UN BLOG... PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG... PER TENERTI SVEGLIO

VOLCANIA RADIO IN COLLABORAZIONE CON DAVIDICKE.COM

VOLCANIA RADIO IN COLLABORAZIONE CON DAVIDICKE.COM
LE NOTIZIE CHE I MEDIA NON DICONO. TUTTE LE SERE DALLE H. 20.00 ORA UK (in English)

SUCCEDE...

SECCEDE CHE , CASUALMENTE OF COURSE, SUCERTI POST, COMPAIANO DELLE SOVRASCRITTURE. I LETTORI COMPRENDERANNO...

DISPOSITIVO QXCI-SCIO: RIEQUILIBRI PER UNA GUARIGIONE NATURALE

DISPOSITIVO QXCI-SCIO:  RIEQUILIBRI PER UNA GUARIGIONE NATURALE
biofeedback quantico, antistress, riequilibrio emozionale

Translate

sabato 31 marzo 2012

IO PICCOLO IMPRENDITORE, COSTRETTO ALLE DIMISSIONI DA ME STESSO...

"Caro Beppe, sono un piccolo imprenditore in procinto di dare le dimissioni da me stesso. E' qualcosa che mi pesa, che mi pesa molto. Di notte sento un'oppressione sul petto come se qualcuno fosse seduto sopra di me. Ho una piccola società di servizi, 20 persone. O forse è più corretto dire che è la società che possiede me. Gli ho dedicato 12 ore al giorno per anni.

Nei giorni festivi "solo" 4 o 5. Ho resistito fino ad ora un po' per orgoglio e per non mettere in mezzo alla strada una ventina di famiglie. E' dura guardare negli occhi qualcuno che ha cercato di costruire qualcosa insieme a te per anni e dirgli "E' finita!". Non ho mai avuto agevolazioni da questo Stato, ma solo controlli occhiuti, tasse, burocrazia. Ho sempre pagato con regolarità i miei fornitori, se ho sgarrato è stato di qualche settimana, forse un mese nei casi di necessità, ma lo Stato pretende che paghi l'Iva anticipata sulle fatture che emetto e che sono pagate a babbo morto, in qualche caso mai.

E cosa puoi fare? Un'azione legale per una fattura non incassata? E quanto ti costa? Se tu hai un debito con lo Stato devi pagare pronta cassa, se invece lo Stato ha un debito con te puoi morire di fame o, come prospetta il ministro Passera, essere pagato con titoli di debito pubblico. Cosa ci faccio? Li do ai bambini per giocarci con le figurine? Pago i miei debiti con il debito dello Stato? I clienti ritardano i pagamenti di mesi, e li capisco.

 Le banche mi rifiutano un fido per coprire i costi di 2/3 mesi di attività nonostante abbia sempre chiuso i conti con un pareggio o un utile, non un granché ma sempre un utile. A che servono le banche se non supportano le imprese? Per me potrebbero chiudere. Da oltre un anno oltre all'imprenditore faccio quindi anche da banca. Non voglio indebitarmi con degli avvoltoi. Lascio qualunque emolumento mi spetti nella società. Così sono riuscito a pagare gli stipendi (puntualmente!) delle persone che lavorano con me.

Mi sono accorto che vivevo come un automa per pagare le tasse al mio socio occulto, lo Stato. Mi sono accorto di lavorare senza remunerazione, in realtà mi finanziavo (!?) l'attività, e che per vivere divoravo il piccolo patrimonio che mi hanno lasciato i miei vecchi dopo una vita di lavoro. Mi sono accorto che passo con la mia famiglia solo ritagli di tempo e mai sereno, ma sempre preoccupato e nervoso per le scadenze, per i contratti. Non sono nato per fare l'eroe. Per ora chiudo la mia piccola azienda e chiedo scusa ai miei colleghi, li ho sempre considerati tali e non dipendenti. Un saluto". Massimiliano R.

fonte: http://www.beppegrillo.it/2012/03/le_dimissioni_dellimprenditore/index.html

venerdì 30 marzo 2012

L'UOMO SINTETICO: IL FUTURO CHE AVANZA. CONFERENZA DI SOFIA SMALLSTORM

Illuminante conferenza tenuta da Sofia Smallstorm (al link il video doppiato in italiano), su Biogeoingegneria ed uno dei suoi fini ultimi, quello di rendere gli uomini degli automi. Ci riferiamo al contributo intitolato “Scie chimiche ed umanità sintetica (psicotronica)”. 

La ricercatrice compie una carrellata che spazia dalla moria degli alberi all’oscuramento globale, dalla biotecnologie all’insorgenza di affezioni direttamente o indirettamente collegate alle irrorazioni (in primis il Morgellons), dal controllo psicotronico alla manipolazione del D.N.A., per culminare nell’identificazione di uno fra gli scopi finali delle chemtrails, degradare homo sapiens in un essere bionico, un cross over organico-elettronico.

L’inquietante scenario additato dalla Smallstorm ricorda la società descritta da Aldous Huxley in “Brave new world”: nel noto romanzo distopico viene prospettato un mondo in cui un’élite di plutocrati domina una razza di lavoratori sterili, dalle limitate capacità intellettuali, le cui emozioni sono tenute a bada con la somministrazione di una sostanza chimica.

Sono aspetti ed acquisizioni verso cui si è realizzata una convergenza per opera di vari studiosi: già alcuni anni addietro, Bojs evidenziava la connessione tra scie tossiche, emissioni elettromagnetiche da un lato, soggiogamento della popolazione dall’altro. Anche Corrado Penna ha intuito gli obiettivi reconditi delle operazioni chimico-biologiche, agganciandole in particolar modo ai deliri del Transumanesimo. Tanker enemy, in numerosi articoli, tra cui “Mutanti”, aveva tratteggiato un quadro che combacia con quello rappresentato dalla Smallstorm.

Così, dietro la cortina fumogena creata dagli scienziati transumanisti e dalle corporations dell’era tecnotronica, si intravede la sagoma caracollante dell’ebete uomo del futuro. 

articoli correlati :

giovedì 29 marzo 2012

GUERRA ALL'IRAN RIMANDATA AL 2013, POICHE' FALLITA LA SIMULAZIONE DI GUERRA ISRAELIANA

Report: Iran Attack Postponed Until Spring 2013 gholizadeh20110324204849090Una fallita simulazione di guerra ha lasciato gli Israeliani  di stucco.

