhua , il maggiore organo statale di informazione cinese, ha lodato il resoconto della Dagong come un passo significativo verso la rottura del monopolio delle agenzie occidentali di rating , di cui si dice la Cina sia stata vittima per lungo tempo.

La Cina non si intimidisce nel ricordare agli USA chi ha le tasche più grosse. Come dice il Financial Times, Mr. Guan ha detto:

La Cina è la più grande nazione creditrice nel mondo e con la sua crescita e il suo ringiovanimento nazionale, dovremmo avere voce in capitolo su come vengono giudicati i rischi di credito degli Stati.”

La potenza legittima il collasso economico

Guan persino dissente sulla abilità militare americana:

“Veramente, la enorme spesa militare degli USA non si è creata da sola ma deriva da denaro preso in prestito, cosa che non è sostenibile”
Ho ripetutamente mostrato, che prendere in prestito denaro per finanziare le nostre enormi spese militari, paradossalmente indebolisce la nostra sicurezza nazionale:
Come ho già sottolineato precedentemente, il complesso industriale-militare americano sta rovinando la nostra economia.

I capi militari e della intelligence USA dicono che la crisi finanziaria è la più grande minaccia alla sicurezza nazionale degli USA. (Si veda qui, qui e qui).

Inoltre, come ho rilevato nel 2008, perchè il rating del credito americano non è stato degradato?
Come dice un report di Moody di settembre:
"In circostanze apparentemente simili il rating del Giappone e di alcuni paesi scandinavi negli anni ‘90 è stato degradato »

Dunque Giappone e Scandinavia hanno militari rammolliti e sono stati degradati , ma gli Usa hanno molte bombe, come abbiamo noi , no? In ogni caso, gli USA non possono restare un superpotere se sono a pezzi.

Il fatto che l’America (USA ndt) spenda più del resto del mondo messo insieme sui nostri militari significa che possiamo tenere artificialmente un alto credito di rating. Ma ironicamente, con tutto il denaro che stiamo spendendo sui nostri militari significa che diventiamo sempre meno degni di credito… e che non saremo più in grado di sovvenzionarli"

sintesi e traduzione Cristina Bassi, http://www.thelivingspirits.net/


Salvano le banche, fanno fallire gli Stati: che ne sarà dei nostri risparmi?

DUISBURG: RAGAZZI RIBELLATEVI A CHI VI VUOLE SOLO CRETINI!

No, proprio non posso tacere!
Ragazzi, ribellatevi a chi vi vuole stupidi e sballati" - Messaggio dopo Duisburg di un ex preside: Fabio Cavalca, ex vicepreside dell'istituto "Rondani" ed ex dirigente scolastico dell'Itas (ora Bocchialini) dopo la strage di Duisburg in Germania:


Ragazzi, io, ex-Vicepreside del 'Rondani' ed ex-Preside dell'ITAS (ora Bocchialini), non posso tacere! Di fronte al 'mucchio selvaggio' di Duisburg non posso più stare in silenzio a guardare quello che vi stanno facendo e che voi subite, forse inconsapevolmente!

Non posso restare inerte davanti alla devastazione delle vostre vite, perseguita, con mirabile unitarietà di intenti, da coloro che detengono il potere di sommergervi coi messaggi palesi od occulti che “passano“ dai mass-media: vi vogliono consumatori incoscienti, acritici ed incalliti di tutto quello che riescono a farvi apparire come “alla moda”.

Vi vogliono pronti ad accettare qualunque proposta che contenga una seppur vaga speranza di tornaconto immediato, di piacere momentaneo... Vi vogliono attratti sempre e solamente da ciò che vi diverte, distolti dall’altro aspetto della gioventù, che, oltre ad essere allegria e gioia di vivere, deve essere anche una palestra di vita, in cui ci si allena a portare quei pesi e quelle responsabilità che risultano insopportabili quando cadano improvvisamente su spalle non allenate.

Vi vogliono coglioni!

Vi vogliono pronti ad accettare le caramelle e, magari, le pasticche che vi offrono per ridurvi a coro informe e succube di tutto ciò che la loro propaganda riesce a sottoporvi, per ridurvi ad essere un gregge da tosare, mungere e guidare in eterno. Vi vogliono persino omologare al loro sistema nel modo e nelle ragioni della vostra giovanile contestazione, per essere certi di riuscire a lasciarvi il più possibile ignoranti ed immaturi.
Sì, vi vogliono impreparati, ignoranti ed incoscienti e magari, ancor più, drogati, per essere certi che non opponiate resistenza di fronte alla loro proposta di subire una vita insignificante, di fronte alla loro capacità di manovrarvi.

