UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO
Notizie dal mondo, soprattutto da fonti internazionali, che il mainstream non riporta.

Translate

Cerca nel blog

martedì 30 settembre 2014

CONFUSI PER CIO' CHE STA ACCADENDO IN MEDIO ORIENTE ? VI SPIEGO...



Confusi per cio' che sta scadendo in Medio Oriente?
Vi spiego..

Sosteniamo il governo iracheno nella lotta contro lo Stato Islamico.
Non ci piace IS (o ISIS...), ma IS è sostenuta  dall'Arabia Saudita, che invece ci piace tanto.
Non ci piace il Presidente Assad in Siria. 
Sosteniamo la lotta contro di lui ma non IS, che sta combattendo contro di lui.
Non ci piace l'Iran, ma l'Iran sostiene il governo iracheno contro IS

Dunque, alcuni dei nostri amici sostengono i nostri nemici ed alcuni dei
nostri nemici sono nostri  amici ed alcuni dei nostri nemici  stanno combattendo contro
altri nostri nemici, e vogliamo che perdano  
Ma non vogliamo che vincano  quei nostri nemici che stanno lottando contro nostri nemici.
Se quelli che vogliamo sconfiggere vengono sconfitti, potrebbero essere sostituiti  da altri che amiamo ancora meno.

E tutto questo è cominciato  col fatto che abbiamo invaso  un paese  per cacciar via i terroristi che in realtà non c'erano, fino al momento in cui  siamo entrati... per cacciarli fuori.

Avete capito adesso?

fonte: www.davidicke.com



"Dici che dobbiamo dire loro che stiamo progettando per loro un mondo
in guerra perpetua, in  schiavitù di massa e con un feroce stato di polizia?
Ma no... lascia perdere. Lo scopriranno abbastanza presto.
Crescono cosi in fretta di questi tempi..."

vedi anche: Dragged into a war by clowns who can't even run a railway



Cameron incontra Il Califfo del Bahrain, addestrato dal Regno Unito

"Sua Maestà, avete oppresso violentemente l'opposizione
e al contempo condannato il terrorismo"
"Si, Mr Cameron, e vorrei ringraziare La Gran Bretagna  per 
avermi insegnato questi valori occidentali"

vedi anche: UK arms sale to Bahrain triples: Activist 
-------------------------
VEDI ANCHE: 

Il Califfo, Isis... e le solite menzogne


VIDEO - CONFERENZA, MOLTO SHOCKANTE  E TOCCANTE, MA CORAGGIOSO, 

David Sheen - Russell Tribunal 2014 - 24/09

E:







lunedì 29 settembre 2014

NOINET: COOPERATIVA DI COMUNITA' PER ACCEDERE AD INTERNET AD UN COSTO ACCESSIBILE

http://www.terzobinario.it/wp-content/uploads/2013/11/Noinet.jpg


NOInet è una cooperativa di Comunità che nasce dal presupposto che internet è un bene comune a cui tutti possano accedere ad un costo accessibile con standard qualitativi elevati.

Per questo con NOInet i cittadini si sono organizzati per dare reale attuazione alla liberalizzazione dell'ultimo miglio con la costruzione di reti collegate alla fibra ottica su cui far transitare voce e dati e la connessione ad Internet.

Poichè la rete è essenzialmente un fatto “immobiliare” i soci che usufruiscono del servizio mettono a disposizione in comodato d'uso gratuito i tetti delle loro abitazioni sui quali vengono installate delle antenne WiFi. La proprietà dell'infrastruttura di rete è pubblica ovvero degli stessi soci/abbonati che decidono la strategia capovolgendo il rapporto che c'è attualmente fra cliente e gestore di telecomunicazioni.

La cooperativa si finanzia con le quote sociali (200,00 euro), rimborsabili in caso di recesso del socio, con cui costruisce l'infrastruttura di rete e sostiene i costi tramite i canoni di abbonamento che per i privati sono 20,00 euro e 34,00 euro per le imprese 
NOInet è uno strumento per aiutare l'economia locale e il rafforzamento del senso di comunità e per questo accetta per il pagamento dell'abbonamento del 10% in buoni della Solidarietà ChE Cammina  ŠCEC. La cooperativa partecipa e sostiene la rete solidale dell'Italia che Cambia

NOInet è una No Profit Utility con lo scopo di creare posti di lavoro a livello locale e di reinvestire gli utili in tre direzioni:

1.    potenziamento della rete e dei servizi

2.    abbassamento dei costi di accesso (più siamo e meno paghiamo)

3.    supporto economico a progetti di alto valore sociale per la comunità



Lo scopo è quello di dotare la comunità di una rete che unisce tutti gli utenti anche in mobilità, dove voce e dati oltre ad altri innumerevoli servizi, viaggiano ad alta velocità (da 50 a 200 mbts) anche senza la connessione ad internet permettendo lo sviluppo della digitalizzazione di un territorio e di servizi incentrati sulla comunità sia sociale che economica. La connessione ad internet è garantita da una backbone connessa alla fibra con velocità che vanno da 10 a 50 mbts simmetrica (stessa velocità quindi sia per ricevere in download che per inviare in upload) che supporta agevolmente servizi come il VOIP e permettendo di avere solo la linea dati. Parte della rete è costruita con struttura ad albero e parte con la tecnologia mesh. Tutta la tecnologia utilizzata è open source.



NOInet crea know how essendo abilitata per dare crediti formativi agli studenti universitari che fanno il loro tirocinio presso la cooperativa. Giusto a titolo di esempio due dei tecnici che progettano e gestiscono la rete hanno fatto il tirocinio presso la cooperativa e si sono laureati in ingegneria informatica con due tesi su NOInet.


Attualmente abbiamo portato la connessione con la qualità della fibra a Cerveteri/Ladispoli connettendo anche zone sino ad oggi in digital divide e unificato la rete con Roma su cui stiamo lavorando in diversi municipi come ad esempio il III che lo scorso anno ha collaborato per collegare un quartiere sino ad allora in digital divide e in contropartita abbiamo collegato gratuitamente centri anziani e scuole

http://1.bp.blogspot.com/-pDzAN7SlYX8/Tlu4PknR9RI/AAAAAAAAAJA/EANHTov0Bn4/s230/noinet.jpg

La tecnologia WiFi è a basso impatto ambientale e le emissioni sono previste per legge e tanto per dare un parametro le antenne che installiamo sul tetto hanno una potenza che varia da 0,1 Watt per i 2,4 GHz ovvero le più comuni, fino ad 1 Watt per quelle a 5 GHz del backbone, contro 1-2 Watt dello smartphone che teniamo in tasca.


domenica 28 settembre 2014

VICENZA: ESERCITAZIONI INTERNAZIONALI ANTISOMMOSSA: EUROGENDFOR IN AZIONE?

Notizia pubblicata il 26 settembre 2014 

Paura e stupore ieri a Vicenza, dove nei pressi dell'ex caserma "Ghisa" si è svolta un'imponente esercitazione internazionale che ha visto impegnati centinaia di uomini, in assetto anti-sommossa, armati fino ai denti, alcuni dei quali con il volto coperto o in tenuta da bonifica radioattiva. 

Chi ha assistito alle scene ha ipotizzato che potesse trattarsi di una esercitazione di Eurogendfor, che ha la propria sede proprio a Vicenza, e non è escluso che la super gendarmeria sovranazionale abbia partecipato all'imponente esercitazione, facente parte di un progetto internazionale promosso dalla Comunità europea denominato "European police service training". Cercando informazioni abbiamo appreso che l'esercitazione è iniziata il 15 di Settembre e si è protratta fino ad oggi 26 Settembre.

Staff nocensura.com

Di seguito vi proponiamo gli articoli di due testate vicentine che forniscono informazioni e dettagli sull'operazione: 

- - - - -


Forze speciali alla Ghisa assediano la caserma
Sorpresa e allarme ieri per lo spiegamento di uomini e mezzi all'ex caserma dove si è svolto un addestramento internazionale

Da ilgiornaledivicenza.it del 25/09/2014
Poliziotti in tenuta antisommossa con caschi e sfollagente, operatori dei reparti speciali armati fino ai denti e col volto coperto dal classico mephisto, mezzi e personale per la bonifica radioattiva. Comprensibile che chi ieri mattina è passato davanti all'ex caserma Ghisa si sia quanto meno sorpreso, se non impaurito, tanto più che tra le uniformi dei carabinieri, a spiccare erano quelle, mai viste, di forze di polizia militare di altri Paesi.
Quella che si è vissuta ieri alla Ghisa, dunque, è stata una delle attività addestrative inserite nel progetto della Comunità europea European police service training, avviato nel 2011 e in fase conclusiva con lo scopo di addestrare le polizie di diversi Paesi europei, africani e di altre parti del mondo, a intervenire in situazioni post conflittuali.
Così come già avvenuto in passato per un'esercitazione degli alpini paracadutisti del 4° reggimento, quindi, la Ghisa è tornata per un giorno a essere un'area addestrativa
Per tutta la settimana il progetto Eupst, gestito dall'Arma, ha fatto base al Coespu, il centro d'eccellenza situato alla caserma Chinotto (...)