Traduzione e sintesi da:
Paul Joseph Watson
Prison Planet.com
Thursday, March 29, 2012

Il piano israeliano di attaccare l'Iran è stato rimandato alla primavera del 2013, a seguito di una simulazione di guerra che ha mostrato che l'Iran potrebbe uccidere 200 Americani con un solo colpo di missile, secondo un rapporto del corrispondente di Haaretz (testata israeliana ndt)  Amir Oren.

“Alle 8:58 P.M. di martedi, la guerra di Israele del 2012 contro l'Iran è giunta ad una quiete. I piani capricciosi per un enorme attacco aereo sono regrediti. La guerra potrebbe non essere stata cancellata, ma certamente è stata  posticipata. Almeno per un attimo, possiamo cantare a gran voce: non accadrà quest'anno. Fino a comunicazione contraria, il Flight 007 dell'aeronautica israelina non decollerà"
Scrive Oren.

All'inizio di questo mese, fu anche riportato che Israele si era mostrata d'accordo sul rinunciare ad un attacco sugli impianti nucleari iraniani, in questo anno, in cambio del "dono" dagli USA di equipaggiamento militare, incluse le bombe bunker-busting e gli aerei da rifornimento. La trattativa fu vista come una tacita ammissione della Amministrazione Obama a sostenere Israele nel lanciare l'attacco, ma solo dopo le elezioni di novembre.

Se è stata presa la decisione di posticipare l'attacco, ci si attende che gli USA ritirino almeno alcune delle sue forze navali dal Golfo Persico. Attualmente gli USA hanno la USS Carl Vinson e la  portaerei USS Abraham che pattugliano lo Stretto di Hormuz, insieme alla USS Makin Island, una nave anfibia di assalto. All'inizio di questo mese fu anche annunciato che ulteriori 4 navi antimine stavano dirigendosi nella regione.

Come mostra l'aggiornamento della cartina della Stratfor Naval, l'americana Enterprise, la cui rotta molti addussero fosse diretta allo Stretto di Hormuz per un attacco all'Iran, ora è stata programmata per far visita al Pireo, Grecia,  suggerendo cosi che le tensioni potrebebro essersi allentate – almeno per il presente.

Report: Iran Attack Postponed Until Spring 2013 Naval Update 03 28 12
Click for enlargement.

STRANA FORMAZIONE DI NUVOLE SU MARTE

Amateur astrophotographer Wayne Jaeschke captured this picture of the Red Planet from his private observatory in West Chester, Pennsylvania. A 200 per cent enlargement of the formation can be seen at the top of the picture
Un astronomo amatore ha catturato recenti immagini di Marte che paiono mostrare formazioni simili a nuvole sul pianeta.

Wayne Jaeschke, da West Chester, Pennsylvania, ha notato le formazioni visibili, alzarsi dal bordo del disco marziano; ha fatto le foto il 20 marzo.
Alcuni osservatori hanno suggerito che le "cosiddette nuvole" potrebbero essere almeno a 150 miglia dalla superficie, mentre altri pensano che potrebebro essere detriti , risultato di un meteorite che colpi il pianeta rosso.



L'astrofotografo amatore, Wayne Jaeschke ha catturato questa imamgine del pianeta rosso dal suo osservatorio privato in West Chester, Pennsylvania. Al 200 percento di ingrandimento, la formazione puo' essere vista alla sommità della immagine.


The phenomenon has caused a buzz among astronomers who are set to investigate into the cloud-like formation further

Il fenomeno ha causato un po' di scompiglio tra gli astronomi, che stanno investigando sulla formazione nuvolosa.

Dalla sonda orbinate della NASA, la Odyssey  si userà il Thermal Emission Imaging System (Themis) per osservare l'area dove è stata intercettata la nuvola.

Mr Hill ha detto che la telecamera Themis è in grado di fare immagini simultanee visibili e ed infrarossi  che catturerebbero le strutture nuvolose e le loro temperature.


Themis on Nasa's Mars Odyssey orbiter will be used to look at the area which has the cloud

mercoledì 28 marzo 2012

IL PATHOS DELLO STATO ETICO NELL'ERA MONTI: MA GHIGLIOTTINATI GLI INFEDELI, CHI LI SOSTITUIRA'? HISTORIA DOCET...

"Si ha l’impressione, considerando la situazione italiana, che l’esecutivo di Matto Morti, intenda gettare le fondamenta di uno “stato etico”: la demonizzazione degli evasori fiscali non obbedisce solo alla necessità contingente di racimolare denaro con ogni mezzo, ma assume i toni di una spaventosa crociata. 

Lo stato sempre più assomiglia ad un dio inaccessibile, la cui giustizia è ferrea, disumana nella sua rigidità. Sono gli stessi cittadini ad invocare tribunali implacabili per estirpare la corruzione, ma, dopo che saranno stati ghigiottinati amministratori infedeli ed avidi, chi li sostituirà?

I magistrati appaiono come i moralizzatori, eppure essi stessi sono stati partoriti dal sistema che quasi sempre fingono di voler combattere. Non è il caso di lasciarsi prendere da facili entusiasmi. E’ probabile che non sia prossima la fine delle élites, ma che esse ricorrano, ancora una volta, a scaltri espedienti per perpetuare e rinvigorire la loro immonda supremazia.

Un black out (artificiale?) potrebbe costituire il pretesto per creare una situazione di caos, risolta da interessati “salvatori”. È’ significativo che i possibili arresti riguardano per lo più loschi figuri già ampiamente screditati, appartenenti ad una generazione ormai declinante. Non saranno sfiorati dalle iniziative giudiziarie né ignobili teste coronate né i militari che sono nella cabina di regia. Nessuna delle voci in oggetto si riferisce all’impeachment degli ideatori del più colossale, diabolico crimine che abbia mai stuprato il pianeta e dilaniato l’umanità, la Biogeoingegneria clandestina ed illegale. Mentre si mettono alla gogna – a ragione – speculatori e parlamentari malandrini, neppure una denuncia attacca gli avvelenatori.

Saranno incriminati usurai internazionali ed inquisiti politici disonesti: probabilmente molti saranno condannati anche con pene esemplari, ma i congiurati resteranno liberi come il vento. Potranno così continuare a complottare contro le nazioni, simulando di voler “bonificare” la società. Come sempre, dietro la cortina fumogena degli eventi spesso costruiti ad arte e dati in pasto ad un’opinione pubblica tanto avida quanto credula, i cospiratori tessono le loro trame per scatenare un nuovo conflitto mondiale e per gettare nella miseria e nel terrore i popoli.