Ma state attenti: vi vogliono superficiali, vi vogliono incoscienti, vi vogliono “sballati” non per farvi godere eternamente questo stato di euforia effimera e virtuale, ma per poter continuare a gestirvi a modo loro e senza intralci. Oltre che per tenervi incapaci di conoscere a fondo e valutare l’odierna realtà socio-economica, si adoperano anche per sviare la vostra attenzione dal considerare e valutare ciò che si accingono a lasciarvi: UNA TERRA SPORCA E DEPAUPERATA, UNA SOCIETÀ INVIVIBILE, NAZIONI INTERE RIDOTTE ALLA FAME (con 20.000 bambini che muoiono ogni giorno DI STENTI), MALFUNZIONAMENTI E DEBITI ASTRONOMICI CUI FARE FRONTE.
Voi non dovete accettare di essere trattati così: dovete RIBELLARVI ad essere trattati come informe gregge da pascolare e da mungere!

Dov'è la vostra dignità, quando accorrete in massa dove c'è solo casino, sballo, incoscienza, RINUNCIA ALLA RAGIONE, o quando prestate orecchio alle iniziative che vi RINCOGLIONISCONO, strappandovi al giusto riposo, alla quiete ricostituente delle vostre case, del vostro 'giro' di amici? Non rinunciate in nessun momento alla vostra TESTA, alla vostra COSCIENZA! Non rinunciate a SAPERE! Non rinunciate a CAPIRE! NON ADEGUATEVI SISTEMATICAMENTE ALLA STUPIDITÀ DEL PIÙ COGLIONE TRA DI VOI!
Dovete VOLERE essere presenti, informati, coscienti, consapevoli. Dovete divenire o restare (per quelli che fortunatamente e nonostante tutto lo siano):
- fortemente motivati a vivere in ogni momento responsabilmente la vostra vita;
- liberi e coscienti, preparati, critici, tesi a conoscere e capire l’Universo, la nostra Terra, la società umana e le leggi che li regolano, anche a nostra insaputa;
- giovani, specialmente nello spirito, e veri Uomini: giovani nella seria e coscienziosa ricerca del nuovo, nella nausea di fronte alla sporcizia ed alla corruzione, nella fede nella possibilità di dar vita ad un domani pulito e migliore e nella determinazione a volerlo ed a partecipare alla sua realizzazione;
- Uomini (con la U maiuscola) protesi alla scoperta ed alla valorizzazione di quelle che sono le migliori doti dell'Uomo: intelligenza, ponderatezza, indipendenza intellettuale, gusto del bello e capacità di generarlo, spirito di solidarietà e fratellanza. Uomini costantemente tesi alla ferma, pacata e forte affermazione della vostra personalità.

Lo scopo di questa tensione morale e sociale dev’essere la creazione di una vita sicura, serena e tranquilla.
Lo so, siamo stati NOI 'vecchi' (o la parte purtroppo predominante di noi 'vecchi') a spingervi, trascinarvi o lasciarvi cadere verso il casino, la droga, lo sballo, il disimpegno nei confronti di chi sta veramente male, la rinuncia ad essere protagonisti di voi stessi, ma io qui vi invito a guardare la parte buona della società, quella parte che con i sacrifici, la solidarietà, la responsabilità ha permesso alla nostra società di sopravvivere ed ha posto un freno al dilagare delle tante cause di disperazione che purtroppo si concretizzano nella nostra società globale.

Se continuerete a cercare l'inconcludente, demenziale starnazzare di notti bianche, 'rave party', ore piccole che non sono più tali, il tutto condito da quella chimica che già vi dà fastidio anche sui banchi di scuola, allora non potrà non esserci il crollo finale della nostra malata società.
Se vi svegliate da questo letargo dell'intelligenza, forse si potrà ancora fare qualcosa"

Fonte:
http://www.gazzettadiparma.it/primapagina/dettaglio/1/48574/Ragazzi_ribellatevi_a_chi_vi_vuole_stupidi_e_sballati_-_Messaggio_dopo_Duisburg_di_un_ex_preside.html

venerdì 16 luglio 2010

NOTE DAGLI USA SUL "TAPPO" ALLA FUORIUSCITA DI PETROLIO NEL GOLFO

Dalla newsletter di Ingrid Naiman, www.sacredmedicine.com,
traduzione Cristina Bassi, www.thelivingspirits.net

“Giovedi 15 luglio 2010: data da ricordare perchè per la prima volta dopo il 20 aprile, giorno dell’incidente della piattaforma Deepwater Horizon nel Golfo del Messico, è stata bloccata la fuoriuscita di petrolio

(si vedano le note su http://cafedehumanite.blogspot.com/2010/07/bp-stop-temporaneo-alla-fuoriuscita-di.html, nde ).

Che questo non significhi, però, cantar vittoria: occorre restare sempre connessi, pregare e meditare e mantenere viva la propria attenzione perché la situazione continua ad essere precaria e il casino ancora impera.

Sono in molti ora che vogliono ritornare alla “normalità”, ma io non credo sia questo l’obbiettivo. Abbiamo tutti fatto esperienza da testimoni impotenti a distanza, della fine potenziale della vita sulla Terra. Ritornare a come le cose erano prima di guardare in faccia questa possibilità, non è con certezza il motivo della esperienza?

