UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO
Notizie dal mondo, soprattutto da fonti internazionali, che il mainstream non riporta.

Translate

Cerca nel blog

giovedì 31 gennaio 2013

3 DOMANDE IMBARAZZANTI AL PRESIDENTE NAPOLITANO, FERVENTE ANTIFASCISTA



llustre Presidente Napolitano, dopo aver sentito il suo vibrante discorso sul fascismo e l'antisemitismo, mi permetta di rivolgerle tre brevi domande.

La prima. Sapeva che il presidente dell'infame Tribunale della razza, nonché firmatario del «Manifesto della razza», Gaetano Azzariti, diventò il più stretto collaboratore del suo leader Togliatti al ministero di Grazia e Giustizia, dopo essere stato Guardasigilli con Badoglio? Avete mai avuto nulla da ridire, lei e il suo Partito, sul fatto che poi, grazie a questi precedenti, lo stesso Azzariti sia diventato presidente della Corte costituzionale fino alla sua morte nel 1961?

La seconda. Sapeva che il primo concordato tra lo Stato italiano e gli ebrei fu fatto nel 1930 dal regime fascista? Una commissione composta da tre rappresentanti degli ebrei e tre giuristi varò un concordato in cui, scrive De Felice, «il governo fascista accettò pressoché in toto il punto di vista ebraico». Il presidente del consorzio ebraico, Angelo Sereni, telegrafò a Mussolini «la vivissima riconoscenza degli ebrei italiani» e sulla rivista ebraica Israel Angelo Sacerdoti definì la nuova legge «la migliore di quelle emanate in altri Stati».

Terzo. Presidente, ha mai detto e scritto qualcosa sulle centinaia di italiani, comunisti, antifascisti e a volte anche ebrei, che fuggirono dall'Italia fascista e furono uccisi nella Russia comunista con l'avallo del segretario del suo partito, il sullodato Togliatti? In Italia, persino sotto il Duce, avrebbero avuto una sorte migliore...

- Mer, 30/01/2013
fonte: http://www.ilgiornale.it/news/interni/880292.html 
______________

 ma ni po la zione di mas sa .... i po cri sia
che siano quelle le risposte?

DAVID ICKE: RISVEGLIO GLOBALE


1a parte, SOTTOTITOLI IN ITA


2a parte,


3a parte


4a parte

TRADUZIONI DA DAVID ICKE
dalle sue newsletter e video

David Icke è studioso di storia segreta e cospirazione, famoso giornalista e conferenziere. Negli ultimi anni ha tenuto numerosissimi incontri e ricerche in più di 20 paesi, offrendo a milioni di persone una soluzione spirituale (non religiosa) alla manipolazione globale.

mercoledì 30 gennaio 2013

DAVOS: LA COSPIRAZIONE DEI SUPER RICCHI...






Quando Klaus Schwab, fondatore presidente del World Economic Forum, inizio’ il pellegrinaggio annuale al santuario degli Gnomi Svizzeri, forse non comprese subito ( i dubbi su questa tesi sono legittimi…ndt) che il rituale  si sarebbe trasformato in  una botta di celebrità dei superricchi.

La sede di Davos è appropriata: solo aria rarefatta adatta per i mattoidi globalisti. Viene promossa come assemblea  per i magnati del business, in realtà è piu’ che un adulazione di speculatori ricchi, che fanno a gara per essere inclusi  nelle elite del vero potere: quella che fa o disfa governi, economie e destini politici.

Il clan di Davos, usando una combinazione tra un press agent holliwoodiano, la ditta pubblicitaria Madison Avenue e il sostegno del canale business CNBC, se la gode bellamente nel suo malato privilegio  ed influenza. Il mantra “troppo grandi per fallire” , si adatta al nichilismo del loro culto, quello dei mercati manipolati.

Chiedetevi: Perchè la Cospirazione di Davos dei Super Ricchi (con la loro “missione” sbandierata  di “collaborare in modo partecipativo, sistematico ed integrato alle sfide globali”) in realtà sta creando una economia globale che si sta deteriorando ad alta velocità ed in cui guerra, malattia, popolazione e povertà stanno accelerando a livelli allarmanti, dove i bei dl pianeta, le sue risorse, stanno rapidamente scomparendo?

Perchè? Perchè Davos è proprio un disastro. La loro economia è un disastro, il capitalismo è un disastro. La visione del mondo di Davos è un disastro. Ma purtroppo, i Super Ricchi non possono vedere questa realtà poichè sono in crociera … a 50.000 piedi. Una volta a Davos… non possono nemmeno vedere i rischi.