La quotidiana flagellazione del cielo è lì a ricordarci che la strada per l’inferno è lastricata di scintillanti bugie. 


tratto da: http://zret.blogspot.it/2012/03/la-strada-per-linferno.html

martedì 27 marzo 2012

NOI, I NUOVI SCHIAVI. CAPITELO: VOI CHE VOTATE A DESTRA O A SINISTRA...

Potrete ingannare tutti per un po’.
Potrete ingannare qualcuno per sempre.
Ma non potrete ingannare tutti per sempre”
Abramo Lincoln

Altro che impacciato, Helicopter Bernanke il nuovo governatore della FED americana è un professionista degno erede di Mr. Greenspan. Con interventi apparentemente contraddittori e sconclusionati (ora aumento i tassi, ora li diminuisco, ma non troppo…forse…) sta tenendo i mercati finanziari e valutari a galla come un vero illusionista di professione. Tre parole azzeccate ed il gioco è fatto: dollaro giù, dollaro su euro su, oro giù, borse su ….una stampatina di monete da gettare dall’elicottero (appunto) e l’economia riprende…facile no?

Ovviamente non è da solo in questa avventura, ma è il direttore d’orchestra di tutte le altre bande centrali che aprendo e chiudendo i rubinetti creditizi e monetari, determinano la riuscita o il fallimento di nazioni, imprese e persone di tutto il mondo.
Altro che politica, altro che governi di destra o sinistra…i veri padroni del mondo sono loro. Con il giochino stupido stupido di rifilarci cartamoneta straccia contro ricchezza reale hanno soggiogato tutto il primo, il secondo e pure il terzo mondo, ma non basta chiedendo anche gli interessi tengono schiave miliardi di persone che si scannano le une con le altre per cercare accaparrarsi abbastanza denaro da restituire.

Il bello è che la cartamoneta straccia per gli interessi non viene deliberatamente stampata, quindi ogni giorno necessariamente c’è chi soccombe nella continua lotta alla ricerca del denaro e viene schiacciato, deriso, umiliato e emarginato dal sistema, mentre loro decidono come Dei della vita e della morte delle persone assaggiando chicchi d’uva matura e sorseggiando nettare nelle loro dimore sull’Olimpo.

Non ci credete? Bene, ve lo spieghiamo in un modo molto semplice: a fronte dell’emissione di denaro, la banda centrale chiede titoli di debito (obbligazioni) allo stato di pari importo – es. lo stato ha bisogno di 100 talleri, la banda centrale stampa 100 talleri a fronte di una promessa di restituzione da parte dello stato di 100 talleri più un modico tasso di interesse. Ora, immaginiamo che non esista altra moneta in circolazione se non quei 100 talleri, dove pensate che lo stato troverà i talleri in più per gli interessi?
Ovviamente da nessuna parte, NON ESISTONO! L’unica possibilità è toglierli da quei 100, ma allora si rinuncia ad una parte dell’investimento, oppure chiederli alla banda centrale che però li stamperà solo a fronte di altre obbligazioni e chiedendo altri interessi. Capito allora dove sta il trucco?
In pratica hanno creato un sistema per il quale la restituzione degli interessi è impossibile se non attraverso un nuovo indebitamento e la cosa è resa ancora più difficile perchè a fronte di talleri di carta straccia alla banda centrale lo stato deve restituire ricchezza vera prodotta dal lavoro e dall’intelligenza delle persone.

Purtroppo però non finisce qui. Lo stato di per sé non produce niente, è solo un’invenzione giuridica e per far fronte ai sui impegni con la banda centrale chiede tasse sempre più alte ai suoi cittadini e alle sue aziende diminuendo sempre più i servizi erogati in modo proporzionale all’aumento del debito. I cittadini e le aziende a loro volta dovendo far fronte ad un costante aumento delle imposizioni statali sul reddito prodotto (Irpef, Irpeg ecc.) e sui beni consumati (accise, Iva ecc.), molte volte sono costretti ad indebitarsi attraverso il sistema bancario che a sua volta chiede altri e più sostanziosi interessi esattamente con lo stesso sistema della banca centrale solo che la moneta emessa sarà moneta straccia virtuale ovvero generata dal computer (sappiamo cosa state pensando…levatevelo dalla testa il vostro computer non è buono, quelli che creano denaro sono solo quelli delle banche!).

Attenzione, anche in questo caso però mancano i talleri per gli interessi, semplicemente NON ESISTONO.
Quindi lo stesso sistema con il quale vengono indebitati gli stati dalle bande centrali, viene utilizzato dalle bande commerciali per indebitare aziende e singoli e poiché lo stato non esiste i singoli, in pratica devono pagare due volte, una per l’indebitamento dello stato (importo nominale più interessi) e un’altra per l’indebitamento personale (importo nominale più interessi) a fronte di cosa? Di carta moneta straccia in un caso e di moneta straccia virtuale nell’altro!

Adesso capite perché se il nostro PIL non cresce siamo immediatamente tutti più poveri?
Che per mantenere il nostro tenore di vita dobbiamo correre sempre di più?
Adesso vi è più chiaro cosa vogliono dire quando parlano di sana competizione? Significa che per restituire il prestito alla vostra banca dovete lottare nell’arena con gli altri per arrivare ad accaparrarsi quella poca moneta straccia di carta o virtuale togliendola a qualcun altro che non trovandone più disponibile verrà pignorato dei suoi beni, verrà dichiarato fallito e lasciato ai margini della società come persona indegna perché non è riuscito a procurarsi qualcosa che NON ESISTE!

Ah se sapessero che non è tutta colpa loro se non hanno trovato il denaro che non c’è se la loro azienda è fallita, se non sono riusciti a rientrare in tempo nei termini dello scoperto di conto corrente…ah se sapessero che sono vittima di un meccanismo perverso fatto a posta perchè ogni giorno qualcuno soccomba e sia fagocitato dagli uffici legali delle banche e dagli ufficiali giudiziari… se lo sapessero…

Se lo sapessero le famiglie dove prima lavorava solo il capofamiglia e manteneva quattro o più persone, mentre oggi solo per sopravvivere devono lavorare almeno in due ed a volte non basta…se sapessero che la casa che hanno acquistato con tanti sacrifici la pagheranno almeno il doppio alla banca che gli ha “concesso” un mutuo a 10-20 o 30 anni (una vita intera) con un semplice click sul computer ovvero semplice aria fritta, e se non riuscissero a pagare le rate ecco che la banca si prende la loro casa, la loro vita … ah se lo sapessero.