Ora è imperativo che non ci sia fuga dalla responsabilità e chi porta a destinazione questo messaggio sono tu ed io ed i milioni di altri che hanno vissuto nella paura durante gli ultimi 3 mesi, che hanno avuto le loro vite ribaltate come un calzino e che sono stati oltraggiati dal Corexit (il solvente chimico usato ndt ) e dagli innumerevoli crimini contro l’ambiente , l’economia , dalle vite perse nella esplosione e da quelle che si perderanno a causa delle esalazioni tossiche

Abbiamo ora il potere di consapevolezza e impeto civile e non dobbiamo dare forfait alla opportunità di poter fare la differenza. Quindi mentre oggi è una pietra miliare per fare un profondo respiro e forse tirare un breve respiro di sollievo, il casino davanti a noi è ancora immenso.

Ognuno ha opinioni ed io ho le mie. Credo che i beni BP dovessero essere confiscati , non perché gli incidenti non possano accadere ma perchè le priorità erano sbagliate ed il danno procurato, incalcolabile.

Non c’è modo che venga restituito il tolto in modo adeguato, quindi la BP dovrebbe ritrovarsi con niente. Ma forse questo era il piano e la vendita delle azioni in borsa. Sembro troppo vecchia e scettica?

Spero di no, ma se scegliamo di credere solo alla confusione perdiamo l’intensità delle persone unite per una causa. Seppelliamo pure questa affermazione sotto le macerie, ma ricordatevi le aziende automobilistiche, le banche , le agenzie di intermediazione, le compagnie assicurative e scordatevi che comprare BP per pochi penny non abbia fatto comodo a qualcuno .

Se questo accade la Goldman Sachs vince ancora e le persone del Golfo perdono. Sono perciò gli Stati del Golfo che dovrebbero acquisire i beni , ma dubito seriamente accadrà. Cosi possiamo stare stretti stretti ad osservare il dramma che si svelerà nella sua forza,

Nel frattempo A Whale è ancora in rotta (la nave di taiwan unica nel suo genere, che “schiuma il petrolio e che è stata ingaggiata dalla BP, ndt )

Il dispositivo di Costner probabilmente funzionava bene ma con il black out dei media, non abbiamo notizie. Questo anche significa che non dobbiamo prendere per vangelo ciò che ci viene detto, poiché sicuramente non è che parte del teatrino.

In breve, mentre spero il peggio sia passato, sono certa che non è bene abbassare la guardia.

Molte sono le lezioni che ci circondano. Posto ciò che abbiamo appreso sul Corexit , mi chiedo chi con un po’ di cervello usi ancora delle sostanze chimiche tossiche? I miei vicini ancora una volta hanno spruzzato delle sostanze chimiche e di nuovo ho mal di gola ed alcune piante che stanno morendo ma solo al confine con la loro proprietà. Questo è un crimine su scala ridotta rispetto al Golfo, ma siamo cosi maledettamente dementi da non comprendere la calligrafia quando è scritta sul muro?

I miei piccoli sintomi rispecchiano le dozzine e dozzine di emails di altri che chiedono come gestire i rischi sulla salute che derivano dalla crisi del Golfo.

Potevo sentire il sapore delle tossine sulla mia lingua, la mia pelle prudeva, le mie narici bruciavano e scommetto qualsiasi cosa che i ragazzi usati per il servizio sul terreno non ricordavano i rischi, proprio come insiste Nalco con le sostanze chimiche nel Corexit, quando dice si trovano anche in bevande di marca, in creme per la pelle e shampoo. E ci chiediamo perché abbiamo pruriti e la pelle irritabile?"
Il resto con suggerimenti di detox al link http://saluteolistica.blogspot.com/2010/07/depurare-il-fegato-aiuta-fare-progetti.html

BP: STOP TEMPORANEO ALLA FUORIUSCITA DI GREGGIO DAL GOLFO


"E’ la prima volta che la fuoriuscita di greggio si è fermata, da quando è esplosa la piattaforma Deepwater Horizon il 20 aprile scorso.


Il pozzo è stato sigillato con un “tappo” parte di un test per valutarne l’integrità, che potrebbe durare 48 ore.

Il Presidente Barack Obama ha detto che questo sviluppo è stato un “segno positivo” ma ha notato comunque come la BP si trovasse ancora nella fase di test

Kent Wells, dirigente BP, ha detto che il petrolio ha smesso di fuoriuscire alle 14.25 ora locale (19.25 GMT) e che era molto contento del progresso.

"E’ molto bene non vedere petrolio nel Golfo del Messico" ha detto Mr Wells.

(Avrà perso la vista nel frattempo?? Ndt)

Le azioni BP sono salite alle contrattazioni di New York , giovedi u.s. dopo che il flusso è stato bloccato e durante il giorno hanno avuto una buona prestazione.