TUTTO L'ARTICOLO QUI: http://www.thelivingspirits.net/php/articolo.php?lingua=ita&id_articolo=619&id_categoria=12&id_sottocategoria=20 



SARTRE – January 30, 2011
fonti:
http://www.batr.org/totalitariancollectivism/013011.html
http://www.marketwatch.com/story/the-super-rich-at-davos-40-years-of-disaster-2011-01-25


Traduzione e sintesi
: Cristina Bassi

P. BARNARD: ANDARE A VOTARE? SAREBBE SOLO PER UN GOVERNO VIRTUALE

 

(...) Nessuno degli uomini o delle donne che oggi si azzuffano nelle liste elettorali, premier o parlamentari, vi potrà governare nei prossimi 5 anni. Essi eseguiranno solo ordini impartiti da tecnocrati europei, dai Trattati europei, e dai mercati finanziari, fine (le prove qui sotto). 

 Fra Vendola e Monti lo spazio di manovra è non più dello 0,1%, se consideriamo le politiche nazionali che contano. Grillo ancora meno, perché il suo team è talmente scadente che neppure riuscirebbe a capire come si paga uno stipendio di un bidello, meno che meno cosa siano leCollective Action Clauses sui titoli del Tesoro o il Correcting Macroeconomic Imbalances. Inutile votare sti politici, inutile leggerne i programmi, guardare i dibattiti tv. Essi sono figure virtuali, impotenti al 99,9%, sono morti viventi.

So che questa nozione sembra una boutade di un fesso, tanto è scioccante. Ma così è. Il mio lavoro ha portato prove autorevoli con documenti e testimonianze in numero talmente ampio che è impossibile persino riassumerle qui. Voglio solo ricordare i seguenti punti:

A) La Costituzione italiana non ha più valore sovrano, essendo stata sottomessa alla legge europea fin dal 1991. (Chapter National constitutions and the Lisbon Treaty: conflicts are resolved by the EU Court, 344 TFEU - obligation of loyalty, 4.3 TEU, 24.3 TEU - In Opinion 1/91 of the European Court of Justice, the European treaties are described as 'the Constitutional Charter of a Community of Law, a new legal order for the sake of which the States have limited their sovereign rights”).
B) La legge europea, redatta unicamente dalla Commissione Europea di tecnocrati che nessuno elegge, ha supremazia su ogni legge nazionale italiana. Ne consegue che il Parlamento nazionale è esautorato nella sovranità. Il ruolo subordinato dei Parlamenti nazionali nella nuova Europa significa che “essi dovranno fare gli interessi dell’Unione prima che i propri”, come sancito dai Trattati. (Art. 8c, TEU - The European Council of 21-23 June 2007 in Brussels: Presidency Conclusions, General Observations, point 3, page 16)

C) Il governo italiano non ha più alcuna sovranità nelle politiche economiche, di bilancio e sociali. Questo significa aver perso il 99,9% del potere di un governo. Ciò accade a causa dei Trattati europei che l’Italia ha firmato e ratificato in legge nazionale, e che da oggi costringono il governo e il Parlamento alle seguenti misure:

-       Una spesa pubblica insignificante non oltre il 3% del PIL, che dovrà scendere allo 0,5% del PIL.

-       Il pareggio di bilancio va inserito nella Costituzione (sancito dal Fiscal Compact nel TITOLO III art. 3/1 a - 3/2). Significa che il governo deve spendere 100 e tassarci 100, lasciando a noi cittadini e imprese esattamente 0 denaro. Unica nostra alternativa è erodere i risparmi o indebitarci con le banche. Questo è precisamente l’impoverimento automatico che oggi chiamiamo ‘la crisi’. L’Italia ha ubbidito e ha messo in Costituzione il pareggio di bilancio, ma ora sapete che non è stata affatto una scelta parlamentare per il bene del Paese, ma una costrizione esterna dettata dalla minaccia di sanzioni europee (leggi sotto)

-       Il governo dovrà sottomettere la legge di bilancio alla Commissione Europea prima che al Parlamento, e solo dopol’approvazione di Bruxelles potrà  interpellare i deputati.

-       Se il governo sgarra, potrà essere multato di miliardi di euro e scatta una procedura chiamata Preventing Macroeconomic Imbalances. Concede alla Commissione e al Consiglio Europeo poteri di intervenire sulle politiche italiane del lavoro, sulla tassazione, sullo Stato Sociale, sui servizi essenziali e sui redditi per imporre tagli e maggiori tasse. Imporre, non suggerire.
-       La competitività italiana sarà giudicata dai poteri europei superiori a governo e Parlamento in rapporto al contenimento degli stipendi e all’aumento della produttività. Gli stipendi pubblici devono essere tenuti sotto controllo per non danneggiare la competitività. La sostenibilità del debito nazionale viene giudicata a seconda della presunta generosità di spesa nella Sanità, Stato Sociale, e ammortizzatori sociali. Le pensioni e gli esborsi sociali devono essere riformati “allineando il sistema pensionistico alla situazione demografica nazionale, per esempio allineando l’età pensionistica con l’aspettativa di vita”.
-       L’Italia, Stato della zona Euro, dovrà chiedere l'approvazione alla Commissione Europea e al Consiglio Europeo prima di emettere i propri titoli di Stato. Anche qui la funzione primaria di autonomia di spesa dello Stato sovrano è cancellata (sancito dal Fiscal Compact nel TITOLO III art. 6).