Se lo sapessero coloro che votano a destra o a sinistra perchè trionfi la pace, la libertà e la democrazia, perché vengano tutelati i loro interessi, se sapessero che quegli stessi politici che parlano di alti ideali e rispetto delle regole sono stipendiati due volte, una, piuttosto profumatamente, dalla comunità e l’altra dai loro veri padroni, sempre con i nostri soldi sia chiaro, che li hanno messi in quella posizione per eseguire meglio i loro ordini…se lo sapessero quelli che hanno votato la sinistra…se lo sapessero quelli che hanno votato la destra.

Se sapessero come hanno svenduto l’Italia nel 1992 e come continuano a farlo imperterriti, con quella faccia tosta di chi ha le spalle coperte dai potenti…se lo sapessero.
Se sapessero che in 10 anni di finanziarie ci hanno sottratto 240 miliardi di euro e con quella che verrà fanno 275 miliardi di euro ovvero 532.474.250.000.000 di lire. Pensate a quante cose si potevano fare con quei soldi che invece sono finiti nelle tasche delle banche centrali per ripianare un debito che NON ESISTE!

Ci hanno rubato tutto persino le parole. Non possiamo urlare Forza Italia senza pensare a Berlusconi, non possiamo dire pace senza pensare ai militari con i carri armati impegnati nelle missioni di peace-keeping (?!), alla democrazia senza pensare all’Afghanistan o all’Iraq e agli americani che la esportano come fosse una merce. Dicono che siamo un popolo libero e democratico, secondo noi un popolo è libero quando può scegliere, quando fischietta mentre lavora, quando i suoi figli crescono con l’amore della famiglia, ma come può esserci tutto questo con un sistema monetario creato per indebitare, soggiogare, derubare? che per onorare assurdi ed inesistenti debiti spinge le persone a lottare le une contro le altre?

Se vi guardate intorno vedrete sempre più persone correre dalla mattina alla sera per un pugno di cartastraccia per rincorrere scadenze, tasse, debiti, bollette, affitti, rate, multe, cartelle pazze ecc. non ne troverete nemmeno uno che mentre fa il suo lavoro fischietta ed e’ felice. Siamo davvero liberi o siamo i nuovi SCHIAVI?
Ahh se tutti loro sapessero queste cose… cosa pensate che farebbero?

PS: Henry Ford lo sapeva:
«È un bene che gli abitanti della nazione non capiscano abbastanza il nostro sistema bancario e monetario, perché se lo facessero, credo che ci sarebbe una rivoluzione prima di domattina»
TRATTO DA:  www.centrofondi.it

lunedì 26 marzo 2012

MONSIGNOR WILLIAMSON ASSOLTO DALLA CORTE D'APPELLO DI NORIMBERGA



La Corte d’Appello di Norimberga, il 22 febbraio 2012,  ha annullato la condanna inflitta a monsignor Richard Williamson dal Tribunale Regionale di Ratisbona, l’11 luglio 2011, per «incitamento allodio razziale». La Corte d’Appello ha anche deciso che lo Stato di Baviera deve pagare le spese processuali sinora sostenute da monsignor Williamson. Tuttavia non è detta l’ultima parola, il processo contro Gesù docet.

 Nel novembre 2008 il Vescovo britannico aveva rilasciato dalla Germania un’intervista alla televisione svedese in cui, secondo i patti stabiliti, avrebbe dovuto rispondere ad alcune domande sulla Tradizione cattolica. L’intervista, sempre secondo i patti, sarebbe stata trasmessa in Svezia e non in Germania.
Invece i patti furono violati dalla televisione svedese, che tese una domanda trabocchetto a monsignor Williamson sulla shoah e poi la trasmise, scorrettamente, in Germania. Il vescovo aveva semplicemente risposto alla domanda che per quanto aveva letto circa venti anni prima nel «Rapporto Leuchter», pubblicato dall’editore canadese Zundel, non vi erano prove sufficienti per affermare con certezza l’esistenza di un piano di eliminazione totale del popolo ebraico da parte del III Reich germanico, tramite camere a gas. «Comunque, aveva concluso, se mi portate prove ulteriori, che sono state addotte in questi ultimi venti anni, sono pronto studiarle e a prenderne atto».
Nessuna prova gli fu data e tuttavia fu condannato da quasi tutti senza attenuanti generiche e specifiche. Egli era il mostro negazionista, nazista, ignorante, retrogrado che andava «eliminato» geograficamente poiché aveva mantenuto il mondo della Tradizione nel «ghetto». Nessun addebito fu mosso agli svedesi, che, in realtà, furono i veri colpevoli del caso montato ad arte ai danni di monsignor Williamson.

Monsignor Williamson, anche da riabilitato, resta un personaggio scomodo perché ama la verità e la dice. Ora «veritas parit odium». Quindi, per non essere odiati, bisogna sorvolare su certe questioni politicamente e teologicamente scorrette.  Perciò bisogna mantenere il silenzio stampa (o un «profilo basso», come si dice in ambiente «curiale») sul caso Williamson, che da tre anni si trova praticamente agli «arresti domiciliari».

 Dal punto di vista umano la vicenda è stata e continua ad essere squallida, tranne per monsignor Williamson, che è stato uno dei pochi ad esserne uscito a testa alta. Ma questo è normale: le vicende umane sono quasi sempre molto poco edificanti. Tuttavia non si dovrebbe sorpassare un limite, che, in tal caso, è stato abbondantemente scavalcato in maniera «disumana» come solo certi «preti» sanno fare.

don Curzio Nitoglia da:http://effedieffe.com/index.php?option=com_content&view=article&id=77913:tanto-rumore-per-nulla-&catid=83:free&Itemid=100021


SCARICABILE FREE:  THE HOAX OF THE 20TH CENTURY
http://vho.org/aaargh/fran/livres3/HoaxV2.pdf

NASA: MERCURIO HA UN PASSATO VULCANICO E VIOLENTO

Data from Nasa's Messenger probe has shown that Mercury had a violent, volcanic past which actually tilted craters on its surface
I dati dalla sonda  Messenger della NASA , hanno mostrato che Mercurio ha avuto un passato vulcanico e violento, che ha creato crateri sulla sua superficie.

Data from Messenger hint Mercury's past could have been violent
La sonda Messenger ha raggiunto l'orbita di Mercurio nel marzo 2011 e da allora ha girato intorno al pianeta due volte al giorno, raccogliendo quasi 100.000 immagini e piu' di 4milioni di misure della sua superficie.