Ma la BP sottolinea che anche se non ci sarà fuoriuscita di petrolio per 48 ore, questo non significherà che la perdita di gas e petrolio sia bloccata in modo permanente.

Il funzionario-capo operative della BP, Doug Suttles, ha fatto tuttavia rilevare che non c’è ragione di “celebrare”, particolarmente per coloro che nell’area sono stati danneggiati dal petrolio

La pressione di prova è necessaria per verificare la forza del pozzo. Se la pressione nel “tappo” alla sommità è bassa, questo potrebbe indicare che il petrolio sta ancora fuoriuscendo giù nel pozzo.

Se la pressione resta alta, la BP e il governo dovranno decider se cercare di tenere chiuso il pozzo o lasciarlo aperto e incanalare il petrolio in 4 “vasi” in superficie.

L’ammiraglio del governo USA Thad Allen, comandante incidenti, ha detto che anche se l’impresa fosse di successo, il pozzo verrebbe riaperto e si ricomincerebbe la “cattura” del petrolio da parte di navi in superficie, durante l’effettuazione di un test sismico

"Poi possiamo ritornare e rimettere sotto pressione il sistema. Una volta che siamo convinti che possiamo chiudere il pozzo con certezza, cosa che è sempre possibile e che desideriamo”

INTANTO: guardarsi anche questi precedenti di disastri petroliferi, dimenticati o mai divulgati : il grande disastro petrolifero in Alaska nel 1989 con la fuoriuscita della Exxon Valdez che all’epoca fece gli stessi discorsi che la BP sta facendo ora: http://www.brasschecktv.com/page/895.html

E l’altro sulla mostruosità ancor meno nota: lo sterminio di molti cavalli selvaggi (in USA) per far passare un oleodotto nel territorio (RUBY PIPELINE) : http://www.abovetopsecret.com/forum/thread590146/pg1 (respirare profondamente prima di vederlo…)
in cui come da documentazione mostrata dal giornalista, è coinvolta la BP

NON che esistano benefattori nelle multinazionali o sensibiloni alla salute umana e ambientale, ma perche non fare un lista nera di aziende di cui DEPENNARE i prodotti nei propri consumi personali?

mercoledì 14 luglio 2010

A FOX NEWS MAGNATE BILDERBERG DICE DI AVER SCRITTO UN DISCORSO DI OBAMA...


DA: Paul Joseph Watson - www.prisonplanet.com
trad. e sintesi  Cristina Bassi
Tuesday, July 13, 2010
La dichirazione al giornalista Fox News è nella clip che trovate al link succitato

"Che Obama non sia che un fantoccio in mano alle grandi multinazionali
per portare avanti il loro programma, è stato ancora una volta enfatizzato dalla rivelazione di un magnate dei media nonchè luminare del Bilderberg: Mortimer Zuckerman, che dice di aver scritto un discorso per Obama. "Ho votato per Obama. L'ho aiutato a scrivere uno dei suoi discorsi", ha detto ieri sera Zuckerman a Nail Cavuto della FoxNews (vedi link di cui sopra) . Quando il giornalista gli ha chiesto "quale discorso?" ha risposto: "Preferisco non entrare in dettaglio".

Zuckerman si trova al 147° posto tra i più ricchi d'America. E' proprietario ed editore del New York Daily News  ed anche l'attuale caporedattore della US News & World Report, ma anche un regolare partecipante alla riunione Bilderberg ed anche membro del  Council on Foreign Relation

Zuckerman è stato identificato da John Mearsheimer, professore di scienze politiche alla University of Chicago e da Stephen Walt, preside di facoltà della Kennedy School of Government at Harvard University, come membro di un'ala mediatica della “lobby israeliana” in USA. Zuckerman ha risposto alla "accusa" dicendo di essere “orgoglioso” di essere parte della lobby israeliana.

L'opera di Mearsheimer e di Walt hanno rivelato che Zuckerman fu parte di un “vasto network di giornalisti, di think tanks (serbatori di pensiero), lobbisti e in senso lato funzionari ebrei che “hanno afferrato il dibattito di politica estera e manipolato l'America per invadere l'Iraq.”

L'ascesa di Obama alla Casa Bianca è stata completamente artefatta, agita da terze parti che hanno tirato le fila da dietro il palcoscenico. La carriera politica di Obama fu lanciata dal salotto del terroprista domestico e rivoluzionario comunista Bill Ayers, l'uomo che ha scritto la maggior parte del libro imputato ad Obama: "Dreams From My Father" (I sogni di mio padre).

Obama è esaltato ed idolatrato dai media come una potente icona di cambiamento, tuttavia è forse il più servile ed obbediente tirapiedi che sia mai entrato nell "Ufficio Ovale". Obama sa chi sono i suoi maestri .

lunedì 12 luglio 2010

I FUMI DI SATANA IN VATICANO...