-       Se l’Italia dovrà chiedere un aiuto finanziario al Meccanismo Europeo di Stabilità (MES) sarà obbligata a sottoscrivere, in accordo con la Commissione Europea, col FMI e con la BCE, un Memorandum dove si vincola a obbedire a tutto ciò che il MES e FMI gli imporranno, a tutti i Trattati, a tutte le condizioni del prestito, persino a critiche e suggerimenti dei sopraccitati. Il Parlamento italiano non ha alcuna voce in capitolo neppure qui.
 (Fonti: The Stability and Growth Pact, The European Semester, Preventing Macroeconomic Imbalances, The Europact, The Fiscal Compact, The European Stability Mechanism(MES)).

Infine, il governatore della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, ha il potere sancito dallo statuto BCE di ricattare qualsiasi banca italiana attraverso i poteri della Struttura di Controllo del Rischio(Risk Contol Framework), e anche qui il governo italiano è impotente. E, come sapete, l’Italia, che ha perduto con l’Eurozona la sua moneta sovrana, dipende dai mercati di capitali internazionali per ricevere ogni centesimo di euro che spende per la vita dello Stato, per cui è da essi ricattabile al 100%, cioè il governo, il Parlamento, i cittadini, la Costituzione sono alla mercé dei mercati, interamente.
Bene. Ho finito. Voterete dei morti, impotenti, inutili, senza alcun reale potere. Dobbiamo urlare alla politica che noi sappiamo tutto questo, e che loro devono promettere all’elettorato di portarci fuori da questo orrore europeo con un voto di orgoglio e di salvezza nazionale.

martedì 29 gennaio 2013

LE PERSONE... E IL GOVERNO...

PRESIDENTE ISLANDA A DAVOS: LASCIATE CHE LE BANCHE FALLISCANO!


DA NON PERDERE!

Il Presidente dell'Islanda Olafur Ragnar Grimsson ha detto al giornalista di Al Jazeera Stephen Cole che l'Europa dovrebbe lasciare che le banche gestite in modo irresponsabile vadano in bancarotta.

Parlando a Davos in occasione dell'appuntamento annuale del World Economic Forum (Forum dell?Economia Mondiale) , Grimsson ha anche citato il suo paese come modello di ripresa  economica da quando è avvenuto il suo colalsso eonomico 4 anni fa.

"Non abbiamo seguito le ortodossie tradizionali e prevalenti. E il risultato finale  4 anni dopo, è che l'Islanda sta godendosi recupero e progresso"

Source, credit to Aljazeera- http://www.aljazeera.com/video

FAIR USE NOTICE: This video has been posted to further advance our understanding of environmental, political, human rights, economic, Technological, democratic, scientific, and social justice issues which constitutes a "fair use" of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107 for research and educational purposes.
http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=51-Jfh6ADH0


tra le cose dette dal Presidente Olafur Ragnar Grimsson:

il settore della HT (High Tech) tolto dalle mani delle banche per il suo impiego in settori prettamente finanziari, ha potuto essere re-investito in progetti innovativi


domenica 27 gennaio 2013

TREMONTI LE CANTA A...MONTI, TRA GLI ILLUMINATI A DAVOS

un Tremonti MOLTO chiaro...


ANCHE QUESTO... DRAGHI A DAVOS
ceare qualcosa che è sovranazionale: ogni membro dell'area EU, potrà condividere questa super-sovranità'



Mario Draghi a Davos lo dice chiaramente. Tutto è ormai pronto. La crisi della sovranità nazionale ed economica non ha che un modo, finalmente, per essere risolta. "Se volete recuperare la vostra sovranità, allora cedetela". Chiaro, no? Signori, tutti in piedi: Troika's speaking.
http://www.youtube.com/watch?annotation_id=annotation_589793&feature=iv&src_vid=Me2vHh25Soo&v=5cQjerDMAcA















venerdì 25 gennaio 2013

TERREMOTO IN TOSCANA, DI 4,9 MAGNETUDO

Recent earthquakes in the Euro-Med region (during the last 2 weeks)


Magnitude Mw 4.9
RegionNORTHERN ITALY
Date time2013-01-25 14:48:18.0 UTC
Location44.17 N ; 10.45 E
Depth15 km profondità
Distances176 km SE Milan (pop 1,306,661 ; local time 15:48:18.3 2013-01-25)
60 km NW Prato (pop 180,396 ; local time 15:48:18.3 2013-01-25)
11 km NW Barga (pop 10,010 ; local time 15:48:18.3 2013-01-25)
5 km NE Castiglione di garfagnana (pop 1,861 ; local time 15:48:18.3 2013-01-25)
Global view
Source parameters reviewed by a seismologist