L'articolo integrale sul Giornale in edicola.

FONTE originale: ilgiornaledivicenza.it    
Esercitazione internazionale al CoESPU di Vicenza

Da vicenzareport.it del 15/09/2014


Ha preso il via questa mattina a Vicenza, presso la sede del Centro di Eccellenza per le Stability Police Units dell’Arma dei Carabinieri (CoESPU), la settima sessione addestrativa del progetto “European Union Police Services Training 2011 – 2013” (Eupst 2011-2013) che si concluderà il prossimo 26 settembre.  L’iniziativa è finalizzata alla formazione di personale per l’impiego in missioni di gestione civile di crisi internazionali sotto l’egida delle Nazioni Unite, dell’Unione Africana e dell’Unione Europea.
targa-coespu“L’esercitazione, – spiega una nota del Comando generale dei carabinieri – a cui prenderanno parte circa 500 operatori di 45 polizie di 35 diversi paesi del mondo, contributori della Politica di Sicurezza e Difesa Comune, riguarderà lezioni teoriche e pratiche nei settori della gestione del quartier generale di una missione di Polizia internazionale, dell’ordine pubblico, delle investigazioni sulla criminalità organizzata locale dedita anche al traffico di esseri umani ed al traffico illecito di rifiuti, delle indagini forensi, delle attività delle Unità di intervento speciale, dei servizi di protezione e della bonifica di ordigni esplosivi, nonché nozioni sul rispetto dei diritti umani, parità di genere e protezione dei gruppi vulnerabili (in specie donne, bambini e rifugiati). È anche prevista la partecipazione di esperti e di osservatori di Organizzazioni Internazionali”.
Si tratterà di due settimane molto intense per i partecipanti, durante le quali verranno messe a confronto “le rispettive tecniche d’intervento – continua la nota – nelle varie materie al fine di sintetizzare le pratiche più efficaci per migliorare l’interoperabilità nelle missioni internazionali di gestione civile delle crisi, applicandole successivamente, nella seconda settimana addestrativa, ad un caso pratico ambientato in un ipotetico scenario caratterizzato da un’area geografica ad alta instabilità ove una forza di Polizia Internazionale interviene sotto mandato dell’Unione Europea per affiancare la polizia locale e le organizzazioni non governative nella immediata gestione di turbative dell’ordine pubblico e nella lotta al crimine organizzato.”
L’iniziativa si inquadra nel più ampio progetto “Eupst 2011-2013”, patrocinato dall’Unione Europea e sviluppato dal 2011 da un Consorzio multinazionale composto dal Collegio Europeo di Polizia (Cepol), dal Ministero degli Affari Esteri ed Europei Francese, dalla Gendarmeria Nazionale Francese, dalla Guardia Civil spagnola, dalla Gendarmeria Romena, dalla Marechaussee dei Paesi Bassi e dall’Arma dei Carabinieri, che ne ha assunto la leadership. L’obiettivo del Progetto è quello di addestrare complessivamente 2400 operatori di polizia di paesi europei, contributori non europei della Politica di Sicurezza e Difesa Comuni  e operatori appartenenti all’Unione Africana ,  per un più efficace e coordinato futuro impiego in missioni internazionali di gestione civile delle crisi.
L’attuale esercitazione svolta in Italia, a Vicenza presso il CoESPU, è quella finale del programma addestrativo voluto dalla Unione Europea, e segue le attività organizzate in Spagna dalla Guardia Civil, in Francia dalla Gendarmeria Nazionale Francese, in Kenya, a cura dell’Arma dei Carabinieri, in Camerun, a cura del Ministero degli Affari Esteri Francese, e nei Paesi Bassi, a cura del Marechaussee olandese.
Fonte originale: vicenzareport.it  

tratti da: http://www.nocensura.com/2014/09/vicenza-esercitazioni-internazionali-in.html

sabato 27 settembre 2014

MATTEO, RE GIORGIO E MR PRESIDENT: IL SOLITO COPIONE "DEMOCRATICO", TRA SUDDITI STREMATI E DIGNITARI ARROCCATI.

quirinale02 

Chi salirà sul Colle? Ma Renzi, of course…
di MARCELLO RICCI


Renzi dall’America ha fatto sapere che per il bene di molti farà piangere alcuni, Re Giorgio ha tra le righe ha detto che dopo aver compiuti i 90, si ritirerà a vita privata, Gargamella, pardon Bersani, ricorda all’iperattivo Matteo che governa Pd e Paese anche in virtù del suo 25%. 