" Padre Gabriel Amorth (foto) è da 25 anni capo esorcista in Vaticano. Recenteemente ha dichiarato che Satana è vivo e vegeto  proprio nel cuore dello stesso Vaticano. Secondo un libro di memorie recentemente pubblicato in Italia, padre Amorth afferma di sapere che esistono sette sataniche in vaticano, addirittuta dentro il Collegio dei Cardinali.

 "Ci sono preti, monsignori ed anche cardinali!" spiega al giornalista vaticano Marco Tosatti, che ha redatto "Memorie di un esorcista" da interviste con il prete. Quando Tosatti gli ha chiesto come fa a sapere che il clero vaticano è coinvolto in queste sette, l'esorcista ha risposto: "Lo so da coloro che sono stati in grado di rendermene conto perchè avevano modi di saperlo direttamente. Ed è qualcosa di confessato il più delle volte dal demone stesso sotto ubbidienza durante le sedute esorciste" .


Come c'è da aspettarselo, i media secolarizzati su questi commenti del prete 85enne, ci hanno fatto sopra delle risate. Ammettere l'esistenza del diavolo è ancora qualcosa di ridicolo e meritorio di derisione da parte dei non credenti ; un altro esorcista con sede a Roma, si è preso carico del tema con le accuse.

Si tratta di padre José Fortea, spagnolo ed ex studente di padre Amorth, che si è esposto pubblicamente in difesa del Vaticano, affermandoche padre Amorth è andato ben oltre l'evidenza, nel fare le sue accuse.
I demoni in sè - ha detto- non sono esattamente fonti impeccabili: dopotutto il Diavolo opera camuffandosi.
Padre Fortea ha anche spiegato che tra coloro che cercano aiuto per possessioni demoniache ci sono anche "innumerevoli persone" che affermano di essere dei riceventi di rivelazione divina, incluse le rivelazioni sulle infiltrazioni di Satana e dei Massoni all'interno della Chiesa."

Nonostante questo, un incidente curioso sembra avesse volute vendicare padre Amorth. Dopo un mese dalla pubblicazione delle sue accuse shockanti, uno degli usceri della elite di Papa Benedetto XVI (formalmente noto come un "Gentleman Papale") è stato licenziato dal suo posto in Vaticano per essere stato coinvolto in un giro di prostituzione gay, mentre un corista dell'elite vaticana, che presumibilmente agiva come "magnaccia" , è stato anch'esso risucchiato dentro lo scandalo sessuale.
No, questa non è una prova indiretta del satanismo nel petto della Santa Madre Chiesa, ma c'è di che grattarsi la testa anche ad essere un fervente credente. Un giro di prostituzione gay che esce dal Vaticano? Veramente? Beh, se possiamo credere in ciò che si scrive su Repubblica, pare proprio di sì.

Il quotidiano italiano ha pubblicato estratti di registrazioni della polizia sul telefono di Angelo Balducci e l'evidenza sembra proprio chiara. Balducci, soggetto di prova di corruzione da parte della polizia italiana quando l'evidenza venne alla luce, servì i Papi Giovanni Paolo II e Benedetto XVI in occasioni speciali, come quando capi di stato visitavano il Vaticano. Balducci sembra avere una pila di evidenze contro di sè.

Ghinedu Ehiem della Nigeria, che ha cantato per quasi 20 anni  nel coro Giulia nella  Basilica di San Pietro,  è il corista licenziato dopo che il suo nome è apparso nelle trascrizioni delle registrazioni. Viene accusato di aver procurato prostituti maschi a Balducci ed altri, come parte "di una rete organizzata" che includeva studenti di molti seminari romani ignoti. Si, avete letto bene: un laico in Vaticano faceva da "magnaccia" con i seminaristi per pervertiti locali  e - viene riportato- in cambio di molto denaro.

Fonte http://www.newoxfordreview.org/note.jsp?did=0510-notes-smoke
traduzione Cristina Bassi

domenica 11 luglio 2010

SOLAR IMPULSE: L'AEREO CHE HA VOLATO CON ENERGIA SOLARE SENZA INQUINANTI!

RAPPORTO DI VOLO:
Pilota André Borschberg,
decollo: 07/07/2010 - 06h51
atterraggio: 08/07/2010 - 09:00
Durata del volo: 26 h 09 min
Velocità max: 68 nodi
Velocità media: 23 nodi
Max altitudine: 8564 m 

"Intorno alle 16h40 del 7 luglio 2010, il prototipo persino superò gli 8500 mt che avevamo come intento, raggiungendo l'altitudine di 8700 mt. Con l'aiuto dei suoi 12.000 pannelli solari, costruiti sulla sua gigantesca ala di 63,4 mt, i 400kg delle sue batterie si erano pienamente caricate durante la lunga ascesa.