Al Messenger - un acronimo di Mercury Surface, Space Environment, Geochemistry and Ranging - sono stati necessari 6 anni per viaggiare 60 milioni di miglia verso il pianeta piu' interno del sistema solare.

Il Messenger ha fornito molte piu' scansioni intere della superficie, piu' dell'ultimo visitatore, il Mariner 10, che passo' vicino al pianeta  nel 1975 ma che catturò solo visioni parziali della sua superficie .


Sulla base dei calcoli sulla gravità, il team dice che è probabile che Mercurio abbia una struttura interna altamente insolita: un nucleo di ferro eccezionalmente grande, su cui si stratifica uno strato solido di solfito di ferro ed un guscio esterno sottile : una crosta e mantello di silicato

Molti dei crateri sulla superficie del pianeta si sono inclinati nel tempo, suggerendo che  all'interno del pianeta ci sono stati dei processi che hanno deformato il terreno  dopo che si sono formati i crateri.
I ricercatori hanno dettagliato le loro scoperte in due documentazioni pubblicate questa settimana dalla rivista Science.

Mercury, as seen from Mariner 10: Now scientists believe that the tiny planet's wobbly orbit could be due to impact with an asteroid big enough to leave a 'basin' in its surface

Mercurio, come visto dal Mariner 10:  ora gli scienziati credono che l'orbita traballante del piccolo pianeta, potrebbe dipendere dall'impatto con un asteroide , grande abbastanza per lasciare un "bacino" sulla sua superficie.

‘Prima delle osservazioni totali del MESSENGER, molti scienziati  credevano che Mercurio fosse molto simile alla Luna, che si fosse raffreddato molto presto nella storia del sistema solare e che fosse un pianeta morto per la piu' parte della sua evoluzione" ha detto la coautrice Maria Zuber, Professoressa di geofisica al MIT.

‘Ora troviamo sempre piu' evidenza di insolite dinamiche all'interno del pianeta, che indicano che Mercurio probabilmente è stato attivo per lungo tempo.’

Mercury is the innermost planet in the solar system - and it would make sense for the tiny planet to be 'tidally locked' to the sun, with one 'day' being the same as the planet's 'year'. But it isn't - and scientists have been puzzled as to why

Mercurio è il pianeta piu' interno del sistema solare e sarebbe sensato che il piccolo pianeta fosse "serrato da maree ", con il giorno uguale al suo anno. Ma non lo è e gli scienziati si sono rotti la testa per capire il perchè.


The Messenger probe captured the first 'full day' image of Mercury's surface earlier this year - could one of the impact craters shown be the reason the planet 'wobbles' round the sun?
All'inizio di questo anno, la sonda  Messenger ha catturato la prima immagine di un intero giorno della superficie di Mercurio.

Dal
le stime sulla gravità, eseguite dalla sonda, la squadra di ricercatori afferma che Mercurio probabilmente ha un enorme nucleo di ferro, che comprende approssimativamente l'85 percento del raggio del pianeta.  

Significa che il mantello e la crosta di Mercurio occupanon solo il 15 percento circa del raggio del pianeta: sottile come la buccia di una arancia. Dice Zuber.

Dave Smith, uno scienziato ricercatore al  Goddard Space Flight Center: ‘Abbiamo avuto un'dea della struttura interna di Mercurio, ma le osservazioni iniziali  non si adattavano alla teoria , quindi le abbiamo messe in discussione", ha detto. ‘Abbiamo fatto ulteriore lavoro di ricerca e abbamo concluso che le osservazioni erano correttre e quindi abbiamo rielaborato la teoria sul nucleo di Mercurio che si adatta cosi alle osservazioni fatte.  Questo è il modo con cui la scienza dovrebbe lavorare ed è un bel risultato".
Attraverso misuazioni laser delal superficie del pianeta, i ricercatori hanno tracciato svariate fattezze geologiche nell'emisfero nord di Mercurio, trovando che la media delle alture è inferiore a quella di Marte o della Luna.  

Hanno anche osservato qualcosa di inatteso nel bacino Caloris di Mercurio: l'aspetto piu' grade che parli di un impatto e che ci sia sul pianeta. Porzioni del pavimento del cratere  in realtà sono piu' alte del suo bordo. Questo fa pensare che le forze all'interno del nucleo, abbiano spinto il cratere verso l'alto, dopo l'impatto iniziale che lo ha creato.
La Zuber e il suo team hanno anche identificato un aerea pianeggiante, approsijmativamente nel centro del polo nord di Mercurio, che attendibilmente potrebbe essere migrata là, nel corso della evoluzione del pianeta.

domenica 25 marzo 2012

DR.SA PERUCCHIETTI: MANIPOLAZIONE A DISTANZA CON MICROCHIP CEREBRALI

(...) Tra i teorici del complotto a insistere sull’ipotesi di un progetto segreto di ricerca sul controllo mentale mediante microchip, a fianco di David Icke si schiera la meno nota dottoressa Rauni-Leena Luukanen-Kilde, ex medico finlandese nota tra gli appassionati di ufologia per i suoi saggi nel campo UFO. 

 La Rauni Kilde sostiene che sia possibile controllare il comportamento delle persone e influenzarne a distanza le azioni medianti l’impianti di microchip nel cervello, simili a quelli che le entità aliene impianterebbero nell’encefalo degli addotti nella zona ipofisaria. 

Sul giornale Spekula la Rauni Kilde pubblicò un lungo articolo sugli impianti sottocutanei mettendo in guardia gli americani dal pericolo di controllo di massa imminente. Ecco alcuni stralci:
“È tecnicamente possibile inserire ad ogni neonato un microchip che potrebbe servire per identificare una persona per il resto della sua vita. Simili piani sono stati discussi segretamente negli Stati Uniti, senza nessuna esposizione delle questioni relative alla privacy […] Gli esseri umani con impianti possono essere seguiti ovunque: le funzioni cerebrali possono essere monitorate a distanza da supercomputers e persino alterare mediante il cambiamento delle frequenza. 

Cavie di esperimenti segreti sono stati detenuti, soldati, malati di mente, bambini portatori di handicap, audiolesi, ciechi, omosessuali, donne single, anziani, scolari e qualsiasi gruppo di persone considerato marginale dalle elites di sperimentatori”.