Notizie che singolarmente hanno valore episodico, ma se collegate acquistano significato programmatico. Si riflette, si elabora e con un quadro complesso e confuso come l’attuale, si formulano ipotesi varie e diverse , tutte possibili. Nella notte si sogna. Spesso i sogni traggono origine da pensieri abbozzati o elaborati.

Il proconsole italico ha varcato l’oceano per riferire a Obama, capo supremo delle Terre coloniali e per aver il placet sul programma. C’è aria di rivolta e il vecchio Re Giorgio vuole lasciare, farà un ultimo sforzo, quello di abdicare…ma in favore di chi? Molte indecisioni, scelta difficile. Renzi affabula, promette, forse vorrebbe mantenere, ma come?


Matteo è cosciente che i sudditi soffrono, debbono mantenere dignitari improduttivi e famelici che si sono nel tempo moltiplicati con la velocità dei batteri e resistono con la longevità degli elefanti. Sempre nel sogno il Gran Capo approva, Matteo torna nel protettorato per passare dai propositi ai fatti, ma come sempre, tra dire e fare c’è di mezzo il mare.

Sudditi stremati, dignitari arroccati, nulla si taglia, nulla si costruisce….. come uscirne senza perdere la faccia?
Come sempre, copione collaudato, crisi di governo, situazione tragica, niente elezioni, un nuovo governo esce dal cilindro del Mago, funziona è collaudato…. prima Monti con Fornero, Cancellieri, Severino dal 16 novembre 2011 al 27 aprile 2013, poi Enrico Letta dal 28 aprile 2013 al 21 febbraio 2014, poi ancora Matteo Renzi dal 22 febbraio 2014. 


Tutto semplice, senza nulla spendere per inutili elezioni, nessuno ha potuto realizzare le promesse per la brevità dei tempi di governo, nessuno è responsabile del marasma, tranquillo Matteo ne uscirai con la faccia pulita, con l’aureola del martire e stante l’età, un domani non lontano salirai sul Colle.
 

I disoccupati, gli esodati, i sottopagati, gli affamati, gli invalidi veri, i senzatetto….problemi apparenti, non sostanziali…… c’è l’arte di arrangiarsi. Regola di vita e strumento di governo.
Dal mare arriva Ebola, sbarca l’armata dell’Isis…


Non c’è problema, le epidemie sono ricorrenti nella storia, come le invasioni…


fonte: http://www.lindipendenzanuova.com/pronostici-dopo-re-giorgio/#comment-172911

venerdì 26 settembre 2014

OSPEDALE DI ROMA: SLOGGIATI PAZIENTI, LA CAMERA SERVE AL SENATORE....

senato
Notizia dedicata alla sinistra italiota, che crede soprattutto nello statalismo e in se stessa ( con auto blu e aerei di stato). Ecco la notizia rilanciata da Tze Tze.
“Perché mai la vita di un senatore deve valere di più di quella di due cittadini? Se lo chiede Roberta Cristofani, giovane infermiera del reparto di Medicina Interna del Policlinico Umberto I di Roma.

La ragazza è stata costretta a “cacciare”, lo scorso mese di agosto, alcuni pazienti dalle loro stanze. Perché, denuncia, quelle stesse stanze sarebbero servite a un senatore. E così, per trovare quelle risposte e quella giustizia che cerca, ha deciso di rivolgersi al primario del “suo” reparto con una lettera aperta pubblicata sul suo profilo Facebook e inoltrata alle redazioni dei giornali.
In Uruguay, invece, come dimostra la foto pubblicata sul Fatto Quotidiano, il presidente José Mujica fa la fila in un ospedale pubblico, attendendo pazientemente il suo turno. L’Uruguay ai mondiali di calcio ci aveva battuti 1-0. Questa notizia rende ancor più merito ad una nazione e ad un presidente vicino al popolo.