Dapprima il prototipo ha volato sopra la Svizzera Occidentale (“Swiss Plateau”) ed ora si dirige verso il lago Thuner

"Il prototipo è pronto per iniziare il suo viaggio attraverso la notte! Ora inizierà una lenta discesa che lo farà scendere a 1500 mt a circa le h. 23.00. Da quel momento in poi, l'energia accumulata nelle batterie dovrà tenerlo in aria fino a domani mattina", ha detto con sicurezza Claude Nicollier,
capo del programma dl volo test della Solar Impulse

"Durante tutta la notte, sono sttao seduto a gurdare il livello di carica della batteria che continuava a salire! E' una emozione fantastica stare seduto in un aereo che produce più energia di quanta ne consumi!" ha detto dalla cabina di aereo André Borschberg, CEO (Chief Executive Officer, Direttore Generale) e co-fondatore del progetto Solar Impulse.


Questo è un momento altamente simbolico: volare di notte usando solamente energia solare, è una manifestazione sbalorditiva del potenziale che enerie pulite possono offrire oggi per ridurre la dipendenza della nostra società dai carburanti fossili!", ha aggiunto Bertrand Piccard, iniziatore e presidente della Solar Impulse.

“ Dopo 17.500 ore di volo  in aeronautica commerciale, per la prima volta  mi sto trovando dalla parte dei controllori di volo, responsabile dei voli…. e semplicemente mi piace questa cosa”, ha detto Raymond Clerc, capo della missione di volo Solar Impulse.

Per uteriori info sulla Solar Impulse: http://www.solarimpulse.com/
traduzione Cristina Bassi
Fonte : http://www.sonnenseite.com/News,THE+SOLAR+IMPULSE+HB-SIA+ENTERS+THE+NIGHT!,80,a16384.html

giovedì 8 luglio 2010

GOLDMAN SACHS E LA SPECULAZIONE DI MERCATO SU CIBO E POVERTA'

"(…) Alla fine del 2006, il prezzo delle derrate alimentari incominciò a salire in tutto il mondo, in modo improvviso e stratosferico. Nell’arco di un anno, il prezzo del frumento schizzò verso l’alto dell’80%, quello del mais del 90% e quello del riso del 320%.

In questa esplosione globale di carestiae, 200 milioni di persone - soprattutto bambini - non ce l’hanno più fatta ad avere del cibo, e sono sprofondati nella malnutrizione e nell’inedia. Ci sono state rivolte in più di 30 nazioni ed almeno un governo è stato deposto in modo violento.

Poi, nella primavera del 2008, nello stesso modo misterioso, i prezzi regredirono al loro livello precedente. Jean Ziegler, Relatore Speciale ONU per il Diritto al Cibo, definì la cosa: «l’assassinio silenzioso di massa», «interamente causato da azioni umane».

La maggior parte delle spiegazioni che ci furono date per il fenomeno risultarono poi false. (...) l’International Grain Council disse che la produzione mondiale di frumento, per esempio, in quel periodo era effettivamente cresciuta. Ma non a causa di una cresciuta domanda; ci fu detto che le crescenti classi borghesi di Cina ed India, stavano facendo salire la domanda, ma, come mostrato dal Professor Jayati Ghosh del Centre for Economic Studies di New Delhi, in quel periodo la domanda di quei Paesi era scesa del 3%.

(..) E’ vero che la richiesta crescente per i biofuels richiedeva un aumento di terra agricola disponibile - ma si trattava di un meccanismo graduale che non spiegava il picco violento che si era verificato. Vero: il prezzo del greggio era salito, facendo lievitare i costi della coltivazione e della distribuzione del cibo - ma le prove dimostrano in modo sempre più evidente che questo non era il fattore maggiore.

Per oltre un secolo, gli agricoltori nelle nazioni benestanti sono stati in grado di mettere su un meccanismo grazie al quale proteggersi dal rischio: l’agricoltore Giles poteva accordarsi a gennaio con un commerciante per vendere il suo grano ad agosto e ad un prezzo prefissato. Se il suo raccolto fosse stato abbondante ed prezzo generale alto, avrebbe perso un po’ di guadagni, ma se ci fosse stata una estate schifosa ed i prezzi globali sarebbero crollati, avrebbe comunque avuto un buon guadagno dall’affare. Finchè questo meccanismo ha avuto strette regole, e sono state ammesse solo le aziende con un interesse diretto nel settore, tutto ha funzionato bene.

Ma negli anni ’90, la Goldman Sachs ed altri esercitarono forti pressioni al punto da far abolire tali regolamentazioni. Di colpo, tali contratti furono trasformati in ‘derivati’ che potevano essere comperati e venduti fra ‘commercianti’ [traders, ndt] che non avevano nulla a che vedere con l’agricoltura. Nasceva così un mercato di ‘speculazioni sul cibo’.