More information at:

 Italian National Seismic Network Roma, Italy
FONTE: http://www.emsc-csem.org/Earthquake/earthquake.php?id=302106












GLOBAL WARMING EH?... TEMPERATURE POLARI IN USA

Blistering cold: A deep arctic freeze has locked parts of the Midwest to the Northeast in below freezing temperatures as seen with this frozen fountain in New York City's Bryant Park
Un freddo artico ha colpito  parte del Midwest fno al Northeast
Qui la fontana del Bryant Park, New York City

Blistering: A dusting of snow greets a bundled up bicyclist on New York's Brooklyn Bridge with wind gusts of 15-20mph feeling like five below
k

The big freeze: Firefighters spray down hot spots on an ice covered warehouse that caught fire Tuesday night in Chicago; temperatures across the country plummeted last night as the mercury climbed as low as 50 degrees below freezing
k
Fire and ice: Chicago fire department officials said the warehouse fire it is the biggest the department has had to battle in years
Frozen ice covered a pair of gloves belonging to a Chicago firefighter in single-digit temperatures during a five-alarm blaze in a warehouse
Freezing temperatures: Frozen ice covered a pair of gloves belonging to a Chicago firefighter in single-digit temperatures
Icicles form on a fire hose at the Chicago warehouse fire. he coldest location in the lower 48 states Monday was Embarrass, Minnesota, at -36C, according to the National Weather Service
Clinging: Icicles form on a fire hose as Windy City firefighters battled last night's blaze

The cities of ice: From Minnesota to Maine, Arctic freeze sweeps America as temperatures plummet as low as -36F

UFO...NEI CIELI DI OSTIA- ROMA


PER CAMBIARE LE COSE....


NON CAMBIERETE MAI LE COSE
COMBATTENDO LA REALTA' ESISTENTE
PER CAMBIARE QUALCOSA
COSTRUITE UN NUOVO MODELLO
CHE RENDA OBSOLETO
QUELLO ESISTENTE


http://www.davidicke.com/headlines/78813-changing-things

giovedì 24 gennaio 2013

NON E' UNA CRISI GLOBALE... E' UNA BUFALA



DURANTE IL 2012
UN ANNO DI CRISI ECONOMICA GLOBALE,
LE 100 PERSONE PIU' RICCHE DEL MONDO
HANNO GUADAGNATO UN TOTALE DI 
240 MILIARDI DI DOLLARI
DENARO SUFFICIENTE
PER PORRE FINE ALL'ESTREMA POVERTA'
IN TUTTO IL MONDO
E PER BEN 4 VOLTE

NON E' UNA CRISI...
E' UNA BUFALE
ED E' ORA DI FINIRLA!

SULLA CRISI DEL MONTE DEI PASCHI DI SIENA E L'AIUTINO MILIARDARIO DI MONTI


monte_dei_paschi
(...) Se si comincia a osservare Unipol, il cui titolo ultimamente è in salute, si capisce come da (molto) tempo il principale partito del centrosinistra presidi un altro grande potere delle società postindustriali: il ramo finanziario-assicurativo

Eccoci quindi ad uno storico potere italiano, nel ramo bancario, nel quale il radicamento Pd può vantare una lunga storia. Ci riferiamo al Monte dei Paschi che è controllato direttamente dal Pd senese quindi su una base territoriale con rilievo nazionale. Ora non ha importanza descrivere qui la guerra tra bande che si è aperta nel Pd a Siena con la crisi di Mps, una guerra che nessuno in Toscana riesce a spegnere tale è l’autonomia del partito democratico senese dal resto della regione.

Bisogna soprattutto brevemente raccontare come l’Mps, grazie alla acquisizione sbagliata di Antonveneta e ad una lunga serie di operazioni speculative andate a male, da almeno un lustro si trova in cattive acque. Tanto che, nell’autunno del 2012, il governo Monti decreta, su un testo approvato da un relatore Pd ed uno Pdl, un aiuto alla banca senese pari a 3,9 miliardi di euro. Aiuto poi messo in discussione dal Bce ma superiore, dal punto di vista finanziario, ai “risparmi” che la riforma Fornero ha prodotto con i tagli alle pensioni.

Questo per dire in che genere di politiche si è gettato il Pd. Per salvare una propria banca da uno sbilancio epocale, di proporzioni gigantesche, è entrato nel governo Monti legittimando le politiche di trasferimento delle risorse dello stato dalla spesa pubblica agli aiuti ai bilanci delle banche


Monti si è occupato, per dare un’idea sommaria dell’operazione, degli aiuti a banche greche, spagnole, portoghesi (che finiranno, in una partita di giro, alle banche tedesche e francesi) e al Pd è toccato il corposo aiuto a Mps. Aiuto che è servito, tra l’altro, ad evitare che la banca fosse commissariata dallo stato, disintegrando il residuo potere piddino senese e nazionale nei corridoi di Mps. Queste storie hanno sempre la caratteristica di fornire nuovi capitoli.