FONTE: http://www.lindipendenzanuova.com/mujica-in-fila-allospedale-in-italia-pazienti-cacciati-per-far-posto-a-un-senatore/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=mujica-in-fila-allospedale-in-italia-pazienti-cacciati-per-far-posto-a-un-senatore

giovedì 25 settembre 2014

G. CHIESA SULLA CRISI UCRAINA: GLI AMERICANI HANNO PORTATO I NAZISTI AL POTERE. GIORNALISTI ITALIANI PROPAGANDISTI DEGLI USA.

http://www.pandoratv.it/wp-content/uploads/pandora-tv-quello-che-i-media-no.jpg

DA NON PERDERE. QUI IL VIDEO
Intervenendo alla festa della Fiom a Torino, Giulietto Chiesa ripercorre le fasi salienti della crisi ucraina, sottolineando i numerosi fatti che giornali e televisioni hanno finora tenuto sotto silenzio.

ANDATE A SENTE SU PANDORA TV DEL MASSACRO AD ODESSA, UNO STERMINIO NAZISTA CHE LA STAMPA OCCIDENTALE HA TACIUTO. 

"per mesi i 7 canali italiani vi hanno raccontato menzogne. In Ucraina c'è il nazismo. I nazisti sono stai portati al potere dall'America. Non c'è più' nessun esercito ucraino. Hanno vinto i ribelli. " 

la valanga di italiani ignari e addormentati che credono a quello che dice la stampa e la tv di regime, che sta facendo passare per "liberazione" un progetto nazista , in Ucraina.

vedi anche http://www.pandoratv.it/

mercoledì 24 settembre 2014

ATTACCHI AEREI CONTRO ISIS IN SIRIA: LA GERMANIA DICE "NEIN" A OBAMA E LA FRANCIA DECLINA...



‘Un altro evento imbarazzante per la Casa Bianca , solo alcuni giorno dopo che Obama ha apprezzato i  Francesi,  per il loro aiuto nel combattere contro ISIS e  il Generale Martin  Dempsey ha anche detto  “I Francesi sono stati  il nostro primo alleato e ora sono di nuovo con noi"” gli ufficiali francesi, secondo la Reuters, hanno escluso di partecipare ai raid aereo contro lo Stato Islamico in Siria.
Con la caduta della Francia (e con la Germania che ha già detto   “nein”), sembra che l'ampia coalizione sia ora una "coalizione di nessuno" ... come Obama ha affermato , gli USA non andranno da soli.
La scorsa settimana ...
La Germania e il Regno Unito, hanno escluso di  fare attacchi aerei sui militanti dello stato islamico in Siria, un giorno dopo che il Presidente Obama ha autorizzato l'avvio degli attacchi aerei in Siria.
La Turchia, l'alleato più' stretto degli USA nella NATO,  tra il Medio Oriente, ha negato le sue basi aeree per l'uso  di punti di lancio per  attacchi aerei e non sosterrà gli attacchi aerei in Siria
Il Primo Ministro iracheno, appena installato e in buoni rapporti con gli USA, Mr al-Abadi sfugge agli USA e pone uno stop agli attacchi aerei sulle aree civili in mano a ISIS

Venerdi scorso...
Il Presidente Obama e il suo staff ringraziano la Francia  per l'accordo di aiuto in Iraq nella battaglia contro lo Stato Islamico.
"Siamo lieti di coordinarci con i nostri partner francesi nei prossimi giorni", ha detto il portavoce della Casa Bianca , John Earnest
E oggi... (data post 23.9.14)
  • La Francia declina attacchi aerei in Siria  contro lo Sttao ISlamico, cosi ha detto il Ministro degli Esteri LAURENT FABIUS 

martedì 23 settembre 2014

DI CAPRIO NOMINATO AMBASCIATORE ONU PER IL "CLIMATE CHANGE". PROPAGANDA HOLLIWOODIANA.



"SON FAMOSO, DI BELL'ASPETTO, 
HO UNA GRANDE PIATTAFORMA DI PUBBLICO E 
NESSUNA IDEA DELLA BUFALA  DEL CAMBIAMENTO  CLIMATICO.
HANNO DETTO CHE ERO PERFETTO!"
da: davidicke. com

‘Leonardo DiCaprio è stato insignito dalle Nazioni Unite del titolo di Messaggero di Pace e gli  è stato chiesto di fare un discorso [sarà sicuramente tutto suo..., ndt] il 23 settembre al Summit ONU sul Clima , che si riferisca  al tema di cambiamento  climatico. Così ha annunciato  l'organizzazione internazionale  matedi us.

