UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO
Notizie dal mondo, soprattutto da fonti internazionali, che il mainstream non riporta.

Translate

Cerca nel blog

venerdì 30 novembre 2012

LA GOLDMAN SACHS HA COMPLETATO LA CONQUISTA DELL'EUROPA... UN SUO UOMO ANCHE A GOVERNATORE DELLA BANK OF ENGLAND

 
Con l’annuncio a sorpresa della nomina del canadese Mark Carney a Governatore della Bank of England, Goldman Sachs completa il proprio dominio, virtualmente su tutte le principali economie europee.

Carney ha un curriculum di 13 anni passati in Goldmam Sachs e può vantare di aver preso parte alla crisi finanziaria russa del 1998, esasperata dalla Goldman Sachs che metteva in guardia la Russia mentre, contemporaneamente, giocava contro la capacità del Paese di ripagare il proprio debito.
Il fatto che Carney sia canadese è stata certo una sorpresa per molti, ma rimane comunque persona sottoposta alla Regina d’Inghilterra, che ne ha confermato l’incarico, dopo esserle stato raccomandato dal Primo Ministro David Cameron.

La presenza di Carney alla riunione Bilderberg di quest’anno lo ha senza dubbio aiutato ha raccogliere i favori dell’élite globalizzatrice e ad assicurargli la nomina a Governatore della BoE, così come ha già aiutato altri luminari a salire ad alti incarichi. È il caso di Herman Van Rompuy, scelto come Presidente dell’Unione Europea esattamente alcuni giorni dopo aver partecipato alla cena Bilderberg.


Lo scorso anno, l’ex commissario europeo Mario Monti è stato scelto per rimpiazzare Silvio Berlusconi, il Primo Ministro italiano democraticamente eletto. Monti è consulente internazionale della Goldman Sachs, Presidente Europeo della Commissione Trilaterale – creatura di David Rockefeller – e membro emerito del Bilderberg Group.  
 
Alessandro Sallusti , direttore del quotidiano italiano Il Giornale, commentava così: «Questa è proprio la banda di criminali che ci ha portato al disastro finanziario». [noi italiani sappiamo che fine gli stanno facendo fare per questo genere di dichiarazioni,]

Analogamente, quando il Primo Ministro greco George Papandreou ha osato suggerire che il popolo greco potesse esprimere il proprio parere tramite referendum, si è ritrovato sostituito in pochi giorni da Lucas Papademos, ex vice-Presidente BCE,
visiting Professor ad Harvard, ed ex-economista senior alla Boston Federal Reserve.
  Papademos dirigeva la Banca Centrale greca proprio mentre supervisionava all’affare sui derivati concluso dal governo greco con la Goldman Sachs, affare che ha permesso alla Grecia di nascondere la vera dimensione del proprio colossale debito, conducendo quindi all’attuale crisi europea del debito. 


Papademos e Monti sono stati piazzati con lo status di capi non eletti proprio perché, in questo modocome ha fatto notare Stephen Faris sul Time Magazinenon sono direttamente responsabili verso il popolo. Una volta di più ecco quali sono le fondamenta dittatoriali ed anti-democratiche dell’Unione Europea. (Poco dopo, anche Mario Draghi – ex vice Presidente Goldman Sachs International – veniva nominato Presidente della Banca Centrale Europea). 

Zero Hedge – che ha anch’esso aveva ben previsto la nomina di Carney alla BoE – fa osservare che: «È necessario comprendere una cosa soltanto: è Goldman Sachs che guida i giochi. Tutto il resto è secondario».   
 
 

Il gigante bancario internazionale, noto per la sua corruzione e l’insider trading, esercita (ora più che mai) una massiccia influenza praticamente su tutte le principali economie occidentali del pianeta.

>> TUTTO L'ARTICOLO QUI:
http://www.effedieffe.com/index.php?option=com_content&view=article&id=204619:goldman-sachs-ha-completato-la-conquista-economica-delleuropa&catid=83:free&Itemid=100021

Traduzione per EFFEDIEFFE.com a cura di Massimo Frulla, revisione di Lorenzo de Vita 

mercoledì 28 novembre 2012

LO STRAPOTERE DELLE BANCHE E FINANZA INGLESE. INTERVISTA DI MAX KAISER A IAN FRASER

 
trascrizione e traduzione in italiano della intervista , tratta da :
http://www.vocidallastrada.com/2012/11/ponzi-overdose-keiser-report-intervista.html#more
Tali le perle della democrazia...
 
Ian Fraser: abbiamo un regime di regolamento del mercato molto debole qui nel Regno Unito ma non e’ cosi’ solo da noi. C’era una connivenza tra l’FSA (Regolatore UK), la Banca d’Inghilterra e le banche.
L’FSA non effettuo’ determinate indagini nemmeno di recente e persino dopo alcune dichiarazioni fornite da un ex dipendente di Barclays. 

Max Keiser: Anche nel Financial Times si leggeva qualcosa del genere cioè: beh, si hanno commesso dei crimini ma hanno salvato il sistema dal crollò. E’ una risposta legittima secondo lei?

Ian Fraser: No, secondo me non c’è alcuna scusa quando si commettono crimini. E persino se ci furono tempo fa delle sanzioni da parte di Paul Tucker ed altri, non si possono giustificare secondo me.   
Max Keiser: Ma, visti anche numerosi altri casi nella City di Londra, come mai l’FSA e l’ente Anti-Frode nel Regno Unito non hanno fatto nulla. Perche’ Londra ha un Regolatore tanto indegno?

Ian Fraser: Credo che il tutto inizio’ nel 1986, il Big Bang, quando il governo della Signora Thatcher ha deregolamentato il settore finanziario, demolendo la struttura corporativa preesistente. Prima era molto piu’ difficile che si verificassero corruzione e conflitti d’interesse. Ci sono stati alcuni eventi chiave da allora. Uno di questi ebbe luogo nel 1992, quando ci fu praticamente l’ultimo processo penale di un banchiere d’alto livello nella City di Londra; il famoso processo Blue Arrow. Tre banchieri esecutivi di un istituto di credito inglese allora ottennero una sospensione per aver manipolato un’operazione finanziaria di azionariato. Un quarto banchiere e nello stesso procedimento; ottenne anche lui una sentenza di sospensione per lo stesso motivo.  

Il problema pero’ fu che l’lestablishment non la prese bene e i condannati fecero appello. Nel luglio 1992 le sentenze furono soppresse. In quel giorno un mio amico ricevette una telefonata da un suo contatto che lavorava per l’ente Anti-Frodi (SFO = Serious Fraud Office) e che gli disse: il messaggio e’ arrivato da molto in alto; non ci sara mai piu’ un processo nei confronti di banchieri di alto livello o di istituti di credito di una certa rilevanza.

Pertanto, da quel momento e’ chiaro che fu resettato tutto. Come appunto se banchieri e istituti finanziari di certo livello avessero ottenuto carta bianca di fare praticamente quello che volevano.