Cosi, quel che succede è che il nostro Agricoltore “Giles” continua a concordare una vendita in anticipo del suo raccolto ad un commerciante, per diciamo 10.000 dollari; ma adesso, quel contratto può essere rivenduto a speculatori finanziari che lo gestiscono in sé come un oggetto di potenziale ricchezza. Goldman Sachs può acquistarlo e rivenderlo per 20.000 sterline inglesi alla Deutsche Bank, che a sua volta può rivenderlo alla Merrill Lynch per 30.000 sterline - e così via, nella misura in cui ritengono che il prezzo possa essere ancora tirato su, fino al punto da non avere più alcun riferimento con il raccolto dell’agricoltore Giles.

(…) John Lanchester, nella sua superba guida al mondo della finanza, intitolata «Ops! Perchè tutti hanno debiti con tutti e nessuno può pagare? » e nella quale spiega:
«La finanza, come altre forme di comportamento umano, nel ventesimo secolo ha subìto un cambiamento, una svolta equivalente a quella dell’insorgere del modernismo nelle arti: una rottura con il buon senso, una svolta verso l’auto-referenzialità e l’astrazione e concetti che non potevano essere spiegati con l’inglese ordinario». «Con i derivati... si ha una profonda frattura fra il linguaggio della finanza e quello del buon senso ».

La poesia aveva trovato la sua rottura con la rappresentazione diretta della realtà quando T. S. Eliot scrisse: «The Wasteland», la finanza ha trovato il suo momento di rottura negli anni ’70, quando iniziò ad essere dominata da strumenti finanziari complessi che neppure quelli li vendevano, comprendevano pienamente.

Fino a prima della deregulation, il prezzo delle derrate alimentari era definito dalle forze delle scorte della domanda stessa di cibo. (La cosa era già in sè profondamente imperfetta: lasciava affamate un miliardo di persone). Ma dopo la deregulation, non era più semplicemente un mercato in derrate alimentari, ma divenne, allo stesso tempo, un mercato di contratti che speculavano su derrate teoriche che sarebbero cresciute nel futuro - e gli speculatori spinsero i prezzi alle stelle.

(…) nel 2006 speculatori finanziari quali Goldman Sachs, si tirarono fuori dal collassante mercato degli immobili residenziali USA, mettendosi a cercare altri settori dove imboscare i loro contanti. Cominciarono ad acquistare colossali quantità di derivati basati su alimentari: prevedevano che i prezzi degli alimentari sarebbero stati stabili o sarebbero cresciuti mentre il resto dell’economia avrebbe sedimentato. Di colpo, gli investitori mondiali, spaventati, hanno calcato questo terreno e deciso di comprare, comprare, comprare.

Cosi ebbe inizio la fame: il prezzo degli alimenti era stabilito dalla speculazione piuttosto che dal ‘cibo’ vero. Gli speculatori non avevano interesse al grano vero, lo possedevano unicamente per inflazionare il prezzo e venderlo.

(…) Anche George Soros ha detto che era: «proprio come imboscare cibo durante una carestia, per trarre profitto dai prezzi in ascesa».

La bolla scoppiò solo nel marzo del 2008, quando la situazione negli USA peggiorò cosi tanto che gli speculatori dovettero tagliare bruscamente le proprie spese per coprire le loro perdite domestiche.

Quando chiesi loro dei commenti sull’accusa di causare questa fame di massa, il portavoce della Merrill Lynch (traders,. ndt), disse: «Beh, non ne so nulla». Poi mi mandò un’email per dirmi: « Mi rifiuto di fare commenti».

Anche la Deutsche Bank si rifiutò di fare commenti, Goldman Sachs è stata un po’ più dettagliata nella sua risposta, dicendo : «da serie analisi... abbiamo concluso che gli “index funds” (fondi indice) non hanno causato la bolla sui prezzi delle opzioni futures legate alle merci», citando, come fosse una prova, una sola singola frase pronunciata dal OECD [Organization for Economic Cooperation and Development].

Come evidenzia il Prof. Ghosh, alcuni raccolti vitali non sono scambiati sui mercati dei futures: fra di essi il miglio, la manioca e le patate. Il loro prezzo, durante il periodo in questione, è salito di un poco pari a solo una frazione rispetto a quelli colpiti da speculazione. La sua ricerca mostra come sia stata la speculazione la ‘causa principale’ dell’aumento dei prezzi.

(…) i più ricchi speculatori del mondo, hanno (…) puntato sull’aumento della carestia, ed hanno vinto. Questo è quanto succede quando si da retta al fatto che i mercati non regolamentati conoscano benissimo dove e quando fermarsi.

(…) Se non ri-regolamentiamo, è solo questione di tempo e poi la cosa si ripeterà, e... questa volta, quanto durerà? Quante persone ucciderà la prossima volta?