" Sento un dovere morale parlare apertamente in questo momento chiave della storia umana; è un momento per agire. Come risponderemo, negli annuI a venire,  alla crisi climatica, determinerà molto probabilmente il destino dell'umanità e del pianeta"  

>>> tutto l'articolo qui: http://www.hollywoodreporter.com/news/united-nations-names-leonardo-dicaprio-733215



VOGLIAMO AGENDA 21
VOGLIAMO ESSERE SCHIAVI
CREDEREMO A TUTTO CIO' CHE CI DIRANNO

da: davidicke.com

VEDI ANCHE: E' agenda 21, non global warming!



"IL CAMBIAMENTO CLIMATICO E' LA SFIDA MAGGIORE
PER LA UMANITA'"- CARLO
NO E' ASSOLUTAMENTE LA CABALA GLOBALE CHE
TU RAPPRESENTI, CARO AMICO

VEDI ANCHE:  Le balle ecologiste del Principe Carlo



FAMMI UNA MANIFESTAZIONI DI SCHIAVI
INVENTA UNA GRANDE MENZOGNA  E CHIAMALA
CAMBIAMENTO CLIMATICO CAUSATO DA UMANI
COME SCUSA PER TRASFORMARE  LA SOCIETA' TUTTA
E POI   FA IN MODO CHE  COLORO CHE DESIDERI
SCHIAVIZZARE, TI CHIEDANO DI FARLO.
da davidicke.com

>>> vedi ANCHE:
http://www.globalresearch.ca/climate-change-manufactured-dissent-and-foundation-funded-doomsayers/5403386

























lunedì 22 settembre 2014

TERRORISTI ISIS, PENDOLARI SUL TRAM A ISTANBUL,TURCHIA?




QUI IL VIDEO SU YOUTUBE

Pubblicato il 19/set/2014
Una coppia di iracheni ha scorto di recente due militanti del gruppo terroristico  "Islamic State" (ovvero ISIL or ISIS) su un tram a Istanbul . Sono stati in grado di filmarli con un cellulare. Tutto questo nel mezzo della polemica dell'Occidente sul fatto che il governo turco stia fornendo supporto all'ISIS, non solo nell'assisterli ad entrare in Siria dai suoi territori, ma anche fornendo loro rifugio, armi e trattamento medico iracheni. La Turchia ha anche deciso di non partecipare alla coalizione militare ANTI-ISIS , condotta dagli USA e che include anche stati che sponsorizzano il terrorismo, come l'Arabia Saudita  e Quatar 

tradotto dalla fonte youtube del filmato
-----------

estratti da: http://www.prisonplanet.com/video-isis-terrorists-openly-commute-on-subway-in-istanbul-turkey.html
(...) Il video indica che i due uomini che indossano l'attrezzatura ISIS stanno facendo i pendolari nella città turca , di oltre 14milioni di abitanti.
I due uomini appoint calmi e rilassati in pubblico, cosa che ci si potrebbe aspettare dato che non solo ci sono dei magazzini nel paese NATO che vendono merce ISIS , ma che il   governo turco ha anche addestrato i militanti ISIS perché  combattano in Siria. 
“E' stato trovato almeno un negozio di abbigliamento a  Bagcilar, un quartiere di operai vicino alla periferia di  Istanbul, che vende  T-shirts, cappelli, pantaloni con tasconi e bandane con immagini dello Stato Islamico,”  così reporta  Fox News.
La Turchia è una delle maggiori fonti di combattenti stranieri per ISIS  e molti di questi militanti hanno ricevuto addestramento ed equipaggiamento dal governo turco vicino  alla base aeronautica di  Incirlik in Turchia, dove si trovano il personale militare e l'equipaggiamento .

domenica 21 settembre 2014

SENATO 5STELLE, LEZZI E RIFORME: CONTI ED ELENCO DELLE IPOCRISIE E SPRECHI AI DANNI DEI CITTADINI .


ASCOLTARE PER SVEGLIARSI.



dove sta la fila???... alle "menzogne rassicuranti"
chi è senza coda?  Le verità spiacevoli

sabato 20 settembre 2014

UN ALTRO ORRORE INUMANO SUL PIANETA: I CAMPI DI OSTAGGI NEL SINAI



trafficanti di esseri umani... Secondo la portavoce tutto comincio' con la morte di Gheddafi . La moltitudine noi ha saputo piu' dove dirigersi. "Israele cambia le sue politiche quindi nessuno di loro vuole andare in Israele", dice. .
Migliai le persone torturate e uccise.