La Rauni Kilde cita come esempi di primi esperimenti i dispositivi cerebrali impiantati chirurgicamente nel 1974 nello stato dell’Ohio, ma anche in Svezia a Stoccolma: Elettrodi cerebrali furono inseriti nei crani di bambini, nel 1946, senza che i genitori ne fossero a conoscenza. Negli anni ’50 e ’60, impianti elettrici furono usati nel tentativo di cambiare il comportamento umano e i suoi atteggiamenti. nfluenzare il funzionamento del cervello umano divenne un obiettivo importante dei servizi segreti e militari”.

E ancora: “Il sistema elettronico di sorveglianza della NSA può simultaneamente seguire e gestire milioni di persone. Ognuno di noi ha un’unica frequenza di risonanza bioelettrica nel cervello, proprio come abbiamo impronte digitali uniche. Con stimoli cerebrali completamente decodificati dalle frequenze elettromagnetiche, segnali elettromagnetici pulsanti possono essere inviati al cervello creando la voce desiderata ed effetti visivi, perché vengano percepiti dal soggetto prescelto. È una forma di guerra elettronica”.

Stando alla teoria della Rauni Kilde sarebbe possibile non solo la costituzione di un esercito composto dacyber soldati da controllare a distanza, ma anche la manipolazione di individui normalissimi che potrebbero essere “accesi” in qualsiasi momento e indotti a credere alla realtà di impulsi elettromagnetici quali allucinazioni visive o uditive creati ad hoc. Allo stesso modo si potrebbe torturare una persona dotata dimicrochip causandole dolore insopportabile e piegandola alla propria volontà.
La persona dotata di chip può esser manipolata in molti modi. Usando frequenze diverse, si può modificare la vita emotiva di una persona creando una specie di realtà virtuale – come sembra accada anche nelle abductions - attraverso la stimolazione dell’encefalo: “La si può rendere aggressiva o letargica. La sessualità può venire influenzata artificialmente. I segnali del pensiero e le riflessioni del subconscio possono essere letti, i sogni influenzati e persino indotti, tutto senza che la persona con l’impianto lo sappia o acconsenta”.

La somiglianza con i rapimenti alieni pone alcuni quesiti che approfondisco in L’altra faccia di Obama: chi copia chi? I militari terrestri hanno adottato la retroingegneria aliena piegandola ai propri obiettivi, oppure le abductions si riducono per lo più a MILABS, ovvero rapimenti da parte di militari che ricostruiscono scenari virtuali in cui sarebbero entità extraterrestri ad agire sugli addotti?

Come se questo scenario non fosse abbastanza agghiacciante, ecco aggiungersi in parallelo all’irradiamento tramite impulsi elettromagnetici, i metodi chimici di controllo delle masse. E qua il pensiero corre alle misteriose scie chimiche di più recente comparsa e agli esperimenti che ufficialmente dovrebbero modificare il clima.

Droghe, sostanze chimiche tossiche  e gas da inalazione potrebbero essere diffusi nell’aria o negli acquedotti. Se negli USA il metodo per influenzare la popolazione a scegliere di farsi impiantare un microchip passerà molto probabilmente per la via della riforma sanitaria, in Europa i governi sembrano aver scelto la strada della moneta unica: sostituire il denaro corrente, carte di credito e bancomat con un chip. La crisi, il caos economico non sarebbero altro che scorciatoie per condurre la popolazione il più velocemente possibile verso il controllo globale. “

Quando le nostre funzioni cerebrali saranno ormai connesse ai supercomputers, tramite impianti radio e microchips, sarà ormai troppo tardi per protestare. Questa minaccia può essere sconfitta solo istruendo il pubblico” ha avvisato la Rauni Kilde. E con uno scenario del genere meglio essere pronti e passare per pazzi che farsi trovare impreparati, o come diceva Karl Popper, “il prezzo della libertà è la costante vigilanza”.

d.ssa Enrica Perucchietti,

L'altra Faccia di Obama
Enrica Perucchietti,  L'ALTRA FACCIA DI OBAMA
Ombre dal passato e promese disattese
 

DEVIS BONANNI: IL RAGAZZO CHE HA SCELTO DI VIVERE NELLA NATURA

Devis Bonanni
Devis Bonanni ha deciso di cambiare vita: a 23 anni, dopo aver lavorato come tecnico informatico, si è ritirato nella casa in campagna dove si dedica a lavorare i campi
Suscita una certa invidia la storia di Devis Bonanni, ventisettenne friulano che ha scelto di vivere in campagna, del lavoro delle sue braccia. La stessa invidia, immagino, che ha fatto sì che molti lettori del Corriere della Sera commentassero stizziti la sua intervista pubblicata sul giornale, non risparmiandogli critiche.

La storia della sua nuova vita inizia nel 2007, quando a 23 anni Devis, originario di Raveo, un paesino in provincia di Udine, decide di abbandonare il lavoro – faceva il tecnico informatico - e con i soldi messi fin lì da parte comprarsi gli attrezzi necessari a lavorare la terra e andare a vivere nella casetta che la sua famiglia aveva nella campagna friulana.
Da allora Devis ha rinunciato a buona parte degli agi – quelli che almeno siamo abituati a considerare tali – della vita contemporanea. Ha venduto la macchina (adesso usa la bici), si scalda con una stufa a legna, non ha televisione né molti elettrodomestici. Vive dei frutti del proprio orto, e delle piccole eccedenze che vende al mercato (verdura fresca, pomodori, melanzane, le uova delle sue galline) con le quali riesce a tirare su circa 200 euro al mese: persino troppi per chi ha già tutto il poco di cui ha bisogno.

Non ha rinunciato invece al cellulare ed al pc portatile. Grazie a quest'ultimo, fin dal principio, ha deciso di tenere un blog, 'Pecoranera', dal quale adesso è stato tratto un libro omonimo, appena uscito nelle librerie. Così scriveva all'inizio della sua esperienza: “Ho iniziato quest'avventura per verificare se fosse possibile vivere altrimenti. Auto-produrre buona parte del cibo di cui ho bisogno, muovermi con mezzi alternativi all'automobile, riscaldare la casa con la legna e compiere tutte quelle scelte che sono annoverate tra le abitudini del bravo ecologista. In parte sento di esserci riuscito anche se non mancano incoerenze e piccole storture”.
L'articolo pubblicato sul Corriere ha suscitato reazioni contrastanti. Una buona parte dei lettori, come prevedibile, ha appoggiato la scelta di Devis, incitandolo ad andare avanti, a proseguire sulla strada intrapresa. Altri no. Lo accusavano di essere fuggito dai problemi, di essere un “figlio di papà”, persino un evasore – c'era chi auspicava controlli da parte della Guardia di finanza! -, ora un opportunista ora un furbetto. 