Le mosse per ripristinare le regole antecedenti gli anni 90, in riferimento al commercio di merci, sono state incredibilmente lente. Negli USA, la camera ha approvato alcune regolamentazioni, ma ci sono timori che il Senato - inondato da donazioni degli speculatori - le possa diluire fino a farle diventare insignificanti. L’Unione Europea è ancora più arretrata, mentre in Gran Bretagna - dove avviene la maggior parte di questo ‘commercio’ - i gruppi di sostegno sono preoccupati che il governo di David Cameron blocchi del tutto la riforma, per far piacere ai suoi amici e finanziatori nella City.

C’è una sola forza che possa impedire che un’altra bolla speculativa sulla fame scoppi, probabilmente presto: che la gente onesta delle nazioni sviluppate, si metta ad urlare più forte dei lobbisti della Goldman Sachs".

by Johann Hari
trad e sintesi Cristina Bassi
http://johannhari.com/2010/07/02/how-goldman-sachs-gambling-on-starving-the-worlds-poor-and-won

venerdì 2 luglio 2010

FUNZIONARI VATICANI, BP E GOLDMAN SACHS

Il quasi totale blackout dell’informazione indipendente, e l’arresto di chiunque venisse sorpreso a fotografare o filmare la devastazione, mostra come la crisi petrolifera della Halliburton- British Petroleum (BP) sia criminalmente controllata, implicando alcuni tra i nomi più importanti di Wall Street.

Secondo un resoconto ad opera del titubante ma comunque affidabile regista di documentari James Fox, intervistato a Grand Isle, nel Golfo del Messico, da Mel Fabregas per il Veritas Radio Show:

"Stanno arrestando tutti quelli con una telecamera, o quelli che lontano dalle telecamere sono sorpresi a parlare con un reporter”, ha detto Fox.

Un altro reporter ha detto a Fox “E tu chiami questo un paese libero? Proprio qui, negli Stati Uniti d’America, non c’è libertà di stampa. Non c’è libertà di parola. Stanno chiudendo lo spazio aereo sopra la fuoriuscita di petrolio, in modo che i reporter non possano sorvolarlo per constatare quanto siano effettivamente gravi le perdite di petrolio”.

Pezzi sospetti di questo puzzle mortale vedono la partecipazione della Halliburton, la seconda compagnia di servizi mondiale nel campo del petrolio, con sedi principali a Houston e Dubai, alla cui negligenza è stata attribuita la tempestiva esplosione.

Tre settimane prima della “fuoriuscita di gas naturale”, la compagnia Halliburton, legata a George Bush e Dick Cheney e che aveva fatto parlare di sé in relazione ai fatti dell’11 settembre, aveva negoziato l’acquisto della più grande azienda mondiale per la ripulitura delle fuoriuscite di petrolio (Boots & Coots) nello stesso momento in cui attenti osservatori a Wall Street (agenti dell’intelligence finanziaria per la Goldman Sachs; GS, spesso chiamata “Government Sachs”) si liberavano del 44% dei loro titoli BP.

A parte l’appoggio azionario di Blankfein e Government Sachs alla BP e all’Halliburton, un’altra falsa pista macchiata di petrolio, è quella che segue Peter D. Sutherland, il presidente uscente della BP, al momento anche presidente non-esecutivo della Goldman Sachs International.

La parte più inquietante dell’intera vicenda è che mr. Sutherland, l’uomo con un piede nella GS e l’altro nella piattaforma della Halliburton-BP in fiamme, è il Consigliere della Sezione Straordinaria dell’Amministrazione del Patrimonio della sede Apostolica. In altre parole, Sutherland è il principale consigliere finanziario del Papa.

Nel 2010, Mr. Sutherland dopo un periodo di 13 anni ha concluso la sua carica di presidente della BP, la più grande compagnia petrolifera europea. Ex Procuratore Generale di Irlanda, è presidente della Federal Trust for Education and Research, un gruppo di esperti britannico i cui sforzi sono meglio descrivibili con il nome di indottrinamento corporativo più che “educazione” fidata. E’ presidente dell’ Ireland Fund for Great Britain, e membro del consiglio consultivo del Business for New Europe, un gruppo di esperti con sede in Gran Bretagna favorevole all’istituzione di un nuovo ordine mondiale.

Dal 1993-95, Sutherland è stato Direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio.


Nel gennaio 2006, l’attuale Presidente non-esecutivo di Goldman Sachs International, è stato nominato Rappresentante speciale per la migrazione internazionale dal Segretario generale dell'Onu, Kofi Annan.

Ora, ironicamente, la missione impossibile di Sutherland è quella di far migrare la flora e la fauna marine, i pescatori e gli abitanti della costa lontano dal pericolo di questa emergenza internazionale.
By Sherri Kane Fonte: http://www.rense.com

"Vatican Official Tied To BP, Goldman Sachs"
Sherri Kane, in precedenza giornalista per la FOX News di Los Angeles, è un giornalista investigativo freelance e co-fondatore, insieme al Dr. Leonard G. Horowitz, della Healthy World Organization (HWO), che si sta ora proponendo come alternativa alla bifronte World Health Organization (WHO).