Pubblicato il 26/giu/2014


Eserciti di rifugiati africani  cercano asilo in ISraele ma diventano oggetto di trafficanti di esseri umani.che hanno costruito i loro campi di torturanel Sinai.
Piu' di 3000 migranti AL MESE arricvano dalla sola Eritrea. 
Molti di loro sono sttai rapiti e torturati fino a che le loro famiglie non pagano.
Se non lo fanno i trafficanti uccidono gli ostaggi. Piu' di 4000 persone sono già state uccise dal 2008, circa 1000 si pensa siano ad ora in schivitù

venerdì 19 settembre 2014

SCOZIA: REFERENDUM INDIPENDENZA. BROGLI ELETTORALI? STRANI VIDEO...



MISTERIOSI CERCHI DI GRANO IN BAVIERA


http://www.segnidalcielo.it/wp-content/uploads/2014/07/crop-Ammersee1.jpg

Sono apparsi all’improvviso la settimana scorsa in un campo nei pressi Raisting, in Baviera: tre grossi cerchi disegnati nel grano. La notizia dei «crop circles» è subito finita su molti siti d’informazione e blog e la zona invasa ogni giorno da centinaia di curiosi. Ovvio che il pensiero è subito andato a fantomatici alieni o potenziali messaggi da parte di extraterrestri. L’opera, che misura 75 metri di diametro, è sorta a poche centinaia di metri da un’antenna parabolica, ora in disuso, che nel 1969 permise la trasmissione in diretta tv in tutte le case d’Europa dello sbarco sulla Luna. 
FONTE E VIDEO: http://video.corriere.it/misteriosi-cerchi-grano-comparsi-baviera/4d448da4-1a2d-11e4-8091-75f99d804c44 

giovedì 18 settembre 2014

NAZIONI UNITE DELLE RELIGIONI: PERES LE VUOLE. INCONTRA PAPA FRANCESCO, "IN ASCOLTO"

abbraccio peres pope

Giovedi scorso, il Papa e l'ex  Presidente isreliano Shimon Peres, si sono incontrati per una conversazione privata di 45 minuti. Fulcru di questa discussione è stata la proposta fatta da Peres, di stabilire un “United Nations of Religions” (Nazioni Unite delle Religioni) 

Si è trattato del terzo meeting tra i due uomini, in poco più di quattro mesi. Come potete vedere nel seguito, Papa Francesco
" ha mostrato il suo interesse, attenzione e incoraggiamento" quando Peres ha esposto la sua proposta.
Naturalmente Papa Francesco non si è impegnato per alcuna cosa, e probabilmente non vedremo a breve un  “United Nations of Religions”, ma ogni idea deve avere il suo inizio da qualche parte...
Se il Papa infine decidesse di spingere per una simile cosa, potremmo forse vedereun unico corpo globale che rivendica di rappresentare tutte le religioni del mondo?
E' molto insolito per il Papa incontrarsi con un leader mondiale per tre volte in poco più di 4 mesi . Ma è questo ultimo incontro tra Papa Francesco e Shimon Peres  che ad ora è stato quello piu' degno di nota.
Ecco come Fox News lo ha riportato…
Il Presidente Israeliano in pensione, Shimon Peres ha proposto a Papa Francesco una nuova iniziativa di pace globale: un “United Nations of Religions,” dato che  la piu' parte delle guerre oggi, ha sottocorrenti religiose e non nazionaliste. 
“Cio' di cui abbiamo bisogno è una organizzazione di Religioni Unite … come modo migliore per combattere il terrorismo che uccide in nome della fede,” ha detto Peres . “Cio' di cui abbiamo bisogno è di una autorità morale indiscutibile che dica a voce alta: "No, Dio non lo vuole e non lo permette .’”
[Qualcuno avverte smarrimento, stupore confusione nel leggere queste ultime parole? Tranquilli: è solo il linguaggio arcontico: distorcere, manipolare, negare, ndr ] 



peres-pope-get-attachment-38-587x330

 Parodia da D. Icke: "Peres lo vuole? Allora deve essere proprio brutta  cosa. "Dico che voglio un ONU di religioni, ma voglio veramente la nostra Unica Religione Mondiale, da lungo tempo programmata, Cosi adorerete tutti il demone dei demoni, come vostro dio"













mercoledì 17 settembre 2014

DI BATTISTA: SPESI 333.000 EURO PER UNA TRADUZIONE TECNICA DI VEICOLI MILITARI IN GIBUTI !!