Questo poteva includere: FALSIFICAZIONI CONTABILI, DEFRAUDARE I LORO CLIENTI, RECICLAGGIO. E sembra appunto che fu creato un pericoloso precedente in quel momento. Ma la situazione peggioro’ ancor piu’ con Tony Blair e Gordon Brown quando nell’anno 2000 vararono una legge, il Financial Services Markets Act 2000, il quale includeva una clausola che dettava, praticamente, che la concorrenza della City era piu’ importante della legge. Diceva che i Regolatori dovevano considerare la mobilita’ finanziaria internazionale degli affari prima di agire e dovevano evitare di danneggiare la concorrenzialita’ del Regno Unito. In pratica, stavano essenzialmente dicendo all’FSA (Regolatore), appena istituita, di valutare se gli istituti finanziari avrebbero potuto decidere di spostarsi all’estero prima che li perseguissero penalmente.

Credo che questo passaggio nel 2000 fu molto grave.

Poi, ancora, nel 2002, un altro evento porto’ ancora a deregolamentazioni del settore finanziario, sotto pressioni degli USA e con Gordon Brown e Tony Blair nel Regno Unito. Non sto dicendo che non ci fossero regolamentazioni; ce n’erano molte; ma la domanda e SE VENISSERO APPLICATE O MENO. La scelta fu in sostanza di NON APPLICARE ADEGUATAMENTE la REGOLAMENTAZIONE.

Max Keiser: secondo lei, e’ possibile che stiamo assistendo ad un momento per il settore finanziario come quello definito ‘Momento dell’Industria del Tabacco’ ossia, data la crisi dal 2008, le banche dovranno ammettere che il loro programma finanziario e’ tossico, che sono un cancro e che il settore deve cambiare?

Ian Fraser: lo spero sinceramente. Ho letto quell’articolo sull’Economist. Fui estasiato di leggere quell’articolo, soprattutto dopo l’altro articolo di gennaio intitolato ‘Salvate la City’ che non posso che descrivere abominevole. Fui disgustato da quel pezzo. Beh, spero davvero che accadra’, che cambieranno rotta ma non sarei tanto ottimista. Ci si chiede davvero; visti i precedenti; se siano davvero in grado di riformarsi. In termini della connivenza tra la Banca d’Inghilterra, il Ministero del Tesoro britannico ed altri, non e’ ancora molto chiaro. E’ difficile stabilire se effettivamente la Banca d’Inghilterra ordino’ alle banche, inclusa la Barclays, di mentire riguardo il Libor (manipolazioni fraudolente) oppure se gli abbiano fatto capire che sarebbe stato possibile tutto sommato se avessero mentito riguardo il Libor. Entrambe le ipotesi sono ovviamente, inaccettabili.

Ci sono altri casi molto gravi, in particolare riguardo l’RBS (Royal Bank of Scotland) sulla quale il Canada sta indagando. Anche Singapore sta indagando alcune frodi dell’RBS. In quest’ultimo caso c’e’ un trader (operatore) che probabilmente e’ stato additato quale capro espiatorio per aver manipolato il Libor per fare profitti illeciti, mentre invece sta emergendo che sia il contrario. Ossia che questi abbia ricevuto tale ordine dai piani alti dell’RBS di farlo

Max Keiser: in pratica sembra sempre che queste banche trovino il colpevole col solito ritornello della “mela marcia”, “operatori senza scrupoli” o simili mentre invece sembra che – in questi casi – sia la Banca d’Inghilterra che stia autorizzando tali azioni; perpetrando un sistema di sindacato del crimine che infetta l’intero sistema.

E riguardo quest’ultimo scandalo sugli Swaps, chi è coinvolto?

Ian Fraser: in pratica tutte le banche britanniche, le principali delle quali: RBS, HSBC, Lloyds, Barcalys, Crysdale; non è certo che Santander (spagnola) sia coinvolta. Praticamente cio’ che hanno fatto e’ vendere Interest Rate Swaps (derivato di scambio sui tassi d’interesse) alle PMI; molte delle quali non hanno capito nulla di cio’ che stavano acquistando e infatti pensavano che fosse qualcosa completamente diverso. Non hanno capito che se il tasso d’interesse fosse sceso avrebbero avuto perdite enormi e che avrebbero subito enormi costi se avessero voluto risolvere il contratto. In sostanza e’ uno degli scandali piu’ gravi che sta affliggendo il sistema bancario britannico da circa due anni e sta praticamente distruggendo le PMI in tutto il Paese, quotidianamente. Le persone e le famiglie stanno perdendo non solo le loro aziende ma anche le loro case. E’ assolutamente osceno. Questi prodotti non avrebbero mai dovuto essere venduti a queste imprese. Queste non avevano alcuna idea di cio’ che stavano sottoscrivendo. Molti stanno pensando al suicidio.

Max Keiser: ma, naturalmente, ci sono anche e soprattutto altri perdenti in questa partita CRIMINALE, in questa FRODE. Sono i pensionati, i risparmiatori che hanno sottoscritto contratti finanziari con la City di Londra.

Ma qualcuno ci va’ in galera in questo caos totale?

Ian Fraser: l’umore della politica in tal senso sta cambiando. Ci sono stati annunci di indagini e denunce; Cameron, Osborne, Ed Milliband ed altri ne ha annunciati. Personalmente, non ci spererei troppo. Il governo e l’ente anti-frode (SFO); un ente questo particolarmente incompetente, data la sua storia di fallimenti quando si tratta di perseguire istituti finanziari di un certo livello, dice che sta considerando la cosa. Mah, staremo a vedere. Certo, si DEVE condannare questi tipi di crimini finanziari e i colpevoli dovrebbero andare in galera. Ma sinceramente non ci credo.”

martedì 27 novembre 2012

DOCUMENTARIO BBC: UNA INSIDER FUNZIONARIA DI BANCA , RIVELA LA TRAPPOLA DEI PRESTITI BANCARI



Documentario della BBC. E' in inglese.

Un insider, funzionaria di alto livello di una banca britannica, rivela le strategie  mortali (molti suicidi in UK nei tempi recenti, di persone che non sono in grado di ripagare i debiti dei prestiti bancari)  degli istituti bancari per "invogliare" le persone a prendere dei prestiti, che poi non sono in grado di ripagare.

La "whitleblower" (colui/colei che spiffera la notizia) , analizzando alcuni casi di persone suicide per impossibilità di restituire i prestiti della banca, ricorda che - in un caso citato- la banca aveva tutti i dati per comprendere che il soggetto era in difficoltà finanziaria e che non avrebbe potuto far fornte ai prestiti... tuttava non fermo' il meccanismo. Perchè ovviamente questo porta loro profitto.

Parla anche di un "marketing system" per la carte di credito,  al'interno del sistema bancario, che mira specificamente ad un pubblico molto ambizioso.

Ovviamente l'individuo -dice la whitleblower- ha una responsabilità personale: non prendere prestiti superiori a cio' che puo' sostenere e per cose che sono al di sopra dei suoi mezzi.

"Of course"..stiamo parlando del panorama britannico. Chissà quanto diverso sarà da noi..

Abbiamo una scelta tuttavia... Non decidere di essere irritetiti dalle proposte generate dal condizionamento dei vari status-symbol, leve principali su cui il meccanismo di prestito in molti casi fa leva.


un videocorso formativo completo che permette di acquisire una consapevolezza semplice e pragmatica su come farsi servire dalla propria banca, ottenendo tutto ciò che ci serve, pur essendo persone comuni e non esperte. 

lunedì 26 novembre 2012

D.ICKE: RAZZA UMANA, RISOLLEVATI! DALL'EVENTO ALLO STADIO WEMBLEY DI LONDRA


Uno spezzone free da youtube (in ingl) tratto dall'ultimo evento di Davifd Icke allo stadio Wembley di Londra. Qui è una delle esortazioni finali ad alzarsi in piedi, come razza umana e una critica anche al mondo dei famosi che -dice- lo lodano per quel che fa e dice ma quando chiede loro "e tu cosa fai per questo? cosa fai nei tuoi affolalttissmi concerti o davanti al tuo foto pubblico?"
La risposta - dice Icke- è sempre "me me me... io non voglio rischiare fama, carriera, soldi".

Ed anche una critica agli scienziati complici di produrre ogni giorno orroori contro la vita iumana e di questo pianeta. La ocnmplcità di tutti coloro che dicono si al progetto di distruzione della razza umana

Per leggere in italiano una sintesi dell'evento "Icke/Wembley" del 27 ottobre u.s., durato 10 ore, si veda su www.thelivingspirits.net: 

1. MEGAEVENTO DI DAVID ICKE ALLO STADIO  WEMBLEY DI LONDRA: UNIVERSO ELETTRICO. ANCHE NOI, QUINDI
   
2.VIVIAMO IN UN MONDO ILLUSORIAMENTE FISICO. CHI SONO I NOSTRI MANIPOLATORI

3. LA MATRIX SATURNO-LUNA-TERRA: CAUSA DELLA FALSA REALTA' IN CUI SIAMO PRIGIONIERI 

4.LA VERITA' TI RENDERA' LIBERO, MA PRIMA TI FARA' INC..RE! 

si veda anche:





 


I LIBRI DI DAVID ICKE IN ITALIANO

LORD INGLESE AL PARLAMENTO UK.: LANCIARE BOMBA AI NEUTRONI PER LA SICUREZZA DELLE FRONTIERE AFGHANO-PAKISTANE

 

Nov 23rd, 2012 
Londra. Il membro britannico della Casa dei Lords, Lord Gilbert, venerdi ha suggerito al suo governo di gettare una bomba ai neutroni nelle aree di confine di Pakistan e Afghanistan, per eliminare i paradisi sicuri dei militanti per i loro equipaggiamenti.

Nel mezzo del dibattito per eliminare  il nucleare nel mondo, il membro della casa superiore dei Lord, ovvero il Parlamento del Regno Unito (UK) ha detto che i confini potrebbero essere sicuri se si lanciassero testate ERRB , note comunemente  come bombe al neutrone, e questo nelle rispettive aree.

“Vostra Eccellenza potrà dire che questo non è praticabile, ma non c'è nessuno che vive lassu' sui monti, al confine tra Afghanistan e Pakistan, a parte alcune capre e un manipolo di gente che le custodisce. Se diceste loro che alcune testate di bombe al neutrone stanno per essere lanciate lassu' , allora sarebbe un posto molto sgradevole in cui andare e quindi non ci andrebbero. Ridurreste enormemente il vostro problema di proteggere quei confini dalla infiltrazione di uno o l'altro lato"



Secondo i resoconti, i membri del Parlamento si sono shockati ascoltando questo discorso, inaspettato, di Gilbert. I membri del Parlamento lo hanno pesantemente criticato, e hanno rifiutato il suo suggerimento dicendo che non era possibile lanciare una bomba nelle aree di confine Pakistano-Afghane.

__________________
Tutto il resto del delirio di questo mondo civile e democratico, soprattutto dei suoi politici ,
 qui:

http://www.thenewstribe.com/2012/11/23/new-idea-of-halting-militancy-uks-lord-gilbert-advises-govt-to-drop-neutron-bomb-on-pak-afghan-border/

sabato 24 novembre 2012

USA: VETERANI GETTANO VIA LE LORO MEDAGLIE E DECORAZIONI. "I NEMICI SONO QUI!"



SOTTOTITOLATO IN ITALIANO

Durante il Vertice NATO del 21-05-2012 a Chicago, almeno 50 veterani della US-Army buttano via le loro decorazioni militari

venerdì 23 novembre 2012

IPOCRISIE...DEL POTERE. OBAMA DOCET






OBAMA:

"Non c'è Paese al mondo che tollererebbe che dei missili, provenienti da oltre i suoi confini, piovessero sui suoi cittadini"

SECONDA FOTO:

I missili lanciati in Pakistan da droni USA. Fonte: www.guardian.co.uk


giovedì 22 novembre 2012

D. ICKE: DA DOVE ARRIVA LA FALSA REALTA' IN CUI SIAMO PRIGIONIERI

Nel seguito un estratto della sintesi e traduzione di uno dei temi presentatii da David Icke nel suo spettacolo del 27 ottobre 2012 allo stadio Wembley di Londra.

Qui tutto l'articolo:   
http://thelivingspirits.net/php/articolo.php?lingua=ita&id_articolo=589&id_categoria=12&id_sottocategoria=73

_____________

In questa parte Icke parla della matrix Saturno-Luna-terra…il sistema, la causa della nostra prigionia emozionale-sensoriale-percettiva.


“I testi gnostici descrivono entità rettiliane come espressione di queste forze arcontiche. Le descrivono come entita’ grigie che sono come feti incompleti e dalla pelle scura e dagli occhi immobili; erano intorno a noi migliaia di anni fa: non sono quindi un fenomeno moderno. No, la manipolazione sta continuando da lunghissimo tempo, quel che noi chiamiamo ”tempo”…

Dietro la manipolazione di questa societa’ umana ci sono dunque queste entita’ rettiliane; le persone possono continuare a dire che non esistono ma.. non me frega un tubo…loro esistono

Persino History channel nel suo ANCIENT ALIENS THE SERIES si è dedicata a tutte le descrizioni del passato in merito all’ibridazione tra umani e genie non umane.
Queste entita’ non hanno creato gli umani ma hanno cambiato quel che gia’ esisteva, cosa che e’ assolutamente in linea con cio’ che dicevano gli Gnostici a proposito di queste forme arcontiche.

Costoro manipolarono la genetica umana, cosi iniziammo ad interagire con la realta’ intorno a noi, in un modo completamente nuovo. Diventammo molto piu’ repressi sulle capacita’ innate di percepire la realta’. Non eravamo piu’ a questo punto le persone di prima e finimmo in queste “bolle” di senso della realtà, che ancora oggi ci imprigionano’.

Queste entita’, semplicemente fuori dalla percezione umana in termini di frequenze,  fecero si che la manipolazione avvenisse e tali entita’ sono adorate da tutte le maggiori religioni, questo e’ il fatto cruciale che dobbiamo tenere in mente .

Ora, SATURNO e’ la chiave per comprendere quel che succede. (Anche i pianeti hanno consapevolezza). Il simbolo antico del Sole con un punto nel mezzo (usato anche come simbolo del Sole in astrologia occidentale… ndt)  non è il sole che vediamo oggi. E’ , invece, relativo a Saturno. Molte delle deita’ del passato che si riferiscono al Sole, non sono figli di quel Sole che conosciamo oggi, ma di Saturno, che viene simbolizzato a lungo come occhio.

Ad un certo punto su Saturno ci fu una immensa esplosione che diede vita ed enormi quantita’ di detriti, che formarono una mezzaluna luminosa, perche’ riflettevano la luce del giorno.

l Saturno prima del cataclisma, non ha anelli o almeno non quelli che vediamo ora. Quindi da dove vengono questi anelli? NORMAN BERGRUN, autore di Ringmakers of Saturn, è un ricercatore di lunghissima data. Dice che la sua vita cambio’ quando ricevette le immagini di voyager 1 e 2 , che sono arrivate nel 1981 (che evidenziano “cose” che anche la sonda Cassini ha trovato).

Di che immagini parliamo? Di oggetti cilindrici che lui chiama “veicoli elettromagnetici”, che sono in grandissima quantita’, a volte piu’ grandi della terra che avevano a che fare con questi anelli di Saturno. Di nuovo dobbiamo spostare il nostro senso della percezione. Perchè di questi oggetti non si parla nei documenti?
Si vedono anche agli infrarossi con il telescopio Hubble. Sono gigantesche “cose”. Bergrun trovo’che questi oggetti immettevano qualcosa negli anelli di Saturno o meglio li estendevano o li costruivano.

Suggerisco che la sostanza di cui sono fatte queste immissioni siano di materia cristallina perche’ cosi troverebbero che essa è un veicolo eccellente per passare informazioni. Nel 2009 la NASA rese nota una immagine, di un anello intorno a Saturno (grande  da 3,7 milioni di miglia a 7.4 milioni)  e quell’anello potrebbe contenere milioni di Terre. Suggerisco anche che ci sono anelli che possiamo vedere, ma anche anelli acustici che non possiamo vedere.

La matrix di Saturno, come la chiamo io, è una fascia di frequenze che noi decodifichiamo come falsa realta’ e il limite di questa banda di frequenza, io credo sia quel che noi chiamiamo “velocita’ della luce”, oltre la quale usciamo dalla matrix.

Quando accaddero tutte le interferenze  genetiche di cui parlano gli antichi, le forme umane furono manipolate per essere sintonizzate,  ovvero ricevere e trasmettere,  all’interno di questa banda di frequenza di Saturno. Trasportarci poi dal chackra del cuore a quello delle emozioni   fu quindi metterci nella matrix

La luna  e’ un artefatto o parzialmente un artefatto, a mio avviso come ho detto in molti miei libri. Il libro WHO BUILT THE MOON? (di Alan Butler) e’ eccellente, quel che hanno trovato in questo libro e’ la geometria  e la matematica tra il Sole la Luna e la Terra, che sono fantastici in termini di sincronicita’ e che non si trovano nel resto dei pianeti nel sistema solare"

I LIBRI DI DAVID ICKE IN ITALIANO

sintesi e traduzione Cristina Bassi, www.thelivingspirits.net

mercoledì 21 novembre 2012

L'ILLUMINAZIONE NON E'...

 

NON FATE ERRORI: 
L'ILLUMINAZIONE E' UN PROCESSO DISTRUITTIVO.
NON HA NULLA A CHE FARE CON IL DIVENTARE
MIGLIORI O ESSERE PIU' FELICI.
L'ILLUMINAZIONE E' LO SGRETOLARSI DELLA NON-VERITA'.
E' VEDERE ATTRAVERSO
LA FACCIATA DELLA FINZIONE.
E' IL COMPLETO SRADICAMENTO DI OGNI COSA,
CHE IMMAGINAVAMO ESSERE VERA  

La Danza del Vuoto

La Vita dopo il Risveglio

 

martedì 20 novembre 2012

THE HOUSE OF ROTHSCHILD, FULL DOCUMENTARY


SI VEDANO ANCHE:

SIONISMO ROTHSHILD E NON ANTISEMITISMO: ANALISI E FATTI- D. ICKE, PARTE 1

SIONISMO ROTHSHILD -seconda parte- E IL CROLLO DELLE TORRI GEMELLE

 I CONTROLLORI DEL MONDO: SIONISMO ROTHSHILD- PARTE 3

 LE BANCHE IRANIANE INTERESSANO AI ROTSCHILD

ANONYMOUS PUBBLICA DATI PERSONALI DI 5000 FUNZIONARI ISRAELIANI

(AFP Photo / Hazem Bader)
(AFP Photo / Hazem Bader)

Il gruppo di Hacker-attivisti in internet, l' Anonymous, ha dichiarato guerra cibernetica contro Israele, postando online  dati personali di 5000 funzionari di Israele


­Il gruppo ha usato il suo sito Anonpaste.me per inviare un messaggio al governo di Israele prima di linkare alla pagina con nomi, numeri ID  e emails personali di 5000 funzionari.

Il messaggio diceva:: "E' giunto alla nostra attenzione che il governo di  Israele ha ignorato i ripetuti ammonimenti sull'abuso di diritti umani, chiudendo internet in Israele e maltrattando i suoi cittadini e quelli dei paesi confinanti"

(Screenshot from anonpaste.me)
(Screenshot from anonpaste.me)
Il grupop ha anche detto: "Governo di Israele: questo si trasformerà in una guerra cibernetica"

Precedentemente, il gruppo ha fatto attività di hackeraggio su oltre 700 siti israeliani, incluso la Bank of Jerusalem, il Ministero della Difesa Israeliana, il suo blog, il sito ufficiale del presidente  e molti altri.

La piu' patrte dei siti sono giù. (offline).
Il Ministro delle finanze del paese ha riconosciuto la recente ondata di attacchi e ha detto che il governo " ora sta dichiarando una guerra su un secondo fronte.”

Negli ultimi 4 giorni, Israele ha “deviato 44 milioni di attacchi cibernetici  sui siti del governo",ha detto a AP il Ministro delle Finanze Israeliane  Yuval Steinitz

FONTE: http://rt.com/news/anonymous-israel-officials-leaked-002/
______________________________________________________
SI VEDA ANCHE:

Operation Security Roof (satire)*, di G. Atzmon

I Fanatici dell'Apocalisse 

 

lunedì 19 novembre 2012

GRILLO E QUEL MICROSCOPIO ELETTRONICO FATTO SOTTRARRE AL DR MONTANARI


" La stragrande maggioranza degl’italiani ignora, per esempio, che una scoperta fondamentale per la medicina, quella che ha dato il via alla nuova disciplina medica chiamata nanopatologia, si deve a due loro connazionali e, segnatamente, a mia moglie, Antonietta Morena Gatti che ne è di gran lunga la principale artefice, e a me. Nulla di cui vantarsi: sarà stato un caso, ma questi sono i fatti.

Di che cosa si tratta? Semplicemente di esserci accorti e di aver documentato che le polveri sottili ed ultrasottili inorganiche e non biodegradabili - le PM10 per il grande pubblico o le PM2,5 per i “più informati”, anche se ci sarebbe molto da puntualizzare in proposito specie per la frazione più fine di quelle particelle - entrano nel corpo, umano o animale che sia, per esserne sequestrate e combinare ogni sorta di guai, da malattie cardiovascolari come ictus, infarto cardiaco e tromboembolia polmonare a tante forme di cancro fino ad aborti e malformazioni i fetali e non poche malattie neurologiche. Queste per non citare che alcune tra le patologie caratteristiche delle polveri sottili ed ultrasottili, patologie che fino a ieri, e anche oggi per chi non è aggiornato, restano “di origine ignota” o “criptogeniche”, per nascondere dietro una dotta parola di origine greca un semplice quanto onesto “non lo so” evidentemente difficile da pronunciare.

Se, a tutta prima, quella sembrava solo una pura scoperta scientifica e come tale da trattare, la cosa ci si rivelò immediatamente fonte di grane a non finire perché toccava, e, ahimè, continua a toccare oggi più di ieri, interessi che potevano andare da più o meno banali lavori odontoiatrici malfatti su fino ai miliardi che girano nel business dei rifiuti per finire ad armi letali come quelle, ma non solo, all’uranio impoverito. Il filo che lega queste attività apparentemente così lontane tra loro è il fatto condiviso di produrre particelle solide non degradabili di dimensioni piccolissime, non di rado inferiori al micron, cioè al millesimo di millimetro, di esporre uomini ed animali a rischi gravissimi anche per le generazioni che verranno dopo di loro e di alterare, a volte irreversibilmente, l’ambiente.

Per evitare problemi, grazie all’occasione offerta da un cavillo burocratico uscito come da una lotteria, chi poteva farlo tolse dalla disponibilità di mia moglie e mia il microscopio elettronico che ci era indispensabile per continuare le nostre ricerche. Se qualcuno ha voglia di saperne di più sia per quanto riguarda la vicenda iniziale sia a proposito di queste polveri la cui presenza nel mondo di oggi e i cui effetti deleteri diventano sempre più manifesti, può leggersi il mio libro divulgativo Il Girone delle Polveri Sottili (Macroedizioni). Dunque, do per scontata la conoscenza di come tutto ebbe inizio e dell’odissea che ne conseguì o, almeno, della prima parte dell’odissea.

Eravamo agli ultimi giorni di febbraio del 2006 e io parlai a Beppe Grillo del microscopio che, come poi avvenne, stava allora per esserci sottratto.

Grillo lo conoscevo da un anno o poco più perché era stato lui, informato dell’esistenza di mia moglie e mia da Marco Morosini, uno scienziato italiano che io non conoscevo, attivo al Politecnico di Zurigo, a venirmi a cercare. Fin dal primo incontro, avvenuto prima, superficialmente, al Palasport di Modena dove il comico m’invitò al suo spettacolo e il giorno dopo all’Hotel Carlton di Bologna dove pranzammo da soli, Beppe si mostrò molto interessato alle nostre ricerche e, per questo, m’invitò a parlarne a qualche suo spettacolo, uno dei quali, precisamente a Forlì, anche in compagnia di Dario Fo. 

A questo proposito, giusto marginalmente, sottolineo l’inattendibilità e l’arroganza di Wikipedia che, alla voce che mio malgrado mi riguarda, tra le tante imprecisioni ed omissioni, sostiene che forse io contattai Grillo in occasione della sottrazione del microscopio. L’imprecisione è evidente e l’arroganza sta nel rifiutarsi di correggere questo e gli altri errori e manchevolezze contenuti alla voce Stefano Montanari, voce che ho chiesto più volte, purtroppo invano, di cancellare.

Insomma, un anno dopo aver fatto reciproca conoscenza, in occasione di una nostra visita in municipio a Graziano Delrio, sindaco di Reggio Emilia, racconto a Grillo del fattaccio, un fattaccio che avrebbe impedito a mia moglie e a me di lavorare, e lui mi dice che noi il microscopio non lo perderemo: lui stesso darà inizio ad una raccolta popolare di fondi e in breve raccatteremo i 378.000 Euro necessari per comprarci un altro apparecchio. Detto, fatto: la sera stessa, allo spettacolo di Modena cui io partecipo, Grillo lancia l’iniziativa e, tolte tutte le spese, dona alla causa quel che resta dell’incasso della serata: 36.000 Euro. In conclusione, fa due ore di lavoro gratis e dà il buon esempio.


Qualche ora prima, in mattinata, all’uscita dal palazzo del Comune, io avevo commesso l’errore della vita, quello che sarà il seme di tutti i guai che ci sono cascati addosso da allora in poi. Per evitare di dare adito a pettegolezzi e malignità (che poi ci saranno lo stesso), parlando a Reggio Emilia con un giornalista locale di piccolo cabotaggio di cui avevo da tempo una conoscenza superficiale, tale Matteo Incerti, io avevo avanzato l’idea che i denari non arrivassero a me ma ad una onlus o ad una fondazione alla quale sarebbe stata anche intestata la proprietà dell’apparecchio. Quale onlus o fondazione? Io non ne conosco nessuna.
(..) per una serie di eventi curiosamente concatenati, di ritorno da Reggio, a pranzo in un ristorante a pochi passi dal mio laboratorio,mentre io esprimo questa mia intenzione a Grillo, sono presenti due persone: il giornalista di piccolo cabotaggio di Reggio Emilia apparentemente autoinvitatosi e tale Marina Bortolani, a me perfettamente ignota, invitata a sua volta da chi pareva essersi invitato da sé. Sentita la mia proposta, questa tale che pareva appendere della cosa in quel momento c’informa di essere la presidentessa di una onlus chiamata Carlo Bortolani e di essere disposta a fare da collettore per i quattrini intestandosi l’apparecchio. Una combinazione davvero inaspettata! Il giornalista, di cui allora ingenuamente mi fidavo, si dice entusiasta e Grillo bada alle sue tagliatelle e dice che non ha obiezioni. Anzi, la Bortolani, a lui apparentemente sconosciuta, va benissimo. Così io, con grande candore, casco in quello che sarà poi il cuore del tranello.

Dando il via alla raccolta, Grillo pretende la mia partecipazione ai suoi spettacoli dove io, per una decina di minuti o poco più, raccontando delle nanopatologie, costituisco una sorta di attrazione scientifica. Lui si copre di gloria: ha scoperto un grande scienziato imbavagliato da un sistema bieco e, grazie a lui e al denaro che lui sottolinea aggiungendoci molto del suo di aver donato (per esempio, tra le altre “imprecisioni”, dice di aver affittato apposta il Palasport modenese), quello scienziato potrà continuare una ricerca fondamentale per il mondo. Inutile descrivere l’entusiasmo dei tifosi. Per dovere di rigore storico sia detto che per quelle partecipazioni io mi muovevo a mie spese, il che costituiva un elemento di tranquillità per Beppe, persona molto avveduta nella gestione del proprio denaro.

Il blog del comico apre subito una pagina intitolata “La Ricerca Imbavagliata” (http://www.beppegrillo.it/2006/03/la_ricerca_imba/index.html) nella quale si racconta delle angherie subite da mia moglie e da me e si dice che occorrono circa 350.000 Euro (in realtà 378.000) per comprarci un altro microscopio. Per comprendere quanto è accaduto in seguito va chiarito qui che mai fu dichiarata una destinazione diversa per quei quattrini: ogni centesimo era per i dottori Gatti e Montanari, vale a dire per mia moglie e per me, e basta, e così i donatori erano stati convinti che fosse. La lettura di quanto riportato nel blog di Grillo e in quello della Onlus Bortolani (http://www.bortolanionlus.it/2006/05/24/dalle-torri-gemelle-a-beppe-grillo-la-carlo-bortolani-onlus-centro-d%E2%80%99azione-per-gara-di-solidarieta-nazionale/) sono chiarissimi ed inequivocabili in proposito e invito chiunque a controllare, così come invito a controllare ogni punto della vicenda. Deve essere inteso che i controlli si dovranno fare sulla base di documenti, e il perché si capirà continuando a leggere.

Intanto io percorrevo l’Italia in lungo e in largo, il tutto senza chiedere nemmeno il rimborso delle spese, e lo facevo non tanto per gli spettacoli e gli eventi di Grillo, che furono tutto sommato poche decine, ma per tenere delle conferenze divulgative sulle nanopatologie e raccattare altri soldi, (...)
Comunque, soldi ne raccolsi parecchi e ogni soldino veniva dovutamente consegnato alla onlus Carlo Bortolani che aveva aperto subito un conto dedicato presso la Banca Etica.

Dopo qualche mese mia moglie, certo meno ingenua di me, cominciò a nutrire qualche sospetto su certi atteggiamenti di chi ci circondava nell’impresa e si diede a chiedere con una certa insistenza alla signora Marina Bortolani, avvocatessa e presidentessa della onlus, di mostrare i conti. Perché la Bortolani ci aveva detto di aver aperto un conto senza interessi quando erano in gioco cifre per nulla trascurabili che qualche soldo d’interessi avrebbero potuto rendere? Quanto era effettivamente arrivato? C’erano stati dei prelievi, cosa, peraltro, non prevista? Nessuna certezza da parte nostra di qualcosa di scorretto, ma dubbi tanti. Insomma, noi non riuscivamo a spiegarci perché, se era tutto onesto, noi, i massimi interessati, dovevamo essere tenuti all’oscuro dei movimenti bancari. Vero è che, di tanto in tanto, la Bortolani comunicava delle cifre e anche degli elenchi di donazioni, ma era del tutto impossibile controllarne la veridicità.

(...) Siamo così ai primi di marzo del 2007 – dopo che io avevo avuto la certezza che una donazione di 50.000 Euro era arrivata da parte di un privato, una ditta lombarda chiamata LA220 (ora incorporata dalla Green Network SpA), a seguito di un mio incalzare piuttosto assiduo la signora Bortolani dichiarò raggranellata la cifra sufficiente per pagare l’apparecchio. Questo al di là di quanto fosse pervenuto effettivamente, cosa che resta tuttora avvolta nel mistero e che, stante l’atteggiamento della signora Bortolani che continua anche oggi a nascondere cocciutamente i dati, non può che destare
inquietudine.


Insomma, il microscopio che il costruttore ci aveva già consegnato in anticipo sul pagamento fidandosi della mia garanzia personale (Marina Bortolani, che sarebbe diventata la proprietaria, rifiutò di prestare anche la sua) venne finalmente saldato e noi tirammo un sospiro di sollievo pensando di esserci finalmente liberati delle minacce d’imbavagliamento che avevano fin lì messo a repentaglio il proseguimento delle nostre ricerche.

Marina Bortolani provvide ad aprire un conto presso Unipol per trasferirvi da Banca Etica in toto o in parte il malloppo. Il tutto, come sempre, senza fornire motivazioni né particolari di una manovra difficile da giustificare.  Se per Grillo quella raccolta fondi era stata una piccola benedizione con lui che assumeva le vesti dell’eroe senza macchia e senza paura e io che facevo l’attrazione non solo a titolo gratuito ma a spese mie, ora che la cosa era finita io non servivo più. Anzi, dopo un po’ diventai decisamente fastidioso e il perché è presto detto.

Nel febbraio 2008, in vista delle elezioni, nacque un piccolo schieramento politico chiamato Per il Bene Comune. Doveva trattarsi, nelle intenzioni dichiarate dal fondatore senatore Fernando Rossi, di qualcosa di avulso dalle logiche decrepite di destra e sinistra e basato principalmente sulla volontà di salvaguardia dell’ambiente e su temi di giustizia. Io fui scelto, anzi, fui cooptato come candidato alla Camera dei Deputati (...) e la mia “discesa in campo” non piacque a Grillo. Non gli piacque perché Gianroberto Casaleggio, il cervello pensante, l’uomo che di Grillo tiene i fili, aveva in embrione, anzi, in gestione avanzata, le oggi famose Cinque Stelle, il movimento politico dei grillini, e io minacciavo di pescare nello stesso specchio d’acqua.

Chi non conosce il ragionier Giuseppe Grillo, cioè il Beppe Grillo lontano dai riflettori, forse fatica a crederlo, ma le due figure sono non poco diverse tra loro. Anzi, non di rado sono in netta contraddizione, dove, per riesumare la Fattoria degli Animali di Orwell, nella visione del mondo del ragioniere tutti sono uguali ma lui lo è di più. Grillo, che non possiede il coraggio di parlare in modo chiaro e diretto quando è a tu per tu con qualcuno, non mi disse mai nulla della sua contrarietà alla mia scelta politica. Anzi, di fatto, da quando si era chiusa quella sorta di collaborazione non ci eravamo più sentiti e lui aveva evitato di telefonarmi per discutere quello che per lui era evidentemente un problema. Fu mia moglie, per motivi del tutto personali, che un giorno lo chiamò per sentirsi non tanto dire quanto borbottare che lui non gradiva il mio schierarmi, mancato gradimento che non seppe giustificare, il che si allinea alla perfezione con un personaggio che per esprimersi ha bisogno di un copione o, almeno, di un canovaccio.

(...) Per non mettere a repentaglio l’agio con cui tanti quattrini erano e sono tuttora convogliati in certe tasche bisognava evitare che la gente si svegliasse e, dunque, noi eravamo non solo una seccatura ma un pericolo a tutti gli effetti. Che cosa si poteva fare, allora, per tacitarci? La cosa più semplice era quella di tornare al vecchio modello: toglierci il microscopio elettronico senza il quale noi siamo ciechi, il che ora, alla luce dei fatti che si sono susseguiti, appare come un copione scritto in partenza. E così si fece. Il paradosso, che paradosso è solo per chi ignora i retroscena, fu che a metterci la faccia fu proprio Grillo, vale a dire colui che aveva iniziato l’azione perché noi quel microscopio lo avessimo.

(...) dopo mesi di battaglia l’Università di Urbino, infischiandosi delle lettere di tanti donatori indignati e perfino di una del sottosegretario del Ministero della Difesa (cui il rettore, mostrando tutta la sua irridente arroganza, non si prese nemmeno la briga di rispondere), si portò via l’apparecchio. Era il 22 gennaio 2010.

Da allora si sono susseguiti i proclami di chi aveva beneficiato della sottrazione del tipo “a Urbino faremo ricerche epocali, la più importante delle quali sugli armadilli.” Non sto scherzando: sugli armadilli. Il professor Stefano Papa, preside della facoltà di Scienze di Urbino e “custode” dell’apparecchio, si produsse perfino in un filmato prontamente pubblicato nel blog di Grillo (http://www.beppegrillo.it/2010/07/un_microscopio_al_servizio_dellambiente/index.html).

(...) il confronto al quale tengo di più, pubblico o privato che sia, è quello con Grillo. Non per la stima che potrei avere nei suoi riguardi e che è nulla, ma per il volano alla menzogna che il comico costituisce. Però il personaggio, così leonino quando strepita davanti ai suoi grillini, diventa un coniglietto terrorizzato allorché debba affrontare una persona, me in questo caso. Quando lo andai ad incontrare senza annunciarmi nel febbraio 2011 al termine del suo spettacolo di Modena, lui, attorniato da un po’ di tifosi e perfino da guardie del corpo, una delle quali mi afferrò abbracciandomi da dietro come se io fossi qualcuno che stesse attentando all’incolumità del suo cliente, balbettò un impaurito “io non c’entro!” e si diede ad una fuga goffa lasciando sul terreno ogni parvenza di dignità. Certo, lui non c’entra o, per essere più precisi, forse nessuno gli ha raccontato che cosa ha combinato prestandosi all’impresa.

IL RESTO DEL TRISTE COPIONE, CHE INVITO A LEGGERE TUTTO ANCHE SE LUNGO,  QUI: http://www.stefanomontanari.net/sito/images/pdf/grillo_microscopio.pdf, la fonte da cui è stato preso questo estratto


si veda anche:
DR. S. MONTANARI: 21 VACCINI CONTAMINATI DA POLVERI INORGANICHE



  

SOLUZIONE ALLA CRISI! INVADERE LA SVIZZERA E IMPORLE DI GOVERNARE L'ITALIA!

UN PO' DI BUON UMORE PER INZIIO SETTIMANA...
L'altro giorno ero in treno e al mio fianco avevo una specie di pic­colo Buddha in versione napoletana. Il piccolo chiattone (pingue) non ave­va dieci anni, e chiedeva alla madre, chiattona pure issa, notizie sulla crisi economica in atto e come mai nessu­no riesce a risolvere la situazione. Do­po aver assunto tutte le notizie utili, ha emesso un responso che mi ha la­sciato di stucco: perché non invadia­mo la Svizzera? Il piccolo Buddha, o se preferite il piccolo Hitler o il picco­lo Stalin, faceva un ragionamento dia­bolicamente ineccepibile.
Ci manca­no i soldi, la Svizzera ha tante banche, è neutrale, non fa guerra e non oppo­ne resistenza; dunque perché non ci pigliamo la Svizzera? Ecco la soluzio­ne ai nostri problemi. Favolosa. Altro che secessione, meglio l’annessione. Anschluss. E poi è assurdo che un’Eu­ropa nata a immagine e somiglianza della Svizzera, intorno alla moneta e alle banche, debba avere questo buco nero in pieno centro. Arrenditi, Sviz­zera, sei circondata. Mi sembra ma­gnifica la soluzione proposta dalla creatura che ragionava come Napole­one, sbrigativo ed efficace.
Aggiunge­rei una sola postilla. Una volta invasa, imporrei alla Svizzera di assumersi lei l’onere di governare l’Italia. Noi non siamo buoni, come dicono a Napoli, non siamo capaci. Ci considerino il lo­ro Cantone inferiore, sotto tutti i pun­ti di vista, il più popoloso e il più rogno­so. Il Canton Tapino. Dichiariamo guerra alla Svizzera col proposito di perderla a tavolino e di arrenderci ai loro cioccolati a cucù... Che schiava di Berna Iddio la creò.
BY  - Gio, 15/11/2012 -

domenica 18 novembre 2012

NELL'ADDIO DI RON PAUL AL SENATO: FIDATEVI DI VOI STESSI E NON DEL GOVERNO



                       IL DISCORSOI DI ADDIO DI RON PAUL AL SENATO USA

Tra ciò che ha detto degno di nota:

"Un eccesso di governo ha creato un tal casino che molte domande sorgono spontanee:
  • Perchè i malati che usano la marijuana medica vengono messe in prigione?
  • Perchè il goverbo federale pone restrizioni sul bere il latte crudo?
  • Perchè i produttori americani non pososno fare corde o latri prodeotti dalla canapa?
  • Perchè agli Americani è viettao usare oro  e argento come appalti legali, secondo mandato della costituzione?
  • Perchè la Germania è preoccupata abbastanza da considerare il rimpatrio del suo oro tenuto per loro dalal FED a New York? Forse che la fiducia negli USA e la supremazia del dollaro cominciano a svanire?
  • Perchè i  nostri leaders politici credono che sia inutile fare verifiche accurate sul nosro oro?
  • Perchè gli Americani non possono decidere che tipo di lampadine vogliono comprare?
  • Perchè alla TSA è sttao permesso di abusare dei diritti degli Americani che viaggiano?
  • Perchè ci dovrebbero essere delle sentenze obbligatorie -persino sentenze capitali per crimini senza vitime- come richieston dalle nostre leggi sulla droga?
  • Perchè è un suicidio politico per chiunque criticare l'AIPAC ?
  • Perchè non abbiamo rinunciato alla guerra della droga dato che è un ovvio fallimento e viola i dititti delle persone? Nessuno ha notato che le autorità non ce la fanno nememno a tenere lontane le droghe dal carcere? Come potrebbe risolvere il problema far diventare tutta la nostra società una prigione?
  • Perchè ci sacrifichiamo così tanto nel coinvolgerci inutilmente nelel dispute di confine e nella lotta civile intorno per il mondo mentre ignoriamo la causa radice del confine piu' mortale  al mondo: quello tra Messico e USA?
  • Perchè il Congresso volontariamente rinuncia alla sua prerogativa di Ramo Esecutivo?
  • Perchè cambiare il partito al potere non cambia mai la politica? Forse perchè le visioni di entrambe le parti sono essenzialmente la stessa?
  • Perchè le grandi banche, le grandi multinazionali e le banche stranieree le banche centrali straniere vengono salvate nel 2008 e la borghesia invece perse lavoro e case?
  • Perchè cosi tanti al governo  e ufficiali federali credono che creare denaro dal nullacrei ricchezza?
  • Perchè cosi tanti accettano il principio cosi viziato che i burocrati del governo e i politici possono proteggerci da noi stessi senza distruggere totalmente il principio della libertà?
  • Perchè le persone non pososno capire che la guerra distrugge sempre la ricchezza e la libertà?
  • C'è cosi poca preoccupazione per l'Ordine Esecutivo da dare al Presidente autorità di stabilire una lista "per uccidere" , inclusi i cittadini americani, coloro che sono oggetto di assassinio?
  • Perchèp il patriottismo si pensa sia cieca fedeltà al governo e i politici che lo dirigono, piuttosto che fedeltà verso i principi di libertà e sostegno per le persone? Il vero patriottismo è la volontà di sfidare il governo quando è in errore.
  • Perchè viene detto che se le persone non si prenderanno o potranno prendersi cura dei loro bisogni, le persone al governo lo potranno fare per loro?
  • Perchè abbiamo mai dato al governo un porto sicuro per inziiare la violenza contro le persone?
  • Perchè alcuni difendono i mercati liberi, ma non le libertà civili?
  • Perchè alcuni membri difendono le libertà civili ma non i liberi mercati? Non sono la stessa cosa?
  • Perchè i piu' non difendono sia l'economia libera che la libertà personale?
  • Perchè non ci sono piu' individui che cercano di influenzare intellettualmente altri  per far sorgere un cambiamento positivo anzichè quelli che cercano potere per costringere gli altri ad obbedire ai loro comandi?
  • Perchè non viene messo in discussione l'uso della religione per sostenere un vangelo sociale e guerre preventive, dato che entrambi necessitano un uso autoritario della violenza o la minaccia della violenza? L'agressione e la fozata ridistribuzione della ricchezza non ha nulla a che fare con gli insegnamenti delle grandi religioni mondiali.
  • Perchè permettiamo al governo e alla Federal Reserve di disseminare false informazioni che hanno a che fare con la politica estera ed economica?
  • Perchè la democrazia è tenuta in cosi grande stima quando è il nemico della minoranza e fa tutte le leggi in merito ai dictat della maggioranza?
  • Perchè dovremmo sorprenderci  se il Congresso non ha credibilità dato che c'è una tale disconnessione tra cio' che i politici dicono e cio' che poi fanno?
  • C'è qualche spiegazione  per tutto l'inganno, l'infelicità, la paua del futuro, la perdita di fiducia nei nostri leaders, la sfiducia, la rabbia e la frustrazione? Si c'è. d è il modo per cambiare direzione agli atteggiamenti. Le percezioni negative sono logiche e conseguenza  delel cattive politiche che causano i nostri problemi. Una identificazione dei problemi e il riconoscimento della causa consente che i cambiamenti del caso possano avvenire con facilità
Fidatevi di voi stessi non del governo

In troppi e  per troppo tempo hanno riposto fiducia e sicurezza nel governo e non abbastanza in loro stessi.

Per fortuna ora in molti stanno diventando consapevoli della serietà dei gravi errori dei passati decenni. Entrambi i partiti hanno di che essere biasimati . Qualsiasi americano ora chiede di sentire la semplice verità delle cose e vuole dare uno stop alla demagogia. Senza questo primo passo, la soluzione è impossibile..

Cercare la verità e trovare le risposte in libertà e auto affidabilità  promuove l'ottimismo necessario per restaurare la prosperità. Il compito non è cosi difficle se la politica non intralcia la strada.
Ci siamo cacciati in questo casino per molte ragioni.

I politici ingannano se stessi in merito a come viene prodotta la ricchezza. Eccesso di sicurezza nel loro giudizio è quel che accade ai politici e burocrati. Questo sostituisce la sicurezza in una società libera. Troppi in posti elevati  di autorità si fecero convincere che solo loro, armati di potere governativo arbitrario, possono creare equità e al contempo facilitare la produzione di ricchezza.

Questo si dimostra sempre un sogno utopistico e distrugge la ricchezza e la libertà. Impoverisce le persone e ricompensa inetressi speciali  che finiscono con il controllare i partiti politici.

TUTTA LA TRASCRIZIONE in inglese QUI: http://www.wealthwire.com/news/liberty/4165
Traduzione Cristina Bassi

sabato 17 novembre 2012

IL PRESIDENTE DELL'URUGUAY RINUNCIA AD AGI E LUSSO. E' IL PIU' POVERO DEL MONDO



Jose Mujica and his dogs outside his home
E' un luogo comune dire che lo stile di vita dei politici sia ben lontano da quello dei loro elettori.
Non è così in Uruguay, dove il Presidente vive in una fattoria diroccata e dona la piu' parte del suo stipendio.

La lavanderia ha le corde stese fuori dalla casa. L'acqua arriva da un pozzo in una corte, coperto di erbacce. Ci sono solo 2 poliziotti e Manuela, un cane a 3 zampe che fa da guardia.
Questa è la residenza del Presidente dell'Uruguay, Jose Mujica, il cui stile di vita è decisamente diverso da quello della piu' parte dei leaders del mondo.


Il Presidente Mujica ha rinunciato alla casa lussuosa, fornita dallo stato uruguaiano ai suoi leaders ed ha deciso di stare nella fattoria della moglie, che si trova dopo una strada sporca alla periferia della capitale Montevideo. Il presidente e la moglie lavorano nei campi, coltivandfo fiori


"Puo' sembrare che sia io un eccentrico vecchio... ma è una libera scelta" ha detto  seduto su una vecchia sedia nel suo giardino. "Posso vivere bene con quel che ho"

Le sue donazioni - che vanno a beneficio dei poveri  e i piccoli inprenditori - alla fine fan sì che il suo stipendio sia a mala pena in linea con quello dell'uruguaiano medio, ovvero 775 dollari al mese.

"Sono chiamato il "presidente piu' povero', ma non sento di esserlo. "I poveri sono coloro che lavorano solo per cercare di mantenere uno stile di vita costoso e vogliono sempre di piu'" , ha detto.

"E' una questione di libertà. Se non possedete molto, non avete bisogno di lavorare come uno schiavo tutta la vostra vita per mantenere tutto quel che avete  e quindi avete piu' tempo per voi stessi," ha detto.

estratto e tradotto da: http://www.bbc.co.uk/news/magazine-20243493