Pochissimi giorni fa, con delle prove fornite dal Fatto Quotidiano, esce la prova inoppugnabile che Mussari, allora presidente di Mps e fino a poche ore fa presidente dell’associazione delle banche italiane (praticamente un ministro), aveva fatto una pesante operazione di cosmesi finanziaria con il bilancio 2009 del Monte dei Paschi. In poche parole aveva acquisito come attivo una serie di pericolosi derivati, contratti con una banca giapponese, che altro non erano che letali bombe ad orologeria nei bilanci della banca senese


E bravi Monti e il Pd, con il concorso del Pdl, che hanno decretato aiuti, e di quali proporzioni, ad una banca che è piena di vere e proprie bombe ad orologeria finanziarie. Tutto questo per sottrarre la banca ad un vero controllo pubblico.

Nel frattempo Mussari, che alcuni blog finanziari definiscono “il peggior presidente dell’Abi di sempre” si è dimesso, dichiarandosi innocente, dall’associazione italiana dei bancari. Resta uno sbilancio di dimensioni ciclopiche in Mps, con risorse considerevoli tolte ai beni pubblici per immetterle in una voragine di debiti privati. Tutto questo, naturalmente, senza che Mps abbia minimamente migliorato la propria offerta finanziaria a imprese, famiglie, singoli, coppie in cerca di mutuo. Si è presa una parte notevole di denaro pubblico per farla sparire nel niente di una voragine di bilancio.

A questo punto chiedersi cosa sia veramente il Pd non fa certamente male. Al di là delle operazioni di creazione di simulacro per attirare elettori resta la sostanza materiale di un potere profondamente immobiliare (Ipercoop non è solo grande distribuzione), legato alle grandi opere (le cooperative edilizie) e speculativo-finanziario (Unipol e Mps).

Si tratta di tipici poteri del liberismo odierno nazionale, quello legato al circuito mattone-moneta. Un circuito a cui le attuali politiche dell’eurozona di trasferimento, per quanto convulso ed instabile, delle ricchezze dalla spesa sociale ai bilanci delle banche va benissimo. Ma anche un partito molto diverso non solo dalla propaganda che fornisce di sè ma anche dall’immagine che comunemente si fanno anche i suoi avversari. Eppure basta seguire gli interessi materiali per sapere, in politica e non solo, chi si ha davanti.


FONTE: http://www.senzasoste.it/nazionale/mps-la-banca-del-pd-che-nel-2012-e-costata-3-9-miliardi-agli-italiani-pi-dei-tagli-della-riforma-fornero

mercoledì 23 gennaio 2013

LA ROMANIA PUBBLICA UN LIBRO SULLE RADICI NAZISTE DELLA EU DI BRUXELLES

Il 12 ottobre 2012, il  NATIONAL il quotdiano rumeno, ha pubblicato un articolo a pagina intera relativo al libro “The Nazi Roots of the ‘Brussels EU’”.(Le Radici naziste della Europa di Bruxelles), descrivendolo come "il libro che fa impazzire i parlamentari EU". L'articolo fa un sommario  dei contenuti del libro ed afferma che ha fatto esplodere la costruzione della EU

Per vedere la versione online dell'articolo  sul NATIONAL clickare qui. Per scaricare  la copia della versione originale, stampata, qui.

“The Nazi Roots of the Brussels EU”

Quattro autori riunitisi per lo stesso scopo, ovvero mostrare "cio' che avreste sempre voluto sapere sulla EU di Bruxelles, ma che nessuno ha mai osato dirvi" , hanno fatto esplodere, in alcune centinaia di pagine, la costruzione e  il consolidamento di cio' che viene chiamata "Unione Europea" 
Gli autori sono: Paul Anthony Taylor –  un combattente per il cibo naturale; Aleksandra Niedzwiecki , una biochimica; Dr. Matthias Rath, fondatore  dell'Istituto di Ricerca Dr. Rath Research Institute, un centro per la medicina naturale e August Kowalczyk, un ex prigioniero nel campo di concentramento e sterminio di Auschwitz, con il numero 6804.

IG Farben, Bayer, BASF, Hoechst dietro Hitler

Kowalczyk è l'autore del libro "Barbed Wire Refrain"  ("Il ritornello del filo spinato") ed ha molti documenti che riguardano la formazione della EU all'interno del "cartello industriale dell'industria chimica, petrolifera e farmaceutica", un file che ha allegato come documento di denuncia alla Corte Internazionale di Hague.
Dal 2003, alcuni ricercatori del Rath Institute si sono uniti a lui e hanno dato vita ad azione per smascherare l' "elite che vuole controllare tutto il mondo", incoraggiando i politici Europei, specialmente quelli che lavorano a Bruxelles, a studiare gli originali dei documenti pubblicati.
Il libro "Nazi Roots of the Brussels EU" (Le Radici Naziste della Eu di Bruxelles) dimostra che non è stato Hitler a dare il via alla Seconda Guerra Mondiale, ma una elite di un cartello industriale dell'industria chimica, petrolifera e farmaceutica, allo scopo di controllare i mercati globali.
Dei documenti ufficiali del Congresso USA e dei Tribunali di Norimberga per i Crimini di Guerra, mostrano che la Seconda Guerra Mondiale è stata preparata, assistita, finanziariamente, logisticamente  e tecnicamente, dai maggiori e piu' noti cartelli industrali petroliferi e farmaceutici di quel tempo: quello della tedesca IG Farben che includeva la Bayer, BASF, la Hoechst ed altre aziende chimiche.
La Seconda Guerra Mondiale fu, secondo gli autori, il primo tentativo di conquistare il mondo da parte degli interessi corporativi.

Il nazista Walter Hallstein, "padre" della Unione Europea

Dopo che entrambi i tentativi militari di soggiogare  l''Europa erano falliti, il Cartello investì in un terzo tentativo: la conquista politica ed economica della Europa, per mezzo della "EU di Bruxelles". Gli autori provano, con documenti alla mano,  che gli architetti della EU venivano reclutati tra quei tecnocrati che avevano già pianificato una Europa post bellica, sotto la coalizione del cartello nazista
Il piu' noto fu  Walter Hallstein, il primo Presidente della cosiddetta Commissione Europea . Nel regime nazista questi era un importante avvocato, coinvolto nella programmazione amministrativa e legale  della Europa post-bellica sotto il controllo della elite nazista e della IG Farben. Hallstein si era laureato al  "Kaizer Wilhelm Institute" di Berlino, finanziato dalla IG Farben. Era stato membro dei Rechswahrer (una associazione nazista di protettori della legge) .
Nel 1938, Hallstein reppresento' il governo nazista, in negoziati con i fascisti in Italia,  in merito alla cornice legslativa riguardante una piu' estesa dittatura in Europa. Da queste negoziazioni basti  solo questa citazione:
" L'ordine legale dello stato dittatoriale (il Fuhrerstaat  - lo Stato del Fuehrer o la Grande Germania) ha il compito  di proteggere la integrità, la salute  e la salute razziale delle sue genti .(...)  La razza suprema deve essere particolarmente protetta dalla razza ebrea, eliminandola dalla società una volta per tutte".  
I negoziati ebbero luogo a Roma dove egli ritorno' successivamente come "padre" di una Europa "democratica".

La Commissione Europea, secondo il modello del Fuhrerstaat (Lo Stato del Fuehrer)

Immediatamente dopo questa conferenza italo-germanica, il Kaizer Wilhelm Institute, il cui Presidente, Carl Bosch,era un direttore della IG Farben, annuncio' la scoperta della fissione nucleare e la possibilità di costruire un' "arma suprema" che avrebbe aiutato ad installare il nuovo ordine europeo, quello desiderato dai Nazisti e dalla IG Farben. 
Il 25 Marzo 1957, già "pulito", Hallstein fu nominato uno dei 12 padri fondatori del "Trattato di Roma", il fondamento della EU e nel 1958 fu nominato presidente  della Commissione Europea, dichiarando: 
"La Commissione europea ha pieni poteri e illimitati per tutte le decisioni che riguardano l'archittetura di questa comunità europea". In un discorso di propaganda nazista, tenuto nel 1939, Hallstein proclamava le stesse cose ma con parole diverse:
"La creazione della Nuova Legge [dei Nazisti] è compito SOLO dei legislatori". Vera democrazia!
Dalla posizione che gli fu assegnata, Hallstein diede forma alla struttura Europea secondo i piani iniziali di una Europa nazista post bellica, sotto il giogo della IG Farben. Tutte le interconnessioni tra i Nazisti, la IG Farben e i "padri" della EU sono descritte nel dettaglio nel libro "The Nazi Roots of the Brussels EU". 
Potete trovare dettagli qui: www.eu-facts.org (i documenti) e qui www.eu-referendum.org (la campagna per i referendum europei in merito ad ogni cambiamento legislativo che rigiardi le nazioni EU)

fonte: http://www4.dr-rath-foundation.org/THE_FOUNDATION/bookthatdriveseucrazy.html
traduzione Cristina Bassi 

TRE LE COSE CHE NON POSSONO ESSER NASCOSTE...