Sprechi militari, istruzioni per l’uso







Vi e’ mai capitato di domandarvi: “come ho fatto a spendere 100 euro che non ho comprato nulla?”. Capita a tutti e tutti sanno darsi una sola risposta: “li ho spesi in stronzate!”. Questo fa il governo, solo che non lo fa con i soldi suoi, lo fa con i nostri.

Non ci sono denari per sbloccare gli stipendi degli statali (sostiene la Madia), le scuole crollano, i genitori danno merenda e carta igienica ai figli, i posti letto negli ospedali sono sempre meno e guardate come spende i nostri soldi il governo Renzi.

Questo e’ un articolo del decreto di proroga delle missioni internazionali (altri 400 milioni di euro che se ne vanno per molte missioni inutili e dannose). Il comma 3 dell’articolo prevede la spesa di 333.000 euro. Con 333.000 euro, lo ricordo, diamo il reddito di cittadinanza per un anno a 27 italiani che vivono in povertà. Sapete a cosa servono questi 333.000 euro del comma 3? A tradurre dei manuali di utilizzo di alcuni veicoli che abbiamo (con lo scorso decreto missioni) regalato alla Repubblica di Gibuti.

333.000 per tradurre dei manuali? A parte il fatto che se proprio dobbiamo regalare dei mezzi a Gibuti (prima ci sarebbe da rifornire le scuole italiane di gessetti e carta igienica) meglio regalare 3 ambulanze (proposta del M5S) ma vi sembra accettabile questa cifra? 333.000 euro per una traduzione! Sono soldi nostri.

“Si tratta di manuali tecnici” ci ha risposto ieri il governo. A questo punto il mio collega Paolo Bernini ha scoperto sul web che a Gibuti quei mezzi li hanno già utilizzati in questi mesi e senza i manuali tecnici che gli dobbiamo ancora mandare dopo averli fatti tradurre. 

La risposta del sottosegretario alla difesa e’ stata la seguente: “e’ vero ma i manuali che gli stiamo mandando servono per la manutenzione, non per il funzionamento dei mezzi”.

Quando vi parlano in tv di crisi, di recessione in tutta Europa, di soldi che mancano non ci credete! I soldi ci sono, solo che molti se li rubano (corruzione più alta d’Europa) e molti altri li spendono in stronzate.

FONTE: http://www.lindipendenzanuova.com/sprechi-militari-istruzioni-per-luso/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=sprechi-militari-istruzioni-per-luso

martedì 16 settembre 2014

AMSTERDAM: POMODORI CONTRO SANZIONI RUSSE. SOFIA: MANIFESTAZIONE PRO RUSSIA. PRAGA: CONTRARIA A SANZIONI



Ad Amsterdam battaglia di pomodori per protestare contro le sanzioni russe

Nella piazza centrale di Amsterdam oggi è andata in scena una battaglia di pomodori in segno di protesta contro il blocco della Russia sulle importazioni di prodotti agricoli provenienti dalla UE.

Proprio per la lotta gli organizzatori hanno comprato 120mila pomodori non più buoni per essere mangiati. I biglietti per l'evento costavano 15 euro.
Dopo la battaglia la piazza è stata pulita e il denaro raccolto andrà a sostenere gli agricoltori colpiti dalle sanzioni russe.

Nella capitale bulgara ci sono state manifestazioni contro la guerra in Ucraina e di sostegno alla Russia.

Diverse centinaia di dimostranti con striscioni e bandiere sono sfilati per le strade di Sofia, dal palazzo dell'Assemblea Nazionale (Parlamento) fino al palazzo dell'amministrazione presidenziale.

I dimostranti hanno inoltre adottato una dichiarazione, in cui hanno sottolineato la necessità di uno stop immediato e completo della guerra in Ucraina e dei tentativi di coinvolgere la Bulgaria nelle “guerre di conquista” degli USA. In memoria delle vittime del conflitto ucraino sono state accese candele ed è stato fatto un minuto di silenzio.
 

Bohuslav Sobotka

Sanzioni più severe contro la Russia portano seri rischi. Lo ha dichiarato Bohuslav Sobotka, primo ministro della Repubblica Ceca.

Secondo il premier ceco, l'Europa può far male con queste sanzioni soprattutto a sè stessa. Sobotka ritiene che "il problema più grande" sia la risposta che "la Russia può assumere in relazione alle azioni UE."

Nell'ultimo vertice UE di Bruxelles, Sobotka ha criticato le sanzioni già prese contro la Russia.