L'invidia di cui parlavo all'inizio – e chissà forse persino quel filo di rabbia che si percepisce nei commenti dei lettori – nasce forse dal fatto che persone come Devis ti mettono davanti agli occhi la possibilità concreta di un cambiamento. Già, proprio quel cambiamento che tanto ci affascina e al contempo ci terrorizza; quell'abbandono delle certezze, della normalità alla ricerca di qualcosa che sentiamo più giusto, naturale, ma che per pigrizia e paura rimandiamo sempre ad un vago domani.
Ci fa un po' invidia, ammettiamolo, vedere che qualcuno l'ha fatto per davvero. Chi può dirsi in disaccordo con Devis quando afferma: “non mi piaceva della vita che facevo prima che c'era troppo poco tempo per vivere. Mi faceva male soprattutto in primavera vedere la natura che esplodeva ed io che rimanevo chiuso in un ufficio”. Quanti di noi hanno pensato qualcosa di simile per poi continuare a condurre la stessa identica vita, ripromettendosi di cambiarla “prima o poi”?

A me pare che Devis, nel replicare ai lettori in una lettera aperta pubblicata sempre dal Corriere, colga esattamente il punto dell'intera faccenda quando parla dello scollamento fra pensiero ed azione tipico della realtà contemporanea. “La mia scelta inizialmente è partita da un ideale sociale: il contadino è direttamente responsabile della terra che coltiva, se il contadino è avaro la terra poi si impoverisce. In un mondo in cui siamo molto lontani dalle conseguenze delle nostre azioni, questo per me era importante”. Vista in quest'ottica la sua scelta diventa una scelta di coerenza, prima ancora che di vita.
A.D.

Pecoranera  PER ACQUISTO QUI

Ha solo vent'anni Devis, quando in lui scocca la scintilla: vivere altrimenti è possibile. All'inizio è solo un sentimento, un'aspirazione, che a poco a poco si trasforma in concreto progetto di vita.
Inizia cosi la sua avventura: da un piccolo orto senza aver mai visto prima una pianta di pomodoro, coltivando patate e cereali per ritrovare un contatto più immediato con la natura e realizzare una prima, rudimentale forma di autosufficienza alimentare, accompagnata da uno stile di vita semplice ed eco-sostenibile.
Passa un po' di tempo e a chi prevede che presto si stancherà di tutto ciò risponde con un atto irrevocabile: a 23 anni si licenzia dall'impiego come tecnico informatico e si trasferisce in una casetta di legno per dedicarsi a tempo pieno a quella che battezza "vita frugale".
Sono gli anni della crociata solitaria, caratterizzati da avventure e disavventure di ogni tipo, da episodi epici e tragicomici. Sono gli anni in cui nasce e matura un rapporto simbiotico con la natura e i suoi elementi.
E proprio quando le forze sembrano esaurirsi e l'entusiasmo delle prime stagioni vacilla, in Devis matura la convinzione che non potrà proseguire oltre senza condividere con altri il suo cammino.

venerdì 23 marzo 2012

PRINCIPESSA GIAPPONESE SUL CAMBIO DEL PIANETA NEL 2012 E IL SUO VIAGGIO ALL'INTERNO DELLA TERRA," DOVE C'E' UNA CIVILTA' CHE HO VISITATO"


La Princesa Kaoru Nakamaru del Japón hace un comunicado sobre los cambios venideros en el planeta Tierra y en la humanidad este año 2012 donde nos cuenta cómo la élite está tratando de abandonar el Planeta y construir bases subterráneas para salvaguardarse en ellas debido a los eventos que sucederán a finales del mismo. Nos asegura que ellos no están a salvo y que la gente que desea recibir y aceptar la Eterna Luz de Amor dentro de su corazón, sí estarán a salvo en el paso a la 5ª dimensión que ocurrirá en el transcurrir de los 3 días de oscuridad el 22 de Diciembre del 2012.

La princesa Kaoru Nakamura ha dedicado la mayor parte de su vida investigando y clarificando los mecanísmos de poder en el planeta Tierra, con el fin de conseguir la paz mundial en los últimos 50 años. Ahora ella tiene 73 y es una de las personalidades más respetadas en Asia y en muchas otras partes del mundo. Ha escrito y publicado unos 40 libros y ha visitado alrederor de 200 países conociendo y entrevistando a los líderes mundiales más influyentes de nuestros tiempos, que desagradablemente para ellos se han visto en situaciones embarazosas cuando les hace preguntas directas sobre sus verdaderos esfuerzos para promover la buena voluntad y el respeto por la raza humana.
Muchos dicen que los ninjas más mortiferos de Asia darían su vida por salvar la de la Princesa.

Es importante la divulgación de este video ya que, independientemente de que el mensaje que entrega la princesa sea un tanto repetitivo, siempre es un gusto ver hablar a una personalidad de este talante confirmando lo que muchos de nosotros ya sabemos de memoria, además de todo el alboroto que ha sucitado dicho comunicado. Siéntanse en toda la libertad de compartirlo como gusten. Salud y consciencia.


giovedì 22 marzo 2012

REMOTE VIEWER MAGGIORE ED DAMES: THE KILLSHOT , UNA ENORME E DISTRUTTIVA ERUZIONE SOLARE COLPIRA' LA TERRA


5:40
7:40
8:45
10:45
11:50
13:55
15:55
17:00
19:00
20:05
22:10
24:10

Il sunto:
Una navicella spaziale in avaria in orbita a causa di eruzioni solari,  di cui i media darebbero notizia, sarebbe il preludio di di questo evento catastrofico per la terra: una enorme massa coronale solare  impatterebbe sul pianeta. Slittamento dell'asse terrestre e terre emerse che percio' risalgono in superficie, enormi tsunami, attività vulcaniche, grande freddo

Sic le parole di questo accorato professionista remote viewer, ovvero coloro che hanno la facoltà di vedere a distanza nel tempo attraverso doti e pratiche mentali extrasensoriali. Per chi fosse scettico, i servizi americani -ma forse non solo- si sono avvalsi spesso di quesi professionisti, soprattutto in tempi di Guerra Fredda.

LA FINE DI UN' EPOCA, dice. Suggerisce,  quando il "preludio" indicherà l'evento, di non vivere o non essere lungo la costa causa grandi ondate di tzunami, ma non solo: soprattutto in America (ma anche in UK...) lungo la costa ci sono centrali nucleari  e prevede ci saranno enormi Chernobyl. (Le affermazioni sono precedenti la catastrofe di Fukushima, che pare però essere stata  predetta)
I disturbi alle comunicazioni saranno enormi (tutto "friggerà").
Venti fortissimi causa inclinazione della Terra. Suggerisce percio' di essere o in un canyon o sottoterra nel cemento armato.

Dove si sono manifestati piu' frequentemente i CROP CIRCLES (Cerchi di Grano )  negli anni, sarebbe, secondo lui e la sua squadra, una indicazione, un messaggio di dove riparare, come se questi indicassero territori di "salvezza", come se fossero "demarcatori di zone di sicurezza quando l'evento si verificherà"
 Quindi: da 40° a 60° EMISFERO NORD. America del Nord, Canada, zone alte e lontano dalla costa. EUROPA dell'EST e OVEST, Irlanda, tali zone sarebbero viste come possibili aree per la continuità della cultura umana.
"Carattere e spirito della umanità saranno messi alla prova" 

Qui nel seguito, un altro suo video piu' recente, messo in rete a febbraio 2012, in cui suggerisce che stare vicino a dei santuari come luoghi di possibile "salvezza".
I Miracoli della Mente durante la guerra fredda la CIA si è servita, per scopi spionistici, di potenti sensitivi capaci di leggere la mente altrui e di visualizzare nei minimi dettagli segrete basi militari sovietiche che si trovavano a migliaia di chilometri di distanza. Nel 1992 Targ, dopo l’incontro con Jane Katra, una guaritrice dotata di prodigiosi poteri psichici, ebbe una profonda crisi spirituale.  PER ACQUISTO

mercoledì 21 marzo 2012

TV AMERICANA RIPORTA DI ALTI LIVELLI DI BARIO E CONNESSIONE CON LE SCIE CHIMICHE



"Chi non controlla il cielo per almeno due o tre settimane di seguito ogni 10 minuti ovviamente non potrà mai capire di cosa stiamo parlando, e se qualcuno ha voglia di considerare folle chi scrive queste righe farebbe meglio a vedere questo servizio di una televisione statunitense che riferisce del bario ritrovato nell'acqua piovana dopo il passaggio di tali aerei che rilasciano scie persistenti nel cielo"..
.>> CONTINUA:  Scienza Marcia

DAVID DUKE: BOX OF LIES, LA SCATOLA MEDIATICA DELLE MENZOGNE

martedì 20 marzo 2012

DOVE VANNO GLI INTROITI DELL'IVA AUMENTATA?.... A MORGAN STANLEY, OF COURSE

Il Tesoro paga a Morgan Stanley 3,4 mld per smontare un derivato





Metà degli introiti dell'aumento dell'IVA deciso da Monti finisce direttamente a pagare Morgan Stanley. I nostri governi di metà anni '90 s'erano messi a giocare in derivati con la mega-banca statunitense per ridurre i costi dell'indebitamento. FONTE
_______________
Quando Morgan Stanley disse in gennaio di aver tagliato la sua esposizione netta all'Italia di 3,4 miliardi di dollari, non disse agli investitori che il Paese aveva pagato quell'intera cifra alla banca per smontare una scommessa che aveva fatto sui tassi di interesse, più precisamente per smontare dei derivati sui tassi di interesse.

Queste le parole con cui ha aperto il sito web di Bloomberg, rilanciando come nuova una notizia in realtà già apparsa sulla stampa italiana e internazionale nelle scorse settimane, che a sua volta aveva dato il via a un Atto di sindacato ispettivo al Presidente del Consiglio dei ministri e al Ministero dell'Economia da parte del senatore e presidente dell'Adusbef, Elio Lannutti, e a un'interrogazione parlamentare da parte dei senatori Donatella Poretti e Marco Perduca allo stesso Ministro dell'Economia.

Sebbene la cifra, che equivale a oltre 2,5 miliardi di euro, sia di per sé alta, così come in assoluto sembra alta la cifra di 31 miliardi di euro di fair value negativo delle posizioni in derivati che si sostiene siano attualmente in portafoglio al Governo italiano, in fondo si tratta di percentuali modeste su uno stock di debito che ha quasi raggiunto i due mila miliardi e la cui vita media è stata allungata nel tempo sino a quasi sette anni con un'abile gestione da parte della responsabile del Debito Pubblico, Maria Cannata, e della sua squadra.

Gestire in maniera adeguata un debito pubblico così importante richiede quindi anche un adeguato ricorso agli strumenti derivati. Così, secondo le ricostruzioni più accreditate poiché il Tesoro non vuole commentare, sembra che il derivato smontato fosse uno swap sui tassi a scadenza 30 anni, messo in piedi a metà degli anni '90 quando i tassi swap a 30 anni quotavano tra il 4% e il 5% contro il 2,5% di oggi. Allora il Tesoro, che per titoli a scadenza 10 anni pagava anche il 10% all'anno, sceglieva di spalmare quella spesa su un periodo più ampio, anche appunto di 30 anni, entrando in uno swap con delle banche d'affari come Morgan Stanley alle quali pagava il tasso swap a 30 anni per i successivi 30 anni.

Considerato che aumentare la vita media del debito ha un costo, il Tesoro nel tempo è ricorso anche alle cosiddette swaptions, cioè a opzioni sui tassi swap. In particolare, precisa Bloomberg, il Tesoro italiano ha venduto opzioni sui tassi incassando il relativo premio, con il quale è andata a pagare il servizio del debito. Ma, per definizione, chi vende opzioni si mette in una posizione più rischiosa di chi compra, perchè il venditore dell'opzione è obbligato a fare quello che gli chiede l'acquirente dell'opzione quando decide di esercitarla. Così, il venditore dell'opzione può soffrire danni significativi se il mercato si comporta diversamente da quanto previsto.

In ogni caso smontare il derivato in questione ha portato a Morgan Stanley un incasso di 3,4 miliardi di dollari, che si sono tradotti in 600 milioni di dollari di utili per il settore fixed income nel quarto trimestre 2011. Quanto al Tesoro italiano, non è chiaro se contestualmente abbia montato poi con un'altra controparte un derivato simile a condizioni diverse, in modo tale da andare a compensare almeno in parte l'esborso dei 2,5 miliardi di euro.

Contattata da milanofinanza.it, BancaImi smentisce di essere entrata in alcun modo nell'operazione. Il nome della banca d'affari di IntesaSanpaolo era stato indicato sul mercato come quello dell'istituto di credito che era subentrato a Morgan Stanley nella posizione sul derivato.