... IL SOLE,
LA LUNA E
LA VERITA'!
Confucio (c.550- 478 aC)

martedì 22 gennaio 2013

SONO TROPPO POSITIVO PER AVERE DUBBI...




TROPPO OTTIMISTA PER AVERE PAURA
E TROPPO DETERMINATO
PER ESSERE SCONFITTO!


L'IRAN A INIZIO FEBBRAIO RIVELERA' IL SUO PRIMO OSSERVATORIO SPAZIALE

A space observatory (file photo)
A space observatory (file photo)
 
21, 2013 2:22PM
Il Ministro della Difesa Iraniano,  Generale di Brigata Ahmad Vahidi dice che il Paese rivelerà il suo primo osservatorio spaziale agli inizi del prossimo mese, in occasione della vittoria nel 1979 della rivoluzione islamica.

“Durante le festività dei 10 giorni, un osservatorio spaziale che porta il nome dell' Imam Sadeq (PBUH)  [il sesto imam sciita], sarà inagurato come prima stazione spaziale iraniana di  monitoraggio" ha detto il Ministro lunedi

“In agenda anche l'inaugurazione di una base di volo spaziale del Ministero della Difesa iraniano,” ha aggiunto

Vahidi ha affermato che un nuovo piano di guerra, progettato e prodotto da esperti iraniani, ci sarà per il prossimo mese
 
Il ministro ha annunciato che l'Iran sta anche programmando di lanciare il suo nuovo esploratore che porterà animali vivi  nello spazio, se tutto procederà come previsto.
Il 17 gennaio, il direttore della Agenzia Spaziale  Iraniana (ISA) Hamid Fazeli ha detto che il Paese presto manderà animali vivi  nello spazio a bordo di una bio-capsula, come preludio per poi mandare umani nello spazio.

Ha aggiunto, che grazie alle similitudini  tra gli umani e le scimmie, queste ultime sono state selezionate  per la prossima missione spaziale.

Fazeli ha successivamentesottolineato che il piano per mandare animali nello spazio è parte di un progetto piu' ampio per mandare esseri umani  in missioni spaziali.

L'Iran è uno dei 24 membri fondatori  dell Comitato  ONU per l'uso pacifico  dello Spazio, che fu stabilito nel 1959.
 
trad. Cristina Bassi

lunedì 21 gennaio 2013

LA GUERRA AMBIENTALE. A CASO INCALZANTE SU "CERTI" PAESI...

Siamo nel bel mezzo di guerra ambientale,  distratti da una informazione  di regime,  paradossalmente paghiamo per distruggere le nostre colture,  minare la nostra salute e metterci in miseria. Stiamo percorrendo al galoppo la strada dell’implosione economica e sociale come fu per l’URSS.


In Iran l’anno scorso una siccità infernale, forse indotta,  ha incenerito gran parte della vegetazione, creando vaste aree desertiche e mettendo in gravissima difficoltà la sopravvivenza della popolazione già provata dall’assedio economico dei paesi Nato, gli esportatori di democrazie al fosforo e all’ uranio.   

Come facciamo a dirlo? Presto detto, l’anno scorso è caduto in Iran un decimo della pioggia rispetto alla media degli anni precedenti.  Sappiamo da molto ormai che la pioggia può esser fatta scendere o no  in posti predefiniti. Nella Russia vi è altrettanta siccità ed incendi, come pure nella riottosa Italia. 

E’ di questi giorni un grande incendio in Australia che sta distruggendo  foreste e città.  In Pakistan, India e Indonesia, alluvioni regolari distruggono le economie di quei paesi. Anche i terremoti distruggono l’Iran, la Thailandia, la Cina, il Giappone, il Perù, l’Equador, il Cile, l’ Italia e ancora l’Indonesia, la Thailandia, la Birmania, il Venezuela, Haiti, persino in Brasile ecc.  mentre in Israele l’anno scorso vi fu pioggia in abbondanza e a Gaza alluvioni. Che strano! Nella Corea del Nord oltre ai terremoti c’è stata una siccità mai avutasi a memoria d’uomo che ha messo alla fame la nazione, e poi alluvioni, allagamenti a dilavare i suoli agricoli e forestali dello strato fertile.

Riflettendoci su un pò,  mi sono chiesto che cosa abbiano in comune queste nazioni.   Una risposta è arrivata subito e ovvia: questi Paesi non aderiscono al patto Atlantico, sono in maggioranza di religione musulmana o cristiana o altra religione. Sono popoli invisi ai mondialisti satanisti e terroristi globali. Sono paesi che resistono alla razzia dei globalisti e mantengono un alto livello di sovranità economica, politica e religiosa.  

L’incendio in Australia sarebbe da ascrivere ad un atto di ritorsione sionista alla presa di posizione australiana a favore della Palestina ed una posizione neutra e antiguerrafondaia nei confronti della Siria. Lo stesso trattamento fu riservato un paio d’anni fa alla Russia, quando subì una siccità mai vista. Furono appiccati 4500 incendi dolosi e la taiga bruciò per quasi 2 anni. 

Il terremoto in Emilia invece, potrebbe essere stato un autentico atto di guerra, devastante per noi, ha avuto  la funzione di privare il nostro paese delle scorte strategiche, vitali, di metano algerino; gas che doveva essere iniettato dall’Agip nei giacimenti di  metano dismessi proprio nelle zone interessate dal terremoto, per garantirci un po’ di autonomia energetica. Vedi caso che fatalità! 

Questi giacimenti vuoti sono immensi serbatoi naturali ed avrebbero garantito all’Italia, una volta riempiti, una autonomia energetica strategica di circa 6 mesi. Sei mesi di sovranità energetica. Difatti subito dopo per incanto  si è deciso di bloccare il progetto. Risultato raggiunto.

Poi per crearsi un alibi Goldman Monti & Co hanno cambiato la mappa delle zone sismiche ed hanno affibiato anche ai terreni della Bassa Padana l’appellativo di zona a rischio terremoto.
I Bankster e le Sette Sorelle si fregano le mani per quanto siamo polli.  L’Agip, oltre ad essere stata fatta sloggiare dalla Libia e delll’Iran, è stata bloccata persino in patria. l’Italia dipenderà ancora dalle compagnie straniere ed esse  gongolano come non mai. Ancora una volta ci tengono saldamente in pugno.

Il terremoto ad Haiti fu nvece   addirittura  il pretesto per l’invasione e la permanenza definitiva  degli americani nel povero e bellissimo stato caraibico.
Anche il Giappone che alle ultime elezioni aveva votato una sinistra che chiedeva l’uscita degli Usa  da Okinawa e dal Giappone, é stato oggetto di terremoto-maremoto. E’ forse stato  castigato d’imperio? …E quella incredibile esplosione della super sicura centrale nucleare di Fukushima?  La cosa ha dell’incredibile.

Insomma l’attività sismica come è stato ampiamente dimostrato proprio in questo sito ed altri siti e da autorevoli uomini e donne di scienza, è per maggior parte provocata da estrazioni sconsiderate, dal fracking, e con sistemi di induzione elettromagnetica: Haarp. Il fatto che l’acqua sia bollita nel sottosuolo di Finale Emilia, che i pesci dei corsi d’acqua siano morti bolliti e la terra fosse arrivata ad una temperatura di 42°, che le auto  si accendessero da sole, che la protezione civile i giorni precedenti sapesse già cosa stava per accadere, portano purtroppo a pensare che sia stato un evento programmato. I moventi come abbiamo visto non mancano. Ultimo indizio è la legge sulla non risarcibilità dei danni da terremoto, legiferataci pochi giorni prima da Goldman Monti.

I criminali planetari hanno messo al sicuro le sementi alle isole Swalbald, in quella che hanno chiamato Arca dei semi e che invece altro non è che  il furto planetario delle sementi, in attesa della distruzione dell’agricoltura per desertificazione avvelenamento dei suoli e o allagamento in intere nazioni.

Le scie chimiche composte di metalli pesanti ed altre schifezze, compreso plasma umano e batteri modificati geneticamente per resistere a temperature estreme e per modificare il Dna delle persone che li ingeriscono, sono rilasciate ogni giorno da aerei cargo Nato, in incognito e pagati da noi. 

Queste scie creano delle velature artificiali che nascondono il sole e modificano enormemente il clima sulla superficie terrestre. E’ tutto tragicamente vero purtroppo e alzando gli occhi al cielo o tendendo l’orecchio di notte si vedono o sentono i bombardieri modificati a tanker cisterna che volano incessantemente.

Chi è l’artefice di questa distruzione planetaria. Chi ordina ai burattinai presidenti Usa queste azione di sterminio? Chi ordina ai burattinai di destra, centro, sinistra, in Italia, ad andare in guerra su ordine atlantico e ad acquistare aerei da caccia per operazioni offensive   di bombardamenti, i cui costi economici oltre che umani mettono in ginocchio la nostra  nazione?

Può arrivare a tanta follia criminale solo una mente perfida,  tarata  e satanista che desidera la distruzione dell’umanità. Sembra incredibile vedere tanta degenerata follia umana, ma i lettori di Stampa Libera sanno che tale  pazzia  è perfettamente possibile e sanno dove, da chi e perché nasce. I nostri politici e loro camerieri giornalisti sono complici di questo disastro. Per chi ancora non  conosce da dove possono partire gli ordini di sterminio e di perenne terrorismo e vuole saperne di più, invito a cercare nei tanti articoli già postati in questo sito, che parlano del potere mondialista.

Lino Bottaro

per analogia:

INTERVISTA A BARRIE TROWER, ESPERTO IN ARMI PER IL CONTROLLO MENTALE.