UN BLOG... PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG... PER TENERTI SVEGLIO
SAI BENE L'INGLESE? VUOI DARE UNA MANO ANCHE TU A TRADURRE ARTICOLI DALLA STAMPA INTERNAZIONALE NON MAINSTREAM? DIVULGARE CONOSCENZA E VERITA' OCCULTATE, E' UN CONTRIBUTO AL RISVEGLIO DELLA COSCIENZA. Contatto: academy@thelivingspirits.net.

DISPOSITIVO QXCI-SCIO: RIEQUILIBRI PER UNA GUARIGIONE NATURALE

DISPOSITIVO QXCI-SCIO:  RIEQUILIBRI PER UNA GUARIGIONE NATURALE
biofeedback quantico, antistress, riequilibrio emozionale

Translate

giovedì 19 aprile 2012

GRILLO: LA DEMOCRAZIA DEL TE'. UNA INNOVAZIONE TUTTA ITALIANA

Nella sala da tè di Rigor Montis si celebra la fine della democrazia parlamentare. Ieri, nell'usuale incontro carbonaro, Monti, Alfano, Bersani e Casini hanno sorseggiato tè e mangiato biscottini, i loro placidi lombi su poltroncine ottocentesche, discorrendo amabilmente per cinque ore di Salva-Italia e di Cresci-Italia. La democrazia del tè. Un'innovazione tutta italiana.

Il Parlamento ha cessato la sua stenta esistenza con l'avvento di Rigor Montis. Gli italiani hanno barattato quel 10% di democrazia che gli restava con un 150 di spread. E' un brutto precedente, passato sotto silenzio. La democrazia è diventata una merce di scambio. Domani, di fronte a una crisi mondiale dell'energia, potremmo persino ritrovarci Scaroni a capo del Governo con 10 centrali nucleari di ultima generazione. Senatore a vita nel pomeriggio per meriti napoletani e presidente del Consiglio il giorno dopo con Chicco Testa ministro dello Sviluppo. La democrazia è sul bancone, il suo prezzo svalutato come i nostri titoli pubblici. La democrazia è un fastidio per chi vuole decidere escludendo i cittadini.

La democrazia del tè è nata prima dell'estate, quando gli italiani hanno ripreso a fare politica, dopo anni, con i referendum. Il no al nucleare e il si all'acqua pubblica sono stati devastanti per il Sistema, per le banche, per le multinazionali. Intollerabile, non si poteva continuare su questa strada.

Nella sala da tè, mentre la Frignero sparecchiava il tavolo Luigi XVI, ci si è lasciati andare, come tra vecchi amici che hanno fatto carriera insieme. Le risate e le battute si sono sprecate, esilarante quella del capotavola Rigor Montis: "Sono profondamente grato per l'atteggiamento degli italiani che nella pur grave sofferenza stanno dando una prova esemplare". E' come se Nerone si complimentasse per il comportamento dei cristiani mentre pregano nel Colosseo prima di essere sbranati dai leoni.

Chissà se Rigor Montis ha versato una lacrima nella tazza, insaporendo la fettina di limone, pensando alle decine di imprenditori suicidi. Mentre i Quattro dell'Apocalisse discutevano di Sviluppo, si è saputo che nel primo trimestre del 2012 hanno chiuso 146.000 imprese. Bersani, con la faccia di chi ancora una volta si è salvato il culo e non sa perché, ha detto "C'è un nuovo patto politico!". Un altro? Ancora? E tra chi? Tra quattro imboscati in una stanza che ignorano l'opinione pubblica e fanno carne da porco del Parlamento? Voglio una web cam in quelle maledette stanze mentre discutono del futuro della NOSTRA nazione e del NOSTRO futuro e di quello dei NOSTRI figli. Nessuno può decidere per noi.

Ps. Segui il tour elettorale 2012.

FONTE: http://www.beppegrillo.it/2012/04/la_democrazia_d/index.html

1 commento:

paso ha detto...

Probabilmente, il tè al posto del caffè ha il significato di ricordare agli astanti che se sono lì per "decidere" è in realtà per eseguire alla lettera riti e disposizioni di matrice anglosassone...
del resto lo stesso Monti è incapace di concludere un discorso sensato (si fa per dire) senza ricorrere all'